Tipress (archivio)
SVIZZERA
30.04.19 - 12:070

«L'uso della canapa va depenalizzato»

Vari esperti raccomandano al Governo di adeguare la legge regolamentando il mercato. «Il consumo problematico è molto basso»

BERNA - L'uso di cannabis in Svizzera dovrebbe essere depenalizzato e il mercato regolamentato. È il parere contenuto in diversi documenti indirizzati al Consiglio federale dalla Commissione federale per le questioni relative alle dipendenze (CFQD), in cui si raccomandano adeguamenti di legge in tal senso.

Il consumo di cannabis in Svizzera è rimasto pressoché invariato negli ultimi dieci anni. Nonostante l'uso frequente di questa sostanza, la percentuale di persone con un consumo problematico è bassa, rileva la commissione.

I rischi sono principalmente legati all'alto dosaggio di THC, all'uso precoce, al consumo prolungato e in caso di psicopatologie preesistenti. A detta degli esperti, il semplice divieto limita le misure da adottare per ridurre i rischi ed estendere la prevenzione.

La Svizzera dovrebbe legalizzare e regolare il mercato proteggendo nel contempo la salute della popolazione, in particolare dei giovani. Inoltre, le autorità dovrebbero esercitare un certo controllo sul mercato. La regolamentazione del mercato della cannabis faciliterà anche la ricerca scientifica e l'accesso ai cannabinoidi per scopi medici.

Nuove conoscenze - Finora, la commissione raccomandava la depenalizzazione dell'uso di cannabis, accompagnata da una rigorosa regolamentazione delle vendite e della produzione, con una forte attenzione alla protezione dei giovani. La conoscenza della cannabis e dei suoi principi attivi si è approfondita negli negli ultimi anni, sostiene la commissione.

In molti paesi, la cannabis è stata legalizzata e regolamentata e la sua produzione è stata professionalizzata. Sono inoltre disponibili informazioni sull'efficacia delle misure preventive e sulla riduzione dei danni.

Nessun modello specifico - La commissione non vuole imporre un modello normativo preciso da seguire. Giudica che le misure di attuazione dettagliate debbano essere stabilite dalla Confederazione e dai Cantoni. Affinché la regolamentazione sia utile per la prevenzione, il prodotto dovrebbe contenere dosi moderate di THC.

Gli esperti sostengono inoltre l'inserimento nella legge sugli stupefacenti di un articolo che tenga conto anche dei progetti pilota, come previsto dal Consiglio federale.

L'uso della cannabis è proibito e punibile in linea di principio dal 1951. L'intenzione del governo è di consentire lo svolgimento di test per un periodo massimo di dieci anni a scopi scientifici.

Tali sperimentazioni dovrebbero fornire informazioni sugli effetti della droga a livello della salute dei consumatori, di mercato della droga, sulla protezione dei giovani e la sicurezza.

Ma la commissione va più lontano. A suo avviso è necessario perseguire progetti di ricerca in contesti reali e osservare l'esperienza dei paesi già impegnati in questo percorso. La ricerca dovrebbe fornire risposte pragmatiche e scientificamente fondate a queste domande.

Soprattutto uomini - Secondo uno dei rapporti pubblicati, la cannabis con oltre l'1% di THC rimane la sostanza illegale più diffusa in Svizzera. Il consumo è molto più diffuso tra gli uomini, gli adolescenti e i giovani adulti.

La maggior parte consuma cannabis occasionalmente. Circa l'1% della popolazione adulta riconosce invece un uso frequente di questa sostanza, per 20 giorni o più al mese.

Commenti
 
Orso 2 mesi fa su tio
Si sarebbe anche ora. Ma non con la tassa del 25%+iva perché altrimenti costa meno comprarsela per strada dagli spacciatori. Mezzo mondo la legalizzata, mezza europa la sta legalizzando e la svizzera sempre ultima. Alla fine fa meno male quella che fumare le sigarette o bere alcol e non capisco il motivo ottuso di combattere una sostanza che alla fine é confermata farer anche bene alle dosi giuste. Certo....a eccedere tutto fa male, ma é cosi anche con i farmaci, alcol e il resto.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
SAN GALLO
6 ore

Attenzione al correttore automatico, rischia di rovinarvi le vacanze

Durante la prenotazione di un volo, il correttore automatico ha cambiato il nome di una passeggera da Andrina ad Adrian. Le è stato quindi chiesto di acquistare un nuovo biglietto aereo

BERNA
7 ore

Caricato da un toro, pensionato soccombe alle ferite

Il 74enne è deceduto oggi in ospedale dopo essersi imbattuto nell'animale sabato ad Adelboden

SVIZZERA
8 ore

Jihadista ginevrino catturato in Siria, Berna conferma l'arresto

L'uomo sarebbe stato rintracciato dopo tre mesi di fuga e arrestato lo scorso 18 giugno dalle milizie curde in un'azione coordinata nei pressi di Baghuz

LUCERNA
10 ore

Ubriaca e con lo pneumatico a pezzi

La 45enne è stata fermata nella notte a Ebikon. Immediati il ritiro della patente e la denuncia

SONDAGGIO
SVIZZERA
10 ore

La vacanza in Egitto divide: tra paura e sicurezza nel resort

Dal Regno Unito questa settimana non partiranno voli per Il Cairo a causa dell'allarme terrorismo. Le compagnie svizzere non hanno seguito l'esempio

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile