tipress (archvio)
I fornitori privati svilupperanno e offriranno i necessari supporti tecnologici, come gli smartphone o le carte bancarie
BERNA
17.04.19 - 11:000

Identità elettronica, attese aspre discussioni agli Stati

Il progetto adottato in marzo dal Consiglio nazionale prevede che lo Stato e i fornitori privati si dividano i compiti

BERNA - Gli Svizzeri dovrebbero essere in grado di identificarsi in modo sicuro su Internet. Tuttavia, il progetto del Consiglio federale di istituire un'identità elettronica riconosciuta dallo Stato dovrebbe suscitare un acceso dibattito in seno al Consiglio degli Stati.

Nell'esaminare il progetto, la Commissione degli affari giuridici della Camera dei Cantoni ha infatti respinto con 5 voti a 4 e 3 astensioni una proposta di rinvio al governo, che chiedeva di definire l'istituzione di un'identità elettronica come una missione di servizio pubblico da delegare a concessionari mediante un mandato preciso, indica una nota odierna dei servizi del Parlamento.

Il progetto adottato in marzo dal Consiglio nazionale prevede invece che lo Stato e i fornitori privati si dividano i compiti. La Confederazione verifica e conferma l'identità di una persona. I fornitori privati svilupperanno e offriranno i necessari supporti tecnologici, come gli smartphone o le carte bancarie. Essi saranno soggetti a controlli regolari da parte delle autorità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
1 ora

Aggredisce i genitori e il fratello, poi scappa

La madre è in gravi condizioni ed è stata trasportata all'ospedale in elicottero, mentre il padre e il fratello hanno riportato ferite di media gravità

SVIZZERA
1 ora

Il nuovo Parlamento potrebbe approvare il pensionamento a 67 anni

Se la distribuzione dei seggi sarà simile a quella della legislatura 2015-2019, direbbe "sì" nella misura del 55%

SONDAGGIO
SVIZZERA
1 ora

Salgono i costi e le Casse malati pensano alla visita in farmacia

L'idea alla base del nuovo modello è semplice: a differenza dei medici, le farmacie non sono remunerate per le loro consultazioni

SVIZZERA
2 ore

400'000 persone in Svizzera hanno più di un posto di lavoro

Ed è una tendenza in crescita che riguarda perlopiù i lavori poco qualificati, e a farlo sono soprattutto le donne

SVIZZERA
3 ore

Tragedia sul treno: «20 porte difettose, ma gli errori capitano»

Il direttore delle FFS non era a conoscenza, prima dell'incidente, della presenza di alcuni difetti. «Ma ogni anno si chiudono 200 milioni di porte»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile