Keystone (archivio)
Il Tribunale federale di Losanna
SVIZZERA
10.04.19 - 16:020

Votazioni da ripetere: i precedenti a livello cantonale

A livello federale la decisione odierna del Tribunale federale sull'imposizione delle coppie sposate è una novità assoluta. Ma non lo è sul piano comunale e cantonale

BERNA - L'annullamento della votazione sulla "sanzione matrimoniale" è un'assoluta novità a livello federale. Sul piano comunale e anche cantonale è già successo invece più volte che si sia dovuto ripetere una votazione, per lo più a causa di un esito contestato.

Il caso più clamoroso finora risale agli anni '80, con il cambio di cantone del distretto bernese di Laufen. In una prima votazione nel 1983, i cittadini si erano espressi a favore della permanenza nel cantone di Berna. Dopo che si era saputo che il Cantone aveva sostenuto i pro bernesi con i fondi di una "cassa nera", il Tribunale federale ne ordinò la ripetizione. Dalla seconda votazione, nel 1989, è risultata una stretta maggioranza per Basilea Campagna.

Una vertenza analoga è tuttora in corso per Moutier. Il 18 giugno 2017 i suoi cittadini hanno scelto, con 137 voti di scarto (2067 "sì", ossia il 51,72%, contro 1930 "no" e 45 schede bianche) di lasciare il canton Berna per unirsi al Giura.

La prefetta del Giura bernese ha però invalidato il voto, accogliendo i ricorsi di antiseparatisti che denunciavano presunte irregolarità (propaganda inammissibile da parte delle autorità filo separatiste di Moutier, presunti domicili fittizi). Contro questa decisione sono pendenti ricorsi al Tribunale amministrativo bernese e la questione rischia di trascinarsi fino al Tribunale federale, se non addirittura alla Corte dei diritti dell'uomo di Strasburgo.

Proporzionale o maggioritario - Alla ripetizione di votazioni si è giunti anche in relazione al sistema elettorale, da ultimo nel canton Grigioni. Il 18 maggio 2003, i cittadini retici avevano optato, con soli 12 voti di scarto, per l'elezione del parlamento non più con il sistema maggioritario, ma con il cosiddetto "modello grigione", un sistema misto caratterizzato da una forte componente proporzionale. Dopo un nuovo conteggio che aveva ribaltato il risultato e ulteriori ricorsi, il voto era stato ripetuto il 14 settembre e aveva confermato il sistema maggioritario.

Nel 2016, il Tribunale federale è stato chiamato ad esprimersi sulla costituzionalità del sistema grigionese ma non è entrato in materia giudicando tardivo un ricorso inoltrato dopo le elezioni cantonali del maggio 2014.

Nel 1997 era stato Zugo a oscillare tra proporzionale e maggioritario per l'elezione degli esecutivi di cantone e comuni. In primo voto c'era stato un risicatissimo "sì" per il maggioritario, ma a seguito di irregolarità emerse in alcuni comuni si era rivotato, con una riconferma del proporzionale. Nel 2013 è poi stata approvata una iniziativa popolare che prevedeva il passaggio al maggioritario per l'elezione del Consiglio di Stato.

Schede gettate - Quasi un classico, fra i motivi di ripetizione, sono diventate le schede gettate per errore o negligenza. Era successo nel 2011 nel canton Berna, dopo che un progetto che prevedeva una forte riduzione dell'imposta sui veicoli a motore era stato accolto di strettissima misura. Dopo un ricorso si sarebbe dovuto fare un nuovo conteggio, senonché ci si è accorti che ben 30 comuni avevano già gettato le schede di voto (oltre 18'000), pur essendo tenuti a conservarle fino all'evasione dell'ultimo eventuale ricorso. Così si è dovuto rivotare, nel settembre 2012.

Un fatto simile era avvenuto nel 1988 nel canton Turgovia, dove i cittadini avevano dovuto votare una seconda volta su una nuova costituzione cantonale. In quel caso erano stati sei Comuni a gettare anzitempo le schede, rendendo impossibile un nuovo conteggio.

Commenti
 
tip75 8 mesi fa su tio
ma quando invece sono quelli ai piani alti che non rispettano una votazione popolare come la mettiamo?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
12 min
Non sa abbastanza bene il tedesco: 22enne romando escluso da Swisscoy
Il centro di competenza dell'Esercito non indicava alcun livello minimo per accedere alla formazione: «È per non scoraggiare nessuno»
SVIZZERA
2 ore
Ecco il primo rifugiato con un impiego fisso presso La Posta
L'azienda descrive così Henok Afewerki: «Da ragazzo dal futuro incerto a collaboratore della logistica con ottime prospettive»
FOTO
SAN GALLO
2 ore
Ne hanno fatto esplodere un altro
Preso di mira la notte scorsa un bancomat a Sevelen. I danni ammontano a circa 100mila franchi
SVIZZERA
3 ore
Svizzeri in vacanza? Sicurezza e prossimità
Il TCS ha elencato una serie di consigli per le vacanze all’estero
ZURIGO
3 ore
«Mentre camminavo la scarpa ha iniziato a squagliarsi da sola»
L'incredibile vicenda accaduta a una zurighese. La colpa sarebbe del dispositivo antitaccheggio nella suola, per gli esperti però è un enigma
SVIZZERA
3 ore
Preferenza indigena e obbligo d'annuncio: «Raccontiamola giusta»
Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale chiedendo di fare luce sulla reale efficacia della misura implementata nel 2018
GINEVRA
4 ore
È il grande giorno del Léman Express
La rete - sulla quale circoleranno 240 treni al giorno - viene inaugurata oggi. Fra tre giorni sarà aperta al pubblico
SVIZZERA
5 ore
La ripresa congiunturale? Solo nel 2021
Gli esperti della SECO pronosticano che il PIL continuerà a crescere anche l'anno prossimo (+1,7%) e quello seguente (+1,2%)
SVIZZERA
5 ore
Clorotalonil, scatta il divieto in tutto il Paese
L'UFAG ha revocato l'autorizzazione ai prodotti fitosanitari contenenti il fungicida. L'utilizzo sarà vietato dal prossimo 1° gennaio
BERNA
6 ore
Preventivo, dissimulazione del viso e disoccupati anziani
Riprendono con questi temi i lavori al Consiglio nazionale dopo il rinnovo del Consiglio federale di ieri
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile