Deposit
SVIZZERA
30.04.19 - 20:010

«Paga, o ti mostriamo nudo. Anzi ti faremo esplodere»

È una truffa bluff, eppure lo scorso anno la "fake sextortion" ha fruttato nella sola Svizzera circa 360mila franchi. Il Gruppo Melani racconta l'escalation di un raggiro che è partito dai social

BERNA - Non ci sono solo i potenziali blackout causati da ciberattacchi agli elettrodomestici di ultima generazione. Più concreti, come indicano le cifre dei colpi riusciti, sono i tentativi di estorsione tramite “fake sextortion”. Il tema viene approfondito nel 28esimo rapporto di Melani, la Centrale d’annuncio e d’analisi per la sicurezza dell’informazione, pubblicato oggi.

In principio era il video - Nella prima versione del raggiro tutto avveniva sui social dove una persona molto avvenente individuava la vittima, fingendo interesse per lui, ed inducendola a spogliarsi davanti alla webcam… Il malcapitato non sa di essere filmato, ma i video così ottenuti saranno poi utilizzati per ricattarlo. Come spiegano gli esperti, «questa forma di truffa è piuttosto onerosa, poiché il contatto diretto tra vittima e autore aumenta i rischi per quest’ultimo di essere arrestato».

L’evoluzione della truffa - Da marzo 2018 (da luglio in Svizzera) i criminali utilizzano uno stratagemma molto meno rischioso. Sempre con una email sostengono di aver accesso al computer e alla webcam della vittima e la minacciano di pubblicare sue immagini e filmati a sfondo sessuale. «In questi casi tuttavia - sottolinea il gruppo Melani - gli autori della truffa bluffano poiché non esistono né fotografie, né riprese video dal momento che non c’è stato alcun contatto personale». Tale truffa è nota come “fake sextortion” e ha fruttato ai malviventi nel secondo semestre dell’anno scorso circa 100 bitcoin, pari a un controvalore di 360mila franchi.

Invio in massa di email - I truffatori come “prova” che il computer è stato manomesso, nelle email (inviate in massa) possono allegare password provenienti da una fuga di dati. Per convincere invece il malcapitato che il suo telefonino è stato compromesso, vengono usati anche numeri di cellulare. Un’altra prova della manomissione può essere fornita tramite l’invio all’indirizzo dell’utente stesso. «In realtà - mettono in guardia gli esperti - i truffatori hanno solo falsificato il mittente, con un inganno semplice che non necessita di grandi conoscenze informatiche».

Le email cambiano - Se il modus operandi resta sostanzialmente uguale, cambiano invece le formule per fare pressione sulle vittime nelle email redatte in diverse lingue tra cui francese, inglese, italiano e tedesco. La cronologia del raggiro parte a marzo 2018 con la seguente tipologia di frase: “I installed our virus onto your OS… I shoot the video with you masturbating. If you want to erase all the compromising evidence transfer me 270 USD in bitcoin” e registra a dicembre addirittura la minaccia di attacchi con l’acido o l’esplosivo. «In entrambe le varianti - spiega il rapporto - si chiede di pagare il riscatto sempre in bitcoin per evitare l’attentato. Si è tuttavia constatato che i destinatari sono più intimiditi e hanno più paura quando sono minacciati fisicamente». Da qui il ritorno all’estorsione a luci rosse...

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
SVIZZERA
3 ore
Quella montagna verde che fa storcere il naso ai puristi del rossocrociato
Presentata oggi dalla Federazione Svizzera di Calcio, la nuova maglia da trasferta della Nazionale non sembra fare l’unanimità tra i tifosi
SVIZZERA
4 ore
Berna, la città migliore in Europa in cui stare al volante
Secondo "l'indice di guida nelle città 2019" di Mister Auto, la capitale svizzera si piazza al quarto posto a livello globale
SVITTO
9 ore
Travestito da Ku Klux Klan, il politico lascia l'UDC
Il giovane attaccò con dello spray al peperoncino il partecipante a una manifestazione antirazzista post Carnevale
SVIZZERA
9 ore
«Il 9 febbraio è la sconfitta che brucia di più»
È l'iniziativa contro l'immigrazione di massa il cruccio più grande di Christian Levrat. Secondo il 49enne è stata sottovalutata dal suo partito
GRIGIONI
12 ore
Sbanda sulla neve e si ribalta
L'incidente è avvenuto questa mattina ad Andeer sull'A13. Illesi il conducente e il suo cane
APPENZELLO INTERNO
12 ore
Ex procuratore rinviato a giudizio per favoreggiamento
Herbert Brogli avrebbe condotto «in malo modo» l'indagine caduta in prescrizione nel 2017 per la morte sul lavoro di un apprendista
SVIZZERA
13 ore
Da oggi è possibile aprire un conto presso la criptobanca Seba
Che gestirà cinque criptovalute (fra le quali i Bitcoin ed Ether). Clientela-tipo? Banche, professionisti della finanza e privati benestanti
GRIGIONI
15 ore
Operaio rimane schiacciato sul cantiere
L'uomo, un 43enne, ha riportato ferite alla parte superiore del corpo
ZURIGO
17 ore
Operazioni di volo: «Le tasse sono troppo elevate»
L'Ufficio federale dell'aviazione civile ha imposto una loro riduzione a partire dal 1° aprile 2020
SVIZZERA
17 ore
Christian Levrat non si ricandiderà
«Sono stato presidente per dodici anni, con molto piacere ed energia, ma è una funzione logorante, sia sul piano politico che personale» ha dichiarato il presidente del PS
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile