DepositPhotos (archivio)
SVIZZERA
11.06.19 - 11:260

Poche «irregolarità gravi» nel commercio dei vini

Il Controllo svizzero ha ispezionato più di 1'300 aziende vitivinicole nel 2018: «Solo 19 presentavano etichette fuorvianti o il superamento dei diritti di taglio e di assemblaggio»

BERNA - L'anno scorso il Controllo svizzero del commercio dei vini (CSCV) ha ispezionato più di 1'300 aziende vitivinicole: soltanto in 19 casi sono state rilevate irregolarità gravi, come «etichette fuorvianti o il superamento dei diritti di taglio e di assemblaggio».

Questi 19 casi hanno comportato una denuncia alle autorità cantonali competenti, in primo luogo ai chimici cantonali. Il numero di denunce - scrive oggi in una nota il CSCV - è stabile rispetto al 2017 e rappresenta circa l'1,4% di tutte le ispezioni.

Sul totale dei 1'336 controlli effettuati, 450 non hanno sollevato alcuna irregolarità. Altri 701 hanno portato a contestazioni di minor conto, «essenzialmente di tipo amministrativo o volte a migliorare il controllo da parte del CSCV».

Nel 2018 all'ente di controllo sono state notificate 400 nuove aziende operanti nel commercio dei vini. Altre 303 aziende hanno invece cessato l'attività, per un totale di 3'715 aziende che al 31 dicembre erano notificate al CSCV.

Dal primo gennaio di quest'anno - si legge ancora nella nota - il CSCV è diventato l'organo di controllo unico del settore del commercio de vini, ereditando dagli organi cantonali il controllo di circa 1'100 vignaioli-cantinieri. La nuova ordinanza federale sul vino conferisce in particolare all'ente federale la competenza di adottare misure amministrative, in modo da ridurre almeno in parte i casi di denuncia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
10 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
11 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
12 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
14 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
14 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
15 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
16 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
17 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
SVIZZERA
18 ore
L'infrastruttura digitale «è carente» nel settore pubblico
Il problema è emerso soprattutto nel periodo di lockdown.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile