Keystone (archivio)
Carl Hirschmann
ZURIGO
23.05.19 - 15:560

Anche Tamedia porge le scuse a Carl Hirschmann

Sul multimilionario erede zurighese il gruppo mediatico, così come la concorrente Ringier, aveva pubblicato alcuni articoli il contenuto è stato giudicato lesivo della sua personalità

ZURIGO - Tamedia porge le sue scuse a Carl Hirschmann. Il gruppo mediatico zurighese ha fatto oggi pubblica ammenda, con articoli pubblicati sul Tages Anzeiger e su 20 Minuten, per gli articoli che fra il 2009 e il 2012 hanno riguardato il multimilionario erede zurighese.

Hirschmann ha fatto causa a Tamedia nel 2011, ritenendo che il contenuto di almeno 140 articoli fossero lesivi della sua personalità. Nel giugno 2017, il Tribunale federale aveva accolto un suo ricorso.

Dopo due precedenti decisioni a lui avverse, il Tribunale del commercio del canton Zurigo ha ora stabilito che Hirschmann ha effettivamente patito un «grave pregiudizio immateriale» per quegli articoli. Stando a una nota di Tamedia, all'erede del fondatore della Jet Aviation è stata pure riconosciuta una riparazione del torto morale, di cui tuttavia non è stato reso noto l'ammontare.

«Tamedia si scusa con Carl Hirschmann per le ripetute lesioni della sua personalità», si legge nei testi pubblicati oggi sulle testate del gruppo. Tamedia ammette in particolare che quegli articoli contenevano «accuse speculative, non comprovate in tribunale, e sono state diffuse violando il principio della presunzione di innocenza».

L'accordo mette fine ad una vertenza che durava da anni, scrive ancora Tamedia. Anche Carl Hirschmann ha confermato che la vertenza legale è stata risolta e in una nota si dice soddisfatto che «dopo Ringier, anche Tamedia si è ora scusata anche con me».
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
8 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
10 ore
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
SVIZZERA
13 ore
La mascherina: ecco come ci cambia la vita
Da oggi sui mezzi pubblici è obbligatoria. Cosa significa per la nostra quotidianità?
SVIZZERA
15 ore
Fare pipì contro un muro gli è costato caro
Il giovane aveva subito un trauma cranico nel 2017 durante la festa della Vendemmia a Neuchâtel.
SVIZZERA
15 ore
Sui mezzi pubblici con la mascherina: «Bilancio positivo»
FFS e BLS si dicono molto soddisfatte: al primo giorno sono poche le persone senza protezione
SVIZZERA
17 ore
Meno di 50 nuovi contagi
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'315. I morti rimangono 1'686.
FOTO
SAN GALLO
18 ore
Dispersi nella Thur: «Per loro non ci sono più speranze»
I corpi del 30enne e della 26enne sono verosimilmente intrappolati sotto la cascata situata fra Brübach e Henau.
SVIZZERA
19 ore
Richiamate le mountain bike «Rocky Mountain»
I triangoli anteriori potrebbero incrinarsi e dare luogo a incidenti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile