Keystone (archivio)
SVIZZERA
05.04.19 - 11:440
Aggiornamento : 09.04.19 - 10:08

«Ai pastori non conviene proteggere le greggi dal lupo»

Uno studio dimostra che difendere gli animali provoca costi aggiuntivi che solo in parte vengono coperti da entrate supplementari

BERNA - Ai pastori svizzeri non conviene proteggere le greggi dai lupi: hanno infatti dei costi aggiuntivi che riescono a coprire solo a metà tramite entrate supplementari. È quanto risulta da uno studio cofinanziato dalla Confederazione e realizzato dagli uffici cantonali per l'economia agraria di Uri e Vallese.

In base ad esso, il loro risultato economico finale degli alpeggi peggiora quasi senza eccezioni quando per l'estivazione delle pecore prendono misure contro i grandi predatori. Le spese non coperte sono valutate e a 3,8 milioni di franchi a livello svizzero.

Lo studio - di cui riferisce un comunicato odierno del Canton Uri - ha comparato la situazione economica di 13 alpeggi con pecore nei due cantoni prima e dopo l'adozione di misure di tutela dai grandi predatori.

Per proteggere gli animali, gli alpigiani sostanzialmente hanno fatto ricorso a maggior personale e cani da guardia. Per ogni alpe e stagione le misure sono costate in media 18'000 franchi, ossia circa 43 franchi a pecora.

Per gli allevatori di Uri sono state stimate spese supplementari di 560'000 franchi, per quelli del Vallese di 1,6 milioni di franchi. Estrapolando per l'intera Svizzera il costo ammonterebbe a 7,6 milioni di franchi all'anno. Nella maggior parte dei casi, le spese per il personale hanno costituito la quota maggiore dei costi aggiuntivi.

Costi che, secondo lo studio, si riesce a coprire solo per poco meno della metà tramite un reddito supplementare, come maggiori pagamenti diretti per il cambiamento del sistema di pascolo o contributi di protezione degli animali da reddito. In conclusione gli alpigiani devono farsi carico di circa la metà delle spese aggiuntive. Si tratta di oltre 9000 franchi a stagione per alpeggio. A livello svizzero la somma sarebbe di 3,8 milioni di franchi.

Gli aiuti all'allevamento delle pecore in Svizzera ammontano annualmente a circa 10 milioni di franchi, fra pagamenti diretti, miglioramenti strutturali e consulenza. Circa mezzo milione di franchi svizzeri è dedicato alle misure di protezione del bestiame.

In base allo studio presentato oggi, adattandosi alla situazione dei grandi predatori gli alpeggi urani e vallesani hanno generato in media introiti di 42'000 franchi all'anno per alpe, o di 102 franchi per animale. Nella maggior parte dei casi si è trattato di pagamenti diretti.

Gli autori dello studio propongono pertanto varie modifiche alternative al finanziamento dell'allevamento di ovini, che è stabilito dalla Confederazione. I cantoni hanno invece un margine di manovra molto limitato.

Commenti
 
LAMIA 8 mesi fa su tio
A quando la morte del primo uomo? Poi vedremo ??
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
La Confederazione teme attentati ai consiglieri federali
I componenti dell'esecutivo figurano tra i funzionari particolarmente minacciati. Secondo l'esperto, una scorta fissa sarà presto necessaria
BERNA
10 ore
Rapina a mano armata alla biglietteria FFS
Ladri in azione alla stazione di Burgdorf, nella capitale. È in corso una caccia all'uomo
ZURIGO
13 ore
Uomo gravemente ferito da colpi d'arma da fuoco
Il 32enne aveva chiamato la polizia dicendo di essere inseguito. Ancora da chiarire la dinamica dell'accaduto
SVIZZERA
16 ore
L'epica spedizione di Mike Horn e Børge Ousland è finita
Dopo quasi tre mesi fra i ghiacci dell'Artico, i due sono stati recuperati dalla nave Lance. Nonostante qualche gelone, sono in buona salute
ARGOVIA
16 ore
Incendi dolosi a Merenschwand: carcere preventivo per uno dei sospettati
Si tratta di un 37enne svizzero. Venerdì erano state fermate dieci persone
SVIZZERA
17 ore
«Gli standard sulla verdura dei supermercati sono irrealistici»
Lo sfogo di un coltivatore Bio che deve buttare metà delle sue patate perché “troppo grandi”, lui: «Nessuno si lamenta: hanno paura»
BERNA
20 ore
Sciare sulla Jungfrau non sarà per tutti
Le Jungfraubahnen intendono limitare l'accesso alle piste sopra a Wengen e Grindelwald. Questione di tutela ambientale e marketing
BERNA
21 ore
Iniziativa "Più abitazioni a prezzi accessibili": «L'opuscolo contiene errori»
L'Associazione svizzera degli inquilini chiede al Consiglio federale una rettifica urgente. Si vota il 9 febbraio
SVIZZERA
21 ore
I genitori al pronto soccorso "sclerano", sicurezza rafforzata
I numeri sulle aggressioni negli ospedali sono impressionanti: in un anno 1500 al CHUV di Losanna, 1200 all'Inselspital di Berna, 900 all'ospedale di Zurigo e 5000 all'HUG di Ginevra
SVIZZERA
22 ore
Poco spazio per lavorare: i dipendenti di Swiss protestano
Sui nuovi A320 Neo la superficie a disposizione nelle cucine di bordo sarà ancora più limitata, lamentano gli assistenti di volo. La compagnia relativizza
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile