tipress (archivio)
BERNA
05.06.19 - 14:270

Alle FFS mancano 1000 macchinisti

La campagna di marketing si è rivelata insufficiente. Tanto che le ricerche si sono spostate in Germania

BERNA - La mancanza di conducenti di locomotiva presso le FFS è così acuta che ne sta risentendo persino il traffico ferroviario. Come riportato dal BLICK, la situazione è critica e la richiesta di treni supplementari non ha fatto che peggiorare la situazione. Le FFS affermano di aver ripreso in mano la situazione, ma il problema sembra essere tutt'altro che risolto.

Infatti, in futuro, la mancanza di personale si intensificherà perché le Ferrovie federali hanno un grave problema: è in arrivo un'ondata di pensionamenti. Oggi le FFS contano circa 3.500 macchinisti, ma ne servono di più, anche nell'ottica dell'espansione prevista.

Attualmente sono circa 90 i conducenti che si ritirano ogni anno, 35 a causa delle normali fluttuazioni. Entro il 2024, le FFS si aspettano l'addio di circa 175 dipendenti per anzianità lavorativa. Secondo questo calcolo si apriranno circa 1000 posizioni entro i prossimi 5 anni.

I sindacati criticano la strategia FFS - Per Hans-Ruedi Schürch (52 anni), del sindacato Lokomotivpersonalverband LPV e da 31 anni macchinista FFS, la mancanza di personale è voluta. La sua accusa: «Il fatto che un gran numero di macchinisti ora vadano in pensione le FFS non lo sanno da oggi, ma almeno dal 2005. Meyer (CEO delle FFS) non ha mai fatto un segreto del fatto che le FFS preferiscano lavorare leggermente in sotto organico piuttosto che con un macchinista troppo. Il risultato? I conducenti devono fare straordinari per anni e saltare le vacanze».

Il portavoce delle FFS Reto Schärli replica: «La carenza di personale non è mai stato un obbiettivo. Durante tutto l'anno, lo staff delle locomotive ha una forza lavoro equilibrata». Proprio perché il pensionamento di molti dipendenti esperti era effettivamente prevedibile, secondo Schärli le FFS hanno formato negli ultimi anni molti più macchinisti.

Ciò nonostante il problema resta. Tanto che la filiale Cargo in Germania ha persino promesso ai macchinisti un'indennità speciale di 500 euro al mese. Ciò per colmare il vuoto di 50 conducenti sull'asse nord-sud.

Società terze - I buchi al momento vengono coperti affidandosi a personale che proviene da società terze. «I macchinisti esterni possono contribuire a coprire determinati picchi stagionali», afferma Sprecher Schärli. Se in futuro le ferrovie federali assumeranno ancora più lavoratori temporanei per compensare la carenza di personale, le FFS affermano di non poterlo prevedere.

Stipendi bassi - Un altro problema: il lavoro come macchinista non è più attraente. Durante la formazione, lo stipendio annuale ammonta a quasi 45.000 franchi. Dopo la formazione, i dipendenti permanenti iniziano con uno stipendio annuo di 70.355 franchi. Secondo Schürch: «I salari di formazione e gli aumenti salariali successivi devono essere sensibilmente migliorati. Anche il salario massimo dovrebbe essere aumentato».

Inoltre, c'è il timore che i treni un giorno rimangano senza il conducente a causa dell'automazione. Il portavoce delle FFS rassicura: «Anche con lo sviluppo tecnologico dei treni, in futuro avremo bisogno di professionisti ben addestrati».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
centauro 1 anno fa su tio
Secondo me cercano personale dalla Germania per il solo fatto che parlano tedesco e li assumono con una paga inferiore.
NoReply 1 anno fa su tio
Si, questo è il sogno della dirigenza FFS. Finora peró tutti i tentativi sono andati a monte.
F.Netri 1 anno fa su tio
Bisogna solo pazientare qualche anno, poi il mestiere del macchinista sarà obsoleto, perfino in Svizzera.
Maxy70 1 anno fa su tio
Tranquilli, grazie alla "libera circolazione" (dei disoccupati UE) arrivano gli euro-macchinisti, per loro 70'355.- bastano, avanzano e ne cresce ancora!
ratpics 1 anno fa su tio
Io mi sono candidato più volte in tutte le varie ‘classi’ di macchinisti, ho anche fatto un colloquio ma un caro resp HR al quale stavo chiaramente sul c..o non andavo bene e mi ritrovo ancora alla ricerca di lavoro... andate a prenderli in Germania!! Bravi cojoni!!!! Se prima sevi nervos ades som fö di sctrasc!!!!
Bob Lutz 1 anno fa su tio
Chiedete a FFS cosa hanno fatto in Ticino. Sono 25 anni che non formano classi di macchinisti viaggiatori in Ticino, creano l'etichetta Tilo e assumono oltre confine con le paghe più basse di tutte le ferrovie a medio raggio. I risparmi se li ritrova nel suo salario milionario, buono solo per togliersi la concorrenza di BLS facendo offerte di ritiro della quota del canton Berna.
Danny50 1 anno fa su tio
Mi raccomando, formate e assumete solo stranieri, visto che gli svizzeri vi fanno schifo. Se siete arrivati a questo punto significa che siete degli emeriti inetti.
tirannosaurosex 1 anno fa su tio
Cominciassero a trattare bene i dipendenti poi vedi che la gente non scappa più!
Ecthelion 1 anno fa su tio
70'000 come stipendio iniziale dopo 18 mesi di formazione non mi sembrano bruscolini..
tirannosaurosex 1 anno fa su tio
@Ecthelion Arrivi a malapena a 5mila netti. Lavorando con turni assurdi e pianificazioni impossibili!
NoReply 1 anno fa su tio
Questa situazione è voluta da FFS, peggiorando le condizioni di lavoro hanno creato la mancanza di personale. Mancando personale pretenderanno l'abbassamento dei criteri d'ammissione all'ufficio dei trasporti, cosí potranno assumere personale senza adeguata formazione a stipendi e condizioni da fame. Giá oggi si affidano sempre piú a personale a noleggio, che spesso è povera gente assunta dalla Germania, Francia e Italia costretti a coprire buchi in tutta la Svizzera su chiamata perchè nel loro paese faticherebbero ad arrivare a fine mese. A tali condizioni di lavoro nessuno è in grado di garantire qualitá e sicurezza.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
19 min
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
2 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
2 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
3 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
SVIZZERA
4 ore
Gli svizzeri sono d'accordo con le misure anti-coronavirus
È quanto emerge da un sondaggio. Oltre la metà degli intervistati si dice soddisfatta delle disposizioni
SVIZZERA
5 ore
Il settore degli eventi «con un piede nel baratro»
Soltanto nel 2020 sono stati cancellati oltre 17'000 progetti, con un calo del fatturato del 57%
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera altri 2'744 contagi e 16 morti nel weekend
Il tasso di positività dei test Covid è attualmente pari al 4,3%
SVIZZERA
7 ore
Soldatesse “influencer” per motivare le donne
Ecco le proposte per aumentare la quota femminile dell'esercito svizzero
LUCERNA
7 ore
Al volante con il 3,28 per mille
Un automobilista di 51 anni è stato fermato a causa della sua guida pericolosa sabato sera a Emmenbrücke.
SVIZZERA
8 ore
Un 8 marzo a tutto tondo
Un giorno per celebrare le conquiste delle donne, ma anche per non dimenticare quante cose possono migliorare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile