Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA/FRANCIA
04.06.19 - 13:380
Aggiornamento : 13:54

Platini contro Infantino: «Vomitava sulla FIFA, non è credibile ora»

Il presidente è a Parigi per incontrare gli elettori in vista del voto di domani. Il francese: «Sono tutti amici fra Zurigo e Berna»

PARIGI - Il presidente della FIFA, Gianni Infantino, sta incontrando a Parigi i 211 elettori chiamati domani a rieleggerlo al vertice per il prossimo quadriennio, visto che il dirigente italo-svizzero si presenta come unico candidato.

Infantino partecipa a una serie di incontri bilaterali con i delegati dell'Uefa (Europa), Conmebol (Sudamerica), Caf (Africa), Afc (Asia), Concacaf (Nordamerica) e Ofc (Oceania). Per l'occasione, i vertici della federcalcio asiatica hanno intanto deciso che sarà la Cina ad ospitare l'Asian Cup 2023.

Ieri, intanto, Infantino ha dovuto subire gli attacchi di Michel Platini, secondo il quale l'italo-svizzero «è un ottimo giurista, un ottimo segretario generale, ma non ha nessuna legittimità, non è credibile come presidente della FIFA».

Infantino, ha detto Platini, «ha vomitato per 10 anni sulla Fifa. Quando dico "vomitato" esagero un po', ma tutti sanno che criticava in continuazione la FIFA. Come può venire a promuovere il calcio femminile mentre lo ha sempre preso in giro? Non ci ha mai creduto».

Platini è poi tornato sulle circostanze attraverso le quali l'italo-svizzero si presentò, al suo posto, alla carica di presidente FIFA: «Venne da me, nel mio ufficio, con Vilar (Angel Maria Vilar, allora vicepresidente UEFA ndr.) per spiegarmi che si sarebbe presentato candidato. In precedenza aveva fatto di tutto perché diventassi io presidente della FIFA e lavorò molto perché ottenessi le lettere di sostegno dei presidenti delle federazioni, poiché con me alla testa della FIFA lui si vedeva presidente UEFA. Ma quando ha capito che io ero "morto" per i miei problemi, ha deciso di presentarsi al mio posto per la FIFA. Forse ha anche visto l'ammontare del bonus... io avrei visto piuttosto un "ticket" Salman (Al Khalifa) presidente e Infantino segretario generale».

Nell'intervista, Platini non scarta completamente l'ipotesi, da lui mai avanzata chiaramente, di un ruolo dell'italo-svizzero nei suoi problemi giudiziario-sportivi: «So che Infantino - ha detto - ha visto Michael Lauber (procuratore generale della Confederazione, ndr) nel luglio 2015, ma potrebbero aver parlato di un'ammenda... sono tutti amici, fra Zurigo e Berna. Ma dopo tutto quello che ho fatto per Infantino non immagino che abbia potuto agire contro di me. Scrivete che lo dico sorridendo. Non ho alcuna accusa contro Gianni Infantino per quello che ha fatto, ma so, tuttavia, quello che non ha fatto affinché io rientrassi nel calcio. Quando fui scagionato dalla giustizia svizzera, nel maggio 2018, avrebbe potuto chiedere alla commissione etica della FIFA di sospendere la mia condanna, e non l'ha fatto».

Michel Platini esaurirà il prossimo ottobre la sua condanna a 4 anni di sospensione ma resta vago sul suo futuro: «Sarò contento di non essere più al bando - dice - perché io in fondo non mi ci sono mai sentito. Ma per il mondo del calcio, torno in auge, se la FIFA non trova qualcosa per prolungare la sanzione...non so quello che farò. Voglio soltanto che il mio nome non sia più infangato e che chi mi ha fatto del male paghi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 min
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
16 min
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
29 min
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
SONDAGGIO TAMEDIA
3 ore
Il prossimo 27 settembre si va alle urne: e voi come voterete?
Aerei da combattimento, immigrazione e congedo di paternità: qual è la vostra opinione? Partecipate al sondaggio Tamedia
LUCERNA
12 ore
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
13 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
15 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
LIBANO / SVIZZERA
17 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
18 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
18 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile