Keystone
+ 34
SVIZZERA
15.06.19 - 15:520

Non un'onda, ma una marea viola: ieri erano più di 500'000

«Il 14 giugno 2019 passerà alla storia come la più grande azione politica nella storia elvetica dallo sciopero generale del 1918», scrive USS

BERNA - Lo sciopero delle donne di ieri ha ampiamente superato ogni aspettativa. È quanto rileva oggi l'Unione sindacale svizzera (USS), secondo cui oltre mezzo milione di persone hanno formato la marea viola che ha invaso strade e piazze del Paese.

Gli svizzeri hanno dunque risposto alla grande all'iniziativa tanto che, si legge in una nota dell'USS, il numero di partecipanti ha superato quello del primo sciopero delle donne, risalente al 1991. «Il 14 giugno 2019 passerà alla storia come la più grande azione politica nella storia elvetica dallo sciopero generale del 1918», scrive il sindacato.

L'adesione è stata notevole sin dal mattino: 100'000 persone sono scese in strada prima di mezzogiorno. Nella sola Zurigo, in tutta la giornata i partecipanti sono stati 160'000. La massa colorata di lilla ha paralizzato il centro anche a Losanna (60'000), Berna, Basilea (40'000 ciascuna) e Ginevra (20'000).

Affluenze storiche per le città si sono registrate pure a Friburgo e Sion (entrambe 12'000), ma anche a Bellinzona, Neuchâtel e Winterthur, centri in cui sono accorse 10'000 persone, sottolinea il sindacato nel suo bilancio.

L'enorme mobilitazione dimostra che la lotta per l'uguaglianza professionale e sociale di genere deve andare avanti. Allo sciopero di ieri hanno aderito donne di ogni estrazione, viene evidenziato nel comunicato.

Ora si agisca - I datori di lavoro saranno chiamati in causa in autunno sui salari. Secondo il sindacato dovranno offrire sostanziali aumenti in particolar modo alle donne, soprattutto nelle occupazioni "tipicamente" femminili, che si distinguono per stipendi molto bassi.

È inaccettabile che le donne siano svantaggiate rispetto ai colleghi uomini per quanto riguarda la retribuzione, si lamenta l'USS: ci vogliono controlli e sanzioni. Inoltre, le chance di fare carriera delle persone di sesso femminile devono essere migliorate, proponendo anche una compatibilità più efficiente tra lavoro e famiglia.

Il sessismo, prosegue il sindacato, va contrastato con fermezza, anche nel mondo del lavoro. Non possono essere accettate molestie sessuali, né licenziamenti a causa di una maternità o per chi deve assistere i propri familiari, conclude l'USS.

KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (MELANIE DUCHENE)
Guarda tutte le 38 immagini
1 mese fa L'onda viola travolge Bellinzona
1 mese fa «Io ci sono perché...»
1 mese fa Sciopero delle donne: fischietti in Piazza Riforma, balletti a Bellinzona
1 mese fa Onda viola in Svizzera: centinaia di migliaia in piazza per le donne
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora

UBS, Credit Suisse e Nestlé non volano più

Le grandi aziende chiedono ai loro dipendenti di viaggiare in treno anziché in aereo. Ma i motivi non sono (solo) legati all’ambiente

SVIZZERA
1 ora

Coop richiama l’hummus Muhammara Coop Karma

La dichiarazione riportata sull’etichetta sul fondo della confezione è errata: ci sono anche allergeni non dichiarati (noci e glutine)

SVIZZERA
3 ore

Il franco svizzero si rafforza, ma la BNS non interviene

La spiegazione è la somma di numerosi fattori

ZURIGO
3 ore

Mobbing all'ETH, la professoressa è stata licenziata

Le critiche mosse dai dottorandi sono state ritenute «giustificate», il suo comportamento è stato «grave e iniquo»

SONDAGGIO
SVIZZERA
3 ore

«Decido io a chi far sapere il mio nome»

Il personale di controllo delle FFS si rivolge spesso ai passeggeri personalmente. Per alcuni viaggiatori questo pone un grosso problema in termini di privacy

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report