Keystone (archivio)
APPENZELLO INTERNO
02.05.19 - 16:210

Maxi sequestro di cocaina, nessun colpevole

Nel luglio dello scorso anno erano stati rinvenuti 69 kg di droga in un container, ma gli autori del traffico non hanno potuto essere identificati e l'inchiesta è stata sospesa

APPENZELLO - La Procura di Appenzello Interno ha sospeso l'inchiesta avviata dopo il sequestro di 69 chili di cocaina avvenuto il 26 luglio 2018 presso una ditta del capoluogo cantonale. Gli autori del traffico non hanno potuto essere identificati, indica in una nota diramata oggi.

Si era trattato del più grosso sequestro mai realizzato nel piccolo cantone della Svizzera orientale. La cocaina, ripartita in diversi pacchetti, era disposta in tre borse che si trovavano in un container navale proveniente da oltremare e trasportato in Svizzera su un camion, secondo quanto si era allora appreso. Era stata la stessa ditta destinataria del container ad informare le autorità.

La polizia appenzellese e specialisti dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD) avevano confiscato lo stupefacente per distruggerlo. Allora era stato arrestato un camionista polacco di 34 anni, che era poi stato rimesso poco dopo in libertà.

La Procura di Appenzello aveva aperto un procedimento penale contro ignoti per violazione della legge sugli stupefacenti. Alle indagini hanno collaborato anche la polizia del canton San Gallo, l'AFD e l'Ufficio federale di polizia (Fedpol). Nessun trafficante ha tuttavia potuto essere identificato. Il camionista polacco è stato interamente scagionato. Il Ministero pubblico ha così deciso di sospendere l'inchiesta, che sarà tuttavia rimessa in moto se dovessero emergere nuove informazioni, indica la Procura.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
45 min
Otto incendi dolosi in pochi mesi, fermate dieci persone
L'ultimo la scorsa notte in una casa unifamiliare. A Merenschwand è mistero
ARGOVIA
4 ore
Céline si è suicidata, i genitori portano il cyberbullismo in aula
Le possibilità che la sentenza venga rivista sono scarse. Ma è importante per la famiglia della 13enne riportare il caso in tribunale
BERNA
6 ore
Una misteriosa ereditiera ricercata in Svizzera
Un ricco austriaco è deceduto un anno fa a Vienna lasciando un enorme patrimonio alla propria figlia illegittima che dovrebbe vivere nel canton Berna
BERNA
17 ore
Un furgone blindato assaltato anche a Berna: «Bottino da 4.5 milioni»
Il furto è avvenuto nel mese di luglio, ma è stato divulgato solo adesso. Il Tribunale Federale ha risposto picche alla richiesta di scarcerazione dell'autista, arrestato per complicità nel colpo
SVIZZERA
1 gior
Caricatura sugli zingari, il Tribunale conferma: «È discriminazione»
I giudici hanno convalidato la condanna affibbiata ai due co-presidenti dei Giovani UDC Nils Fiechter e Adrian Spahr per una vignetta razzista pubblicata sui social
SVIZZERA
1 gior
Annullato il divieto di ingresso per un presunto jihadista
Per il Tribunale amministrativo federale è stato violato il diritto dell'interessato a consultare il dossier. Inoltre il presupposto del divieto è stato considerato insufficiente
SVIZZERA
1 gior
Perché due banane al muro arrivano a costare 120.000 franchi?
L’esposizione di Cattelan all’ Art Basel di Miami fa discutere. E dalla Svizzera arriva una critica illustre: «I prezzi nel mercato dell’arte sono folli».
SVIZZERA
1 gior
Festa federale di lotta, il primo bilancio sorride
Conti chiusi con un utile di 850mila franchi. Il festival ha attirato 420.000 spettatori
ZUGO / STATI UNITI
1 gior
La crema svizzera che rende il volto di Trump arancione
Il cosmetico, un cosiddetto concealer, è prodotto dalla Bronx Colors di Hünenberg
BERNA
1 gior
Non si hanno tracce di un giovane turista messicano
Il 22enne si sarebbe dovuto recare da Berna a Zermatt
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile