Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA/FRANCIA
04.06.19 - 13:380
Aggiornamento : 13:54

Platini contro Infantino: «Vomitava sulla FIFA, non è credibile ora»

Il presidente è a Parigi per incontrare gli elettori in vista del voto di domani. Il francese: «Sono tutti amici fra Zurigo e Berna»

PARIGI - Il presidente della FIFA, Gianni Infantino, sta incontrando a Parigi i 211 elettori chiamati domani a rieleggerlo al vertice per il prossimo quadriennio, visto che il dirigente italo-svizzero si presenta come unico candidato.

Infantino partecipa a una serie di incontri bilaterali con i delegati dell'Uefa (Europa), Conmebol (Sudamerica), Caf (Africa), Afc (Asia), Concacaf (Nordamerica) e Ofc (Oceania). Per l'occasione, i vertici della federcalcio asiatica hanno intanto deciso che sarà la Cina ad ospitare l'Asian Cup 2023.

Ieri, intanto, Infantino ha dovuto subire gli attacchi di Michel Platini, secondo il quale l'italo-svizzero «è un ottimo giurista, un ottimo segretario generale, ma non ha nessuna legittimità, non è credibile come presidente della FIFA».

Infantino, ha detto Platini, «ha vomitato per 10 anni sulla Fifa. Quando dico "vomitato" esagero un po', ma tutti sanno che criticava in continuazione la FIFA. Come può venire a promuovere il calcio femminile mentre lo ha sempre preso in giro? Non ci ha mai creduto».

Platini è poi tornato sulle circostanze attraverso le quali l'italo-svizzero si presentò, al suo posto, alla carica di presidente FIFA: «Venne da me, nel mio ufficio, con Vilar (Angel Maria Vilar, allora vicepresidente UEFA ndr.) per spiegarmi che si sarebbe presentato candidato. In precedenza aveva fatto di tutto perché diventassi io presidente della FIFA e lavorò molto perché ottenessi le lettere di sostegno dei presidenti delle federazioni, poiché con me alla testa della FIFA lui si vedeva presidente UEFA. Ma quando ha capito che io ero "morto" per i miei problemi, ha deciso di presentarsi al mio posto per la FIFA. Forse ha anche visto l'ammontare del bonus... io avrei visto piuttosto un "ticket" Salman (Al Khalifa) presidente e Infantino segretario generale».

Nell'intervista, Platini non scarta completamente l'ipotesi, da lui mai avanzata chiaramente, di un ruolo dell'italo-svizzero nei suoi problemi giudiziario-sportivi: «So che Infantino - ha detto - ha visto Michael Lauber (procuratore generale della Confederazione, ndr) nel luglio 2015, ma potrebbero aver parlato di un'ammenda... sono tutti amici, fra Zurigo e Berna. Ma dopo tutto quello che ho fatto per Infantino non immagino che abbia potuto agire contro di me. Scrivete che lo dico sorridendo. Non ho alcuna accusa contro Gianni Infantino per quello che ha fatto, ma so, tuttavia, quello che non ha fatto affinché io rientrassi nel calcio. Quando fui scagionato dalla giustizia svizzera, nel maggio 2018, avrebbe potuto chiedere alla commissione etica della FIFA di sospendere la mia condanna, e non l'ha fatto».

Michel Platini esaurirà il prossimo ottobre la sua condanna a 4 anni di sospensione ma resta vago sul suo futuro: «Sarò contento di non essere più al bando - dice - perché io in fondo non mi ci sono mai sentito. Ma per il mondo del calcio, torno in auge, se la FIFA non trova qualcosa per prolungare la sanzione...non so quello che farò. Voglio soltanto che il mio nome non sia più infangato e che chi mi ha fatto del male paghi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
1 ora

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

SVIZZERA
3 ore

Le banconote svizzere non piacciono ai falsari

Il 2018 si è rivelato un anno record, con sole 1200 banconote false rilevate in totale, dal valore nominale di 208'140 franchi. Nel 2001 il valore si attestava a oltre 65 milioni di franchi

ZURIGO
3 ore

Siringhe insanguinate per strada: «A Zurigo non è inusuale»

La polizia cittadina non risulta sorpresa da un ritrovamento vicino a una scuola. Se ne trovano sempre di più. Il consiglio? Buttarle

SVIZZERA
6 ore

Black Friday: un giorno di vacanza per fare shopping

Per la caccia all’affare molti prevedono di spendere tra i 100 e i 300 franchi. Solo il 25% degli acquisti viene fatto online

BERNA
15 ore

«Siamo ad un passo dall’acquisizione di UPC»

La prossima settimana gli azionisti di Sunrise decideranno in merito all'acquisto di UPC. Il CEO di Sunrise Olaf Swantee parla del suo stati d'animo e delle contromosse dei suoi avversari

BERNA
19 ore

Da Berna a Palermo con treno e traghetto: «L'aereo non è un'opzione»

Una scelta singolare quella del Municipio della capitale - a maggioranza rosso-verde - che settimana prossima si recherà per una visita di lavoro in Sicilia

GINEVRA
21 ore

Decapitata la sicurezza a Cointrin

Il capo e il suo vice sono stati licenziati con effetto immediato poiché coinvolti in un procedimento penale per corruzione

SVIZZERA
22 ore

Domino's Pizza si ritira dalla Svizzera

Il gruppo è presente nella Confederazione dal 2000; dal settembre 2012 Domino's Pizza Schweiz è filiale della britannica Domino's Pizza Group

ZURIGO / IRLANDA
1 gior

Dublino vuole riavere le ceneri di James Joyce

I resti del famoso scrittore sono custoditi nel cimitero di Fluntern a Zurigo. Ma ora due consiglieri comunali irlandesi hanno presentato una mozione per il loro trasferimento

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile