tipress (archivio)
VALLESE
06.06.19 - 10:480

Carcere di Granges, regime di detenzione troppo restrittivo

Alcuni controlli effettuati sulla struttura hanno trovato non conformi alle norme nazionali le condizioni dei detenuti

BERNA - Nel rapporto pubblicato il 6 giugno 2019, la CNPT stila un bilancio delle sue due visite di controllo effettuate nel 2017 e nel 2019 presso il centro di detenzione amministrativa LMC di Granges.

Pur approvando le misure disposte dal Consiglio di Stato vallesano, la CNPT ritiene che siano necessarie modifiche più incisive per rendere le condizioni della detenzione amministrativa conformi alle norme nazionali e internazionali.

Nel rapporto, che riassume le sue principali constatazioni, la Commissione stila un bilancio dell'attuazione delle raccomandazioni trasmesse al Consiglio di Stato vallesano. Accoglie positivamente l'edificazione di un nuovo stabilimento di detenzione amministrativa previsto per il 2022, ma, considerando il carattere non penale della detenzione, si dice preoccupata delle condizioni di detenzione, ritenendole contrarie agli standard nazionali e internazionali. Constata invece con soddisfazione che il Consiglio di Stato ha rinunciato a collocare nel centro donne e minori.

Regime di detenzione troppo restrittivo - Pur dicendosi soddisfatta delle ristrutturazioni previste dalle autorità, in particolare una sala supplementare per i pasti in comune dei detenuti e un atelier per la loro occupazione, la Commissione ritiene che tali misure non siano sufficienti per attenuare il regime di detenzione troppo restrittivo, che costringe i detenuti a passare in media dalle 19 alle 20 ore in cella. Si dice pertanto rammaricata che il Consiglio di Stato non segua la raccomandazione di prevedere la reclusione in cella soltanto durante la notte; una misura che la Commissione giudica praticabile alla luce di quanto constatato in altri stabilimenti.

Rifiuto di concedere l'uso limitato del cellulare - La Commissione raccomanda inoltre alle autorità di rendere meno severo il regime delle visite e di agevolare i contatti con il mondo esterno, introducendo in particolare l'uso limitato dei cellulari, analogamente a quanto praticato in altri stabilimenti di detenzione amministrativa in Svizzera. È delusa dalla risposta del Consiglio di Stato, che si rifiuta di entrare nel merito per ragioni di sicurezza.

Dal 2010 la Commissione ha visitato cinque volte il centro LMC di Granges. Nell'ambito di un colloquio bilaterale nel maggio 2018, aveva in particolare illustrato le proprie preoccupazioni al Consiglio di Stato raccomandandogli di adottare misure urgenti. Nel gennaio 2019, la Commissione aveva effettuato una visita di controllo incontrando anche i rappresentanti della Commissione consultiva LMC.

TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
17 min
Sparò a due rapinatori, assolto agente di sicurezza
Secondo i giudici delle Assise correzionali l'uomo, un ex gendarme francese, agì per legittima difesa.
SVIZZERA
1 ora
«La manifestazione? Un casino, dovevano multarli tutti»
Divide l'opinione politica il corteo di questo lunedì a Zurigo fra condanne e chi vorrebbe assembramenti più numerosi
SVIZZERA
3 ore
«L'incompetenza dell'UFSP è un pericolo per la salute e la vita»
L'app SwissCovid è scaricabile da tutti, anche da chi non fa parte del gruppo pilota. Le critiche del legale
GRIGIONI
3 ore
Bimba travolta e uccisa da una scultura: «I genitori non l'hanno lasciata da sola»
Il dramma di Flims il giorno dopo, fra cordoglio e tanti dubbi. Una mamma: «Poteva succedere anche ai miei figli»
SVIZZERA / FRANCIA
5 ore
UBS, il processo d'appello in Francia è rinviato al 2021
La banca è stata condannata in primo grado al pagamento di 4,5 miliardi di euro per evasione fiscale
EUROPA / SVIZZERA
5 ore
Nestlé dovrà cambiare nome ai suoi hamburger vegani
Secondo i giudici dell'Aja la denominazione corrente ricorda in maniera un po' sospetta quella di un prodotto rivale
SVIZZERA
6 ore
La spesa in Italia? Domani non cambia niente
La Svizzera mantiene le limitazioni in entrata «fino a nuovo avviso». Ecco le decisioni del governo federale
SVIZZERA
8 ore
Molestie e mobbing non se ne vanno con il telelavoro
A dirlo è una professoressa dell'Università di Ginevra. Molestare a distanza sarebbe addirittura più facile.
SVIZZERA
8 ore
I giornali tornano nei bar
Caffè e informazione: dal prossimo venerdì sarà di nuovo possibile, come prevede il nuovo piano di protezione
SVIZZERA
8 ore
Solo tre contagi in più di ieri
Il virus nel nostro Paese si diffonde sempre meno.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile