DepositPhotos (archivio)
SVIZZERA
11.06.19 - 11:260

Poche «irregolarità gravi» nel commercio dei vini

Il Controllo svizzero ha ispezionato più di 1'300 aziende vitivinicole nel 2018: «Solo 19 presentavano etichette fuorvianti o il superamento dei diritti di taglio e di assemblaggio»

BERNA - L'anno scorso il Controllo svizzero del commercio dei vini (CSCV) ha ispezionato più di 1'300 aziende vitivinicole: soltanto in 19 casi sono state rilevate irregolarità gravi, come «etichette fuorvianti o il superamento dei diritti di taglio e di assemblaggio».

Questi 19 casi hanno comportato una denuncia alle autorità cantonali competenti, in primo luogo ai chimici cantonali. Il numero di denunce - scrive oggi in una nota il CSCV - è stabile rispetto al 2017 e rappresenta circa l'1,4% di tutte le ispezioni.

Sul totale dei 1'336 controlli effettuati, 450 non hanno sollevato alcuna irregolarità. Altri 701 hanno portato a contestazioni di minor conto, «essenzialmente di tipo amministrativo o volte a migliorare il controllo da parte del CSCV».

Nel 2018 all'ente di controllo sono state notificate 400 nuove aziende operanti nel commercio dei vini. Altre 303 aziende hanno invece cessato l'attività, per un totale di 3'715 aziende che al 31 dicembre erano notificate al CSCV.

Dal primo gennaio di quest'anno - si legge ancora nella nota - il CSCV è diventato l'organo di controllo unico del settore del commercio de vini, ereditando dagli organi cantonali il controllo di circa 1'100 vignaioli-cantinieri. La nuova ordinanza federale sul vino conferisce in particolare all'ente federale la competenza di adottare misure amministrative, in modo da ridurre almeno in parte i casi di denuncia.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
6 ore
Freddy Nock condannato a due anni e mezzo di prigione
Il funambolo 55enne è stato riconosciuto colpevole di tentato omicidio intenzionale nei confronti di sua moglie
TURGOVIA
8 ore
Ciclista 15enne investito e ucciso da un'auto
Alla guida dell'automobile c'era una donna di 27 anni
SVIZZERA
9 ore
Accordo quadro, Pfister attacca Cassis: «Mostri più polso»
Il presidente del PPD ne ha pure per il segretario di Stato Roberto Balzaretti: «Ha fatto pubblicità per l'accordo e lo ha presentato come se fosse la miglior possibilità. Va sostituito»
SVIZZERA
11 ore
I Verdi «erano e rimangono pronti»
La candidata Regula Rytz ha reagito con toni battaglieri alla sconfitta di questa mattina, tracciando la via per il prossimo quadriennio: «Servirà un segnale ancora più forte»
FOTO
LUCERNA
14 ore
Beccate tre "auto-igloo"
La visibilità dai vetri dei veicoli era chiaramente insufficiente per circolare: «Prendetevi il vostro tempo. La sicurezza è fondamentale»
STATI UNITI
15 ore
UBS accusata di truffa: a giudizio negli USA
Il Dipartimento di giustizia accusa la maggiore banca svizzera di aver causato agli investitori perdite "catastrofiche" con crediti ipotecari residenziali
SVIZZERA
16 ore
Nessuna sorpresa, Cassis rimane al suo posto
Il consigliere federale ticinese è stato rieletto con 145 voti. Alla presidente dei Verdi Regula Rytz non è riuscita la scalata al Governo
SAN GALLO
16 ore
Pedone investito da un automobilista: erano entrambi ubriachi
L'incidente è avvenuto ieri sera a Oberhelfenschwil. Un 66enne è finito in ospedale
SVIZZERA
17 ore
Il Consiglio federale ha prestato giuramento
L’Assemblea federale ha riconfermato tutti i consiglieri uscenti. Sommaruga eletta presidente per il 2020. Tutte le cifre delle votazioni nel nostro live
SVIZZERA
19 ore
Ignazio Cassis resterà in Consiglio federale?
Il Parlamento procederà stamattina con l'elezione del Governo. La poltrona del ticinese è presa di mira dalla presidente dei Verdi Regula Rytz, che però difficilmente avrà i numeri per scalzarlo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile