tipress (archivio)
Al centro del nuovo orientamento vi è un profilo professionale uniforme che sostituirà le attuali professioni di guardia di confine e specialista doganale
BERNA
10.04.19 - 14:150
Aggiornamento : 15:13

L'Amministrazione delle dogane cambia nome

In seguito alla riorganizzazione prenderà il nome di "Ufficio federale delle dogane e della sicurezza dei confini (UDSC)"

BERNA - Una nuova figura professionale più dinamica e un nuovo nome: sono questi i punti principali della riorganizzazione dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD), che in futuro si chiamerà "Ufficio federale delle dogane e della sicurezza dei confini (UDSC)". Il Consiglio federale ha gettato oggi le basi per lo sviluppo dell'organismo.

«I cambiamenti nella società si riconoscono immediatamente ai confini, che si parli di immigrazione o semplicemente di problemi legati al traffico, fino al commercio di farmaci illegali», ha dichiarato il consigliere federale Ueli Maurer ai media a Berna. «Proprio per questo il settore doganale deve adeguarsi ai tempi che cambiano», ha aggiunto.

Al centro del nuovo orientamento vi è un profilo professionale uniforme che sostituirà quelli attuali di guardia di confine (controllo di persone) e specialista doganale (controllo di merci). Tutti i collaboratori verranno formati per eseguire controlli globali di merci, persone e mezzi di trasporto e si specializzeranno in uno di questi tre ambiti. L'addestramento di base sarà però uguale per tutti, in modo da permettere una maggiore flessibilità.

Indosseranno la stessa uniforme e, in funzione dei compiti, saranno armati, anche se l'arma non sarà necessariamente da fuoco. La nuova formazione prevista concerne sia i nuovi collaboratori sia quelli già assunti.

«Si tratta di un cambiamento importante che in totale coinvolge circa 4700 dipendenti, ma è necessario per poter reagire alle nuove sfide in maniera adeguata», ha detto Maurer. «Tutto questo deve avvenire mantenendo una stretta collaborazione con i Cantoni».

Per chiarire l'importanza della nuova figura professionale, il ministro ha fatto un piccolo esempio: ad oggi se uno specialista doganale vuole controllare un veicolo particolarmente sospetto, non lo può fare finché non arriva in aiuto una guardia di confine armata. In futuro questo problema non ci sarà più.

Digitalizzazione e tempistica - L'AFD viene quindi orientata alle nuove esigenze, al fine di poter continuare a svolgere il suo mandato in un contesto in continuo mutamento. Per fare questo vanno sfruttate fra le altre cose le opportunità offerte dalla digitalizzazione.

In tale settore è già stato avviato il programma di trasformazione DaziT, per il quale nell'autunno 2017 il Parlamento ha autorizzato un credito d'impegno di circa 400 milioni di franchi, è stato ricordato ai media.

L'obiettivo è una trasformazione globale: la riscossione di dazi e tributi viene semplificata, armonizzata e interamente digitalizzata. Nelle intenzioni ciò consente di ridurre i costi di regolamentazione, riscuotere in modo più efficiente le entrate e aumentare la sicurezza grazie a controlli più efficaci.

Questo progetto di digitalizzazione può però essere attuato solo se l'organizzazione dell'intera struttura viene adattata alle nuove esigenze. Proprio per questo il Consiglio federale oggi ha gettato le basi in questo senso.

Il rinnovamento è ancora nelle fasi iniziali e diversi dettagli devono ancora essere chiariti, è stato spiegato. Per quel che riguarda l'applicazione non ci sono particolari pressioni sulle tempistiche, ma gran parte della concretizzazione dovrebbe avvenire fra il 2022 e il 2023.

Il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale delle finanze (DFF) di creare, nel quadro dell'imminente revisione della legge sulle dogane, i presupposti per questo sviluppo. La modifica del nome richiederà un adeguamento dell'ordinanza sull'organizzazione del Governo e dell'Amministrazione (OLOGA).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Manifestazioni contro il razzismo in diverse città svizzere, in 5'000 a Basilea
La polizia non è intervenuta, ma ha distribuito volantini con le direttive sanitarie
SVIZZERA
13 ore
Covid-19 in Svizzera, un decesso e altri 20 casi
Per il terzo giorno consecutivo, si segnala che il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
BASILEA
14 ore
Art Basel salta, per quest'anno
La più importante fiera d'arte al mondo era stata dapprima rimandata a settembre. Invece non si terrà
ARGOVIA
14 ore
Arrestato un "bombarolo" dilettante
In manette un 42enne che ha fabbricato e fatto esplodere un ordigno nella campagna argoviese
SVIZZERA
16 ore
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
17 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
1 gior
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
1 gior
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
1 gior
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
1 gior
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile