Keystone - foto d'archivio
VAUD
25.05.19 - 15:420
Aggiornamento : 18:05

Spennato da una prostituta, viene scaricato (anche) dalla giustizia

Si era innamorato della ragazza, ma poi ha capito che lei voleva solo i suoi soldi. Per il giudice c’è stata ingenuità, non frode

LOSANNA - Nella primavera del 2017 un uomo ha incontrato una ragazza in un centro massaggi, dove lei lavorava come prostituta. I due hanno iniziato a vedersi molto spesso, lei si è attaccata al suo “ammiratore” e gli ha mostrato disponibilità.

Ma in pochissimo tempo la ragazza si è ritrovata a chiedere all’uomo 5’000 euro quale “aiuto” per una presunta operazione al cuore a cui suo padre avrebbe dovuto sottoporsi. Lui si è fidato, senza chiedere alcuna prova o giustificazione, né un certificato medico.

«Ha insistito per due settimane - ha spiegato in Tribunale, dove la faccenda è infine arrivata la scorsa settimana -. Diceva che suo papà rischiava di morire. Mi ha fatto tenerezza».

La relazione tra i due è proseguita e con essa anche le spese. Nell’anno seguente l’uomo ha infatti sponsorizzato i viaggi della ragazza nel suo paese d’origine e ha anche accettato di versarle 1’700 franchi al mese a condizione che lei smettesse di prostituirsi.

La verità è venuta a galla quando mentre si trovava “con la sua ragazza” un giorno un altro uomo ha bussato alla porta. E ha spiegato che anche lui la sosteneva economicamente, affinché non dovesse lavorare come prostituta.

A questo punto, sentendosi truffato, lui si è rivolto alla giustizia. Ma il procuratore pubblico non si è lasciato convincere dall’avvocato, secondo cui il suo cliente sarebbe stato manipolato. E il Tribunale cantonale è giunto alla stessa conclusione: non c’è frode, in quanto l’uomo ha scelto volontariamente di mantenere la ragazza e avrebbe potuto rendersi conto più volte che gli stava mentendo. Ha peccato d'ingenuità.

Ora non gli resta che pagare (ancora) le spese processuali pari a 770 franchi, oltre alla fattura dell’avvocato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
VALLESE
1 ora
Cinquant'anni fa la valanga su Reckingen, morirono 30 persone
La neve spazzò case e accantonamenti militari nel piccolo villaggio dell'Alto Vallese
BERNA
14 ore
Doping, c'è anche un medico svizzero nello scandalo Aderlass
L'uomo avrebbe fornito una sostanza proibita tra il 2012 e il 2013
SVIZZERA
15 ore
Come proteggersi dal coronavirus
Un reminder sulle precauzioni da prendere per evitare il contagio
BERNA
18 ore
Il Coronavirus avanza, le autorità svizzere guardano
Da Berna nessuna ulteriore misura. Silenzio in Ticino. Il virologo: «Sbagliate le previsioni tranquillizzanti»
FRIBURGO
19 ore
Contro un palo con la slitta, finisce in ospedale
È accaduto a Schwarzsee. La donna ha subito gravi lesioni alla testa e alla colonna vertebrale
SONDAGGIO
SVIZZERA
20 ore
Macché data di scadenza? Lidl introduce l'etichetta "Spesso buono oltre"
Accompagnerà la dicitura "Da consumare preferibilmente entro", che non è una data di scadenza
APPENZELLO ESTERNO
20 ore
Centauro sfreccia a 147 km/h in una zona 80
Multa salatissima, ritiro patente e denuncia per un 54enne pizzicato da un controllo di velocità
FOTO
VALLESE
1 gior
Una targa per restare vigili contro gli abusi
È stata la vittima di un ex insegnante, religioso e allenatore di calcio, a chiederne la posa
SVIZZERA
1 gior
Stop alla quarantena per gli svizzeri della MS Westerdam
Un'americana che si trovava sulla nave è stata trovata infetta. Ma «non vi sono state trasmissioni del virus»
VAUD
1 gior
Che fine hanno fatto le gemelline Schepp?
La mamma delle due ragazze vodesi lancia un nuovo appello a Chi l'ha Visto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile