Tipress (archivio)
SVIZZERA
29.05.19 - 17:130

Sesso consenziente: «Alla donna basta non dire no o deve dire sì?»

Un'inchiesta di Amnesty International ha fatto riesplodere il dibattito giuridico sul tema: «Il 12% delle donne interrogate hanno subito un rapporto sessuale contro la propria volontà»

BERNA - Affinché il sesso sia consenziente basta che la donna non dica no? Oppure è necessario che dica sì? E il sì deve essere esplicito o può essere sottinteso? Sono gli interrogativi che emergono sulla scia di un inasprimento del delitto penale che taluni vorrebbero operare.

Il tema - riferisce un articolo odierno della Weltwoche dall'impronta spiccatamente giuridica - è ritornato d'attualità con un'inchiesta di Amnesty International che ha messo in luce come in Svizzera il 12% di circa 4500 donne interrogate nell'ambito di un sondaggio abbia subito un rapporto sessuale contro la sua volontà e il 7% sia stata portato farlo con la violenza o la costrizione.

Secondo Nora Scheidegger, assistente all'Università di Berna ed esperta del ramo, il diritto penale in materia di reati sessuali è obsoleto: si dovrebbe punire qualunque atto sessuale commesso senza consenso. Se tutti sono d'accordo sul principio che «no significa no», il dibattito si fa più accesso nel determinare cosa sia da definire un sì. Una discussione su cavilli, si potrebbe pensare, ma che secondo il settimanale non è per nulla tale, considerato che per il reato di violenza carnale un uomo rischia da uno a dieci anni di carcere.

Serve quindi davvero un giro di vite? «Per me non è per nulla chiaro cosa si intenda», afferma Marcel Niggli, professore di diritto penale all'Università di Friburgo, in dichiarazioni rilasciate alla Weltwoche. «Già oggi vige in Svizzera il principio del consenso. Chi fa qualunque cosa di carattere sessuale contro la volontà di una persona commette un reato. Se una coppia si trova a letto e la donna all'improvviso dice no, questo significa che tutto quanto succede dopo avviene contro la sua volontà ed è punibile. Naturalmente però deve dire no in modo sufficientemente forte che l'uomo lo capisca e sappia a che punto sia».

Secondo Amnesty però questo è chiedere già troppo, perché una donna potrebbe essere come paralizzata o in uno stato di shock. Per Niggli comunque non è vero che gli ostacoli a una condanna per stupro siano oggi troppo elevati: «No, assolutamente». Non è per esempio vero che la donna si debba difendere con la forza: basta anche un no, se l'uomo esercita pressione psichica. L'esperto pone il caso di un maschio che vuole costringere la partner a fare sesso, minacciandola di saltare dalla finestra se lei non acconsente: in tal caso sussiste una coercizione psicologica e quindi una violenza carnale. «Detto in modo diverso: un atto sessuale è punibile appena la donna rifiuta il beneplacito».

L'articolista della Weltwoche (una giornalista-giurista) pone anche sul tappeto una questione di società. Il diritto attuale ritiene che una donna adulta sia in grado di dire no, mentre chi punta su una soluzione del consenso ritiene che nell'ambito sessuale la donna non sia attivamente responsabile, bensì che la sua integrità debba essere garantita dall'uomo. Una visione paternalistica, insomma.

Ma tornando all'aspetto prettamente legale, come avverrebbe il consenso? Secondo quanto dichiarato da Scheidegger sui media, «non è necessario un sì esplicito, basta un comportamento concludente». Quindi potrebbero bastare segnali o gesti, che l'uomo dovrebbe però capire: se dovesse interpretare in modo errato il linguaggio del corpo potrebbe venire a sapere solo in seguito di aver violentato una donna, osserva la giornalista.

Secondo il giurista e consigliere agli stati Daniel Jositsch (PS/ZH) una nuova normativa come quella proposta porterebbe di fatto a un ribaltamento dell'onere della prova: in futuro spetterebbe all'uomo dimostrare di avere ricevuto il consenso.

Un'opinione condivisa anche da Konrad Jeker, un avvocato specializzato nel diritto penale. «Occorre immaginarsi la situazione in tribunale. Si arriverebbe al processo, quando la vittima direbbe di non aver dato l'assenso. Il giudice chiederebbe perciò all'imputato in base a cosa ha presunto il consenso. Se non dovesse ricevere una risposta convincente o se le asserzioni dovessero essere diverse da quelle della vittima l'uomo verrebbe condannato».

Secondo Jeker nei reati che avvengono a quattr'occhi è molto difficile portare una prova che sia sufficientemente solida in tribunale. «Per questa ragione si cerca probabilmente di introdurre meccanismi che aggirino la presunzione di innocenza».

Per Niggli anche in futuro nulla cambierà nella sostanza del problema fondamentale dei delitti sessuali: quello, appunto, della prova. Nove volte su dieci questo tipo di reati avvengono fra persone che si conoscono. «In queste condizioni è difficile determinare chi dice la verità e chi mente».

Secondo la Weltwoche le coppie che vogliono andare sul sicuro dovrebbero quindi, prima di passare in camera da letto, sedersi al tavolo della cucina e stabilire in modo poi provabile (dichiarazione scritta, video dello smartphone) le intenzioni comuni.

Negli Stati Uniti in diverse università è già normale che uomo e donna regolino la cosa in una sorta di contratto. In tal caso qualcosa andrebbe però perso: «Se il tutto alla fine diventa così eccitante come comprare un litro di latte in un negozio qualcuno preferirà rinunciare al sesso», si rammarica Niggli.

Commenti
 
pillola rossa 3 mesi fa su tio
"un maschio che vuole costringere la partner a fare sesso, minacciandola di saltare dalla finestra se lei non acconsente"... mi auguro che salti!
Tato50 3 mesi fa su tio
@pillola rossa .......con la speranza che la finestra non sia a un metro dal prato ;-)
Maxy70 3 mesi fa su tio
Come sempre, quando una organizzazione, nata sicuramente da un gruppo di entusiasti con un fine ideale, diventa un mostro burocratico, iniziano i giochi di potere, le prevaricazioni, le malversazioni, ecc, ecc.. Vale per tutti e nessuno sfugge.
Tato50 3 mesi fa su tio
Forse sarebbe il caso di fare un Blog su Amnesty International , che predica bene ma razzola male visto cosa si è letto ultimamente sui "diritti" dei suoi funzionare e come sono trattati. Uno è arrivato persino al suidicio. Adesso hanno dimissionato i fetenti che trattavano i loro subalterni come bestie quindi che credibilità ha questa organizzazione che è la prima a non rispettare i diritti umani. Da chiudere e buttare la chiave !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Maxy70 3 mesi fa su tio
Amnesty international é a corto di clienti? Non vi sono abbastanza persone perseguitate di cui (giustamente!) occuparsi?
Tato50 3 mesi fa su tio
@Maxy70 Amnesty International cominci a lavare i panni sporchi in casa propria dove calpestava i diritti umani dei suoi dipendenti (vedi mio Post) e calava lezioni dall'alto pur essendo un'Organizzazione che ha portato gente che ne faceva parte al suicidio. NON È PIÙ CREDIBILE quindi la smettano di calare sentenze che sono i primi a calpestare !!!!!!!
OCP 3 mesi fa su tio
Adesso con ste storie state un po' rompendo gli zebedei e perdendo di vista i problemi reali. Volete il rogito di un notaio per poter fare una ciulata?
Libero pensatore 3 mesi fa su tio
Facciamo un formulario anche per questo, già che ne abbiamo pochi.
Arciere 3 mesi fa su tio
Io proporrei la presenza di due testimoni. Ma dove andiamo?!
max0920 3 mesi fa su tio
secondo amnesty international tra un po per fare sesso con la propia partner servira' la lettera firmata dall avvocato, ma piantatela e fate qualcosa di utile nei paesi in guerra.
seo56 3 mesi fa su tio
Amnesty International hai proprio un “cacchio” da fare. Inchieste ridicole quasi come quelle di Patti Chiari!!
miba 3 mesi fa su tio
Per non sbagliare (e rischiare poi di venir denunciati) firmare prima una convenzione di comune accordo :):):)
Giovanii 3 mesi fa su tio
@miba O vai a mignotte così sicuro non sbagli :)) hahah
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore

Giallo sulle cellule staminali sparite a Ginevra

Migliaia di campioni di tessuto e di sangue del cordone ombelicale sembrano essere scomparsi. Sul caso indaga l'Ufficio federale della sanità pubblica

FRIBURGO
3 ore

Si addormenta al volante provocando una carambola e due feriti

Una donna di 71 anni si è scontrata contro un veicolo dell'assistenza stradale che si trovava sulla corsia d'emergenza per prestare soccorso ad un'auto in panne.

SVIZZERA
4 ore

Viaggiare all'estero senza pensieri? Ecco l'app del DFAE

L'applicazione gratuita "Travel Admin" è stata presentata questa mattina da Ignazio Cassis. «Assistere i nostri concittadini all'estero è una missione molto importante per noi»

GRIGIONI
7 ore

Tre escursioniste attaccate da una mucca (di nuovo)

Le tre donne, che assieme al loro cane stavano passeggiando sul passo dello Julier, sono state ricoverate in ospedale. Una 82enne con ferite medio-gravi

SVIZZERA
7 ore

Il direttore della SEM critica la politica d'asilo europea

Secondo Mario Gattiker gli interventi volti a distribuire alle varie nazioni le persone salvate in mare direttamente dalle navi di soccorso, sono «sbagliati»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile