TiPress - foto d'archivio
SVIZZERA
17.04.19 - 13:130

Giovane radicalizzata espulsa, respinto il ricorso

La Fedpol aveva respinto la sua domanda di permesso B e l'ha espulsa sottolineando che la francese ha avuto accesso a una rete di estremisti islamici attraverso il suo compagno

LOSANNA - Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso di una giovane cittadina francese espulsa dalla Svizzera nella primavera del 2017 perché radicalizzata. Le informazioni di cui disponeva la Fedpol erano sufficienti per prendere una tale decisione. La sentenza non è definitiva.

La ragazza era entrata in Svizzera nell'agosto del 2016. All'epoca 18enne, aveva fatto richiesta per un permesso di soggiorno B UE/AELS (permesso di dimora), ma la sua domanda era stata respinta dall'Ufficio federale di polizia (Fedpol) sulla base delle informazioni fornite dal Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC).

Secondo quest'ultimo, la giovane donna si è sposata in una moschea con uno svizzero noto per i suoi contatti con persone che sostengono organizzazioni terroristiche. Individui anche indagati per l'appartenenza ad una organizzazione criminale. Inoltre, nel luglio del 2016 la coppia si è recata in Turchia, da dove è tornata qualche giorno dopo senza essere in grado di fornire spiegazioni plausibili sul loro soggiorno. L'anno successivo, il marito della giovane si è recato a Raqqa, la ex "capitale" dello Stato islamico in Siria.

Nel marzo del 2017, la Fedpol ha ordinato l'espulsione della donna e il divieto d'ingresso per 10 anni, sottolineando che la francese ha avuto accesso a una rete di estremisti islamici attraverso il suo compagno. Sussiste inoltre il rischio che abusi del suo soggiorno in Svizzera per promuovere propaganda islamista o addirittura per compiere attentati.

Nel suo ricorso al TAF, la giovane ha sostenuto che gran parte delle informazioni del SIC sono false. Ha fatto sapere di essere incinta, di essersi separata dal compagno e di aver preso le distanze dall'estremismo islamico. Ha anche denunciato le condizioni del suo arresto.

Nella sentenza pubblicata oggi, il TAF ha respinto tutti questi argomenti. I giudici affermano che le informazioni di cui disponeva la Fedpol erano sufficienti per avere un quadro fondato della situazione. In considerazione del rischio di un passaggio all'azione nel momento della notifica della decisione, è stato necessario procedere immediatamente all'arresto e all'espulsione della donna.

La corte sottolinea che la deradicalizzazione invocata difficilmente può essere avvenuta nel corso di pochi mesi. Infine, ricordano che la giovane potrà chiedere che il caso venga riesaminato a distanza di 5 anni dalla decisione presa dalla Fedpol, ovvero già nel marzo del 2022.

La sentenza del TAF non è definitiva e può essere impugnata entro 30 giorni presso il Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora

61 reati in due anni, giovane turco dovrà lasciare la Svizzera

Secondo i giudici la sua integrazione è fallita. Tra i reati vi sono lesioni personali, rapina e incendio intenzionale

SVIZZERA
2 ore

Gli A220 di Swiss a terra fino a nuovo ordine

Un volo Londra-Ginevra è stato dirottato su Parigi stamattina. Un nuovo incidente che coinvolge un motore Serie C / A220 e che ha spinto l'azienda a reagire drasticamente

ZURIGO
3 ore

Poliziotta investita, chiesta una punizione esemplare

Secondo la Federazione Svizzera dei Funzionari di Polizia, il 20enne «ha preso in conto la morte dell'agente»

BERNA
4 ore

Quaranta gatti sono troppi, potrà tenerne sei al massimo

Nell'appartamento c'erano grandi quantità di escrementi, l'aria era impregnata di ammoniaca, alcuni animali erano malnutriti e la loro riproduzione avveniva incontrollata

SVIZZERA
4 ore

Apple Pay accessibile anche con Visa e Mastercard

La possibilità di usufruirne viene offerta anche a chi possiede una carta di debito, una prima in Svizzera

VAUD
4 ore

Abusò della moglie, l'imam deve lasciare la Svizzera

Davanti al TF l'uomo ha invocato la protezione della sfera privata, garantita dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Ma il kosovaro non ha assimilato i valori sociali e giuridici

SAN GALLO
5 ore

Abusi, liberato l'allenatore delle ginnaste

L'uomo è sospettato di reati sessuali nei confronti di una 17enne

SVIZZERA
6 ore

Anche con un pomodorino o un chicco d'uva si può morire

L'Ufficio prevenzione infortuni mette in guarda sul rischio di soffocamento dovuto ad alimenti di piccole dimensioni per i bambini

SVIZZERA
6 ore

Evolve il mercato dell'auto: si guarda alle vendite online e al noleggio

Gli esperti analizzano il settore dopo l'introduzione di alcune novità da parte dell'azienda Auto Kunz di Wohlen

SVIZZERA
7 ore

Libra: avanti con 21 membri, firmata la carta e determinati i vertici

La missione è costruire una migliore rete di pagamento, ampliare l'accesso ai servizi finanziari essenziali e ridurre i costi per miliardi di persone che ne hanno più bisogno

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile