Deposit
SVIZZERA
30.04.19 - 20:010

«Paga, o ti mostriamo nudo. Anzi ti faremo esplodere»

È una truffa bluff, eppure lo scorso anno la "fake sextortion" ha fruttato nella sola Svizzera circa 360mila franchi. Il Gruppo Melani racconta l'escalation di un raggiro che è partito dai social

BERNA - Non ci sono solo i potenziali blackout causati da ciberattacchi agli elettrodomestici di ultima generazione. Più concreti, come indicano le cifre dei colpi riusciti, sono i tentativi di estorsione tramite “fake sextortion”. Il tema viene approfondito nel 28esimo rapporto di Melani, la Centrale d’annuncio e d’analisi per la sicurezza dell’informazione, pubblicato oggi.

In principio era il video - Nella prima versione del raggiro tutto avveniva sui social dove una persona molto avvenente individuava la vittima, fingendo interesse per lui, ed inducendola a spogliarsi davanti alla webcam… Il malcapitato non sa di essere filmato, ma i video così ottenuti saranno poi utilizzati per ricattarlo. Come spiegano gli esperti, «questa forma di truffa è piuttosto onerosa, poiché il contatto diretto tra vittima e autore aumenta i rischi per quest’ultimo di essere arrestato».

L’evoluzione della truffa - Da marzo 2018 (da luglio in Svizzera) i criminali utilizzano uno stratagemma molto meno rischioso. Sempre con una email sostengono di aver accesso al computer e alla webcam della vittima e la minacciano di pubblicare sue immagini e filmati a sfondo sessuale. «In questi casi tuttavia - sottolinea il gruppo Melani - gli autori della truffa bluffano poiché non esistono né fotografie, né riprese video dal momento che non c’è stato alcun contatto personale». Tale truffa è nota come “fake sextortion” e ha fruttato ai malviventi nel secondo semestre dell’anno scorso circa 100 bitcoin, pari a un controvalore di 360mila franchi.

Invio in massa di email - I truffatori come “prova” che il computer è stato manomesso, nelle email (inviate in massa) possono allegare password provenienti da una fuga di dati. Per convincere invece il malcapitato che il suo telefonino è stato compromesso, vengono usati anche numeri di cellulare. Un’altra prova della manomissione può essere fornita tramite l’invio all’indirizzo dell’utente stesso. «In realtà - mettono in guardia gli esperti - i truffatori hanno solo falsificato il mittente, con un inganno semplice che non necessita di grandi conoscenze informatiche».

Le email cambiano - Se il modus operandi resta sostanzialmente uguale, cambiano invece le formule per fare pressione sulle vittime nelle email redatte in diverse lingue tra cui francese, inglese, italiano e tedesco. La cronologia del raggiro parte a marzo 2018 con la seguente tipologia di frase: “I installed our virus onto your OS… I shoot the video with you masturbating. If you want to erase all the compromising evidence transfer me 270 USD in bitcoin” e registra a dicembre addirittura la minaccia di attacchi con l’acido o l’esplosivo. «In entrambe le varianti - spiega il rapporto - si chiede di pagare il riscatto sempre in bitcoin per evitare l’attentato. Si è tuttavia constatato che i destinatari sono più intimiditi e hanno più paura quando sono minacciati fisicamente». Da qui il ritorno all’estorsione a luci rosse...

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
48 min

Viaggiare all'estero senza pensieri? Ecco l'app del DFAE

L'applicazione gratuita "Travel Admin" è stata presentata questa mattina da Ignazio Cassis. «Assistere i nostri concittadini all'estero è una missione molto importante per noi»

GRIGIONI
2 ore

Tre escursioniste attaccate da una mucca (di nuovo)

Le tre donne, che assieme al loro cane stavano passeggiando sul passo dello Julier, sono state ricoverate in ospedale. Una 82enne con ferite medio-gravi

SVIZZERA
3 ore

Il direttore della SEM critica la politica d'asilo europea

Secondo Mario Gattiker gli interventi volti a distribuire alle varie nazioni le persone salvate in mare direttamente dalle navi di soccorso, sono «sbagliati»

FRIBURGO / VAUD
20 ore

La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva

Due persone che navigavano sul Lago di Neuchâtel se la sono vista brutta ieri sera a causa di una forte raffica di vento

VAUD
21 ore

La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti

Circa 200 attivisti del movimento Extinction Rébellion stanno bloccando da questa mattina il ponte Bessières, nel centro di Losanna

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile