Keystone
SVIZZERA
09.05.19 - 12:280

Per gli svizzeri è troppo tardi per salvare il pianeta

Sia il grande pubblico (69%) sia i leader d'opinione (73%) pensano che i politici svizzeri non facciano quel che sarebbe necessario per il clima

BERNA - Per la maggior parte degli svizzeri è ormai troppo tardi per "salvare il pianeta": meno di un terzo (il 31%) pensa che ci sia ancora il tempo per farlo, stando a un sondaggio pubblicato oggi dal giornale romando "Le Temps". Più ottimisti sembrano essere i "leader d'opinione" (politici, imprenditori, personalità dell'economia, della cultura e della scienza), per il 55% dei quali il salvataggio è ancora possibile.

Sia il grande pubblico (69%) sia i leader d'opinione (73%) pensano che i politici svizzeri non facciano quel che sarebbe necessario per il clima, rivela l'inchiesta "Sophia": il sondaggio è stato realizzato nelle tre principali regioni linguistiche dall'istituto M.I.S Trend in occasione della 15esima edizione del "Forum dei 100", organizzata oggi dal giornale a Losanna e dedicata alla transizione ecologica. Fra gli oratori annunciati figura anche il consigliere federale Ignazio Cassis.

Messa in questione è in particolare la revisione della legge sul CO2, che è stata rifiutata dal Consiglio nazionale lo scorso 11 dicembre. Oltre i due terzi degli interpellati in entrambe le categorie sondate sono per leggi coercitive.

Il tema ambiente sarà ancora di primo piano in occasione delle elezioni federali di ottobre, ritengono. La posizione dei candidati in fatto di ecologia sarà importante per il 75% del grande pubblico e per l'81% dei leader d'opinione. Secondo il 55% del primo e l'80% dei secondi la mobilitazione dei giovani per il clima dovrebbe avere un impatto positivo sulla politica.

Per contro, i due gruppi sono piuttosto scettici sul suo effetto a livello economico. Entrambi non sono molto convinti che possibili cambiamenti possano venire dal governo: soltanto il 22% pensa che le misure prese dalla Berna federale saranno determinanti per migliorare la situazione. Credono soprattutto ai progressi della scienza e delle nuove tecnologie, che saranno il motore del cambiamento per il 63% della popolazione e per il 74% dei leader d'opinione.

Nell'attesa, gli svizzeri si sforzano di dare il loro contributo: il 94% dice di aver adeguato il suo modo di vita per il bene dell'ecologia. Il 75% pensa tuttavia che potrebbe fare di più.

Lo studio è stato svolto su internet dal 7 al 18 marzo 2019 interrogando 532 romandi, 520 svizzerotedeschi e 212 ticinesi. Il margine d'errore è dato al +/-2,6%. Sono state inoltre interpellate 407 persone in quanto leader d'opinione. Per questo gruppo, il margine d'errore è dato al +/-4,9%.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
moma 1 anno fa su tio
Guardiamo il traffico. Un mare di veicoli invade tutto e tutti. Colonne laddove pochi anni fa vedevi forse una macchina ogni 3 ore. Vai a dire ai costruttori di auto di fermarsi. Ma quando mai.
moma 1 anno fa su tio
Ma certo, da tempo lo dico, non c'è più nulla da fare. Salvare il mondo significherebbe fermare l'economia, i profitti, i PIL, i guadagni, i posti di lavoro, le grandi industrie, i grandi progetti dei mega aerei e delle mega navi da turismo, per esempio. Quando mai, ma quando mai. Siamo nel vortice dell'autodistruzione.
Bandito976 1 anno fa su tio
Non sono i politici che devono cambiare le abitudini della gente. Basta guardarsi in giro e si vedono persone al pascolo con l’auto a far sudare i pistoni del motore tanto per passare il tempo è non fare fatica. Traffico d’importazione, pendolari del pieno, camion e bus in giro vuoti.
Wunder-Baum 1 anno fa su tio
Leggevo l’altro giorno. Sembra che dall’Europa inviamo i rifiuti (un certo tipo) in Cina ! Affaire a suivre !
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
La Champions nei bar è a rischio di denuncia
Dalla stagione 2021/22 le partite saranno su pay tv. Ma la diffusione di Teleclub negli esercizi pubblici è illegale
VAUD
6 ore
A Morges sospeso il bike sharing a causa dei vandalismi
Si parla di danni per decine migliaia di franchi, almeno 300 bici danneggiate, PubliBike: «Comportamento inspiegabile
FRIBURGO
7 ore
Incidente mortale a Marly
Deceduto l'automobilista 79enne. Un pedone è rimasto leggermente ferito
SVIZZERA
7 ore
Pur di non indossare la mascherina mi faccio il certificato medico
Andare dal medico per chiedere la dispensa. Un fenomeno che sta prendendo piede.
SVIZZERA
9 ore
104 nuovi contagi in Svizzera
Sei le persone finite in ospedale. Nessun decesso nelle scorse ore. 
FOTO E VIDEO
VAUD
9 ore
Dal Poli di Losanna una navicella per pulire lo spazio dai detriti
C'è già l'accordo con l'Agenzia spaziale europea per il lancio di ClearSpace-1 nel 2025
Foto e Video
BASILEA CAMPAGNA
12 ore
Un inferno di fuoco distrugge un'intera area industriale
Difficoltà da parte dei pompieri a domare le fiamme. Diversi locali pericolanti. Enorme dispositivo di uomini sul posto
SVIZZERA
12 ore
Julius Bär aumenta l'offerta per i clienti molto facoltosi
Creata una particolare unità che offrirà investimenti al di fuori dell'attività borsistica tradizionale
SVIZZERA
13 ore
I disoccupati svizzeri monteranno pannelli solari?
L'indagine della Fondazione svizzera dell'energia: il fotovoltaico può creare 14mila posti di lavoro
FOTO E VIDEO
BASILEA CAMPAGNA
14 ore
Complesso industriale in fiamme a Laufen
Un testimone afferma di aver udito cinque esplosioni in contemporanea
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile