Secondo l'UDC parroci e pastori «avrebbero difficoltà a citare le verità bibliche»
BERNA
30.03.19 - 14:440

Omofobia: probabile referendum sulla norma contro la discriminazione

La revisione mira a vietare espressamente le discriminazione basate sull'orientamento sessuale

BERNA - La popolazione svizzera sarà verosimilmente chiamata ad esprimersi sulla revisione della norma penale sul razzismo, che mira a vietare espressamente le discriminazione basate sull'orientamento sessuale. L'Unione democratica federale (UDF) ritiene che riuscirà a raccogliere le 50'000 firme necessarie entro l'8 aprile. Vi sono però critiche sui metodi di raccolta delle sottoscrizioni.

Lo scorso dicembre il Parlamento - basandosi su un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Mathias Reynard (PS/VS) - ha deciso di sanzionare penalmente anche questo tipo di discriminazioni.

Il comitato referendario "No alla legge di censura", composto principalmente da politici dell'UDF e dell'UDC, considera tutto ciò come una violazione della libertà di credo e di parola dei cittadini. Con l'estensione della norma penale, parroci e pastori «avrebbero, ad esempio, difficoltà a citare le verità bibliche», ha riferito a Keystone-ATS il presidente del comitato nonché presidente delll'UDF Hans Moser.

Finora sono state raccolte 44'000 firme e altre 18'000 sono ancora in fase di verifica nei Comuni, ha aggiunto Moser, confermando una notizia odierna di blick.ch. È dunque "sicuro che si arriverà al voto".

Critiche sulla raccolta firme - Venerdì scorso, Mathias Reynard ha duramente criticato i metodi applicati per la raccolta firme. «Mentre al referendum contro la mia iniziativa 'antiomofobia' rimangono solo pochi giorni per riuscire, gli oppositori utilizzano menzogne per far firmare la gente», ha denunciato il socialista sulla sua pagina Facebook. Lui stesso afferma di essere stato fermato per strada e invitato a firmare il testo presentatogli «come una raccolta firme per 'lottare contro l'omofobia nell'esercito'», come mostra in un video che ha pubblicato su Twitter.

«Questi sono metodi indegni che distruggono la fiducia nella nostra democrazia diretta», dice il politico su Facebook, aggiungendo che vi sono molte testimonianze di questo tipo provenienti da tutta la Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
3 min
La “variante inglese” mette un'altra scuola in quarantena
Martedì inizierà la formazione a distanza per i 350 allievi di Wangen an der Aare
SVIZZERA
4 ore
Covid detector in aeroporto: perché non con i cani
I risultati non sarebbero ancora sufficienti per permettere l'addestramento e l'impiego su larga scala
BASILEA CAMPAGNA
7 ore
Auto fuori strada, 18enne in ospedale
Le altre due persone presenti nell'auto hanno riportato solo ferite lievi
SVIZZERA
7 ore
La seconda ondata ha "steso" un giovane su tre
Depressione e stress in aumento tra gli svizzeri dai 14 ai 24 anni. Lo dice uno studio dell'Università di Basilea
SVIZZERA
11 ore
Berset ai ferri corti con Chiesa
Il ticinese e il consigliere federale si sono incontrati per un chiarimento. Ma le posizioni restano «inconciliabili»
BERNA
12 ore
Coronavirus: più controlli alle frontiere e più test
Sono alcune delle previsioni in merito alle decisioni di mercoledì del Consiglio federale.
FOTO
SVIZZERA
12 ore
Oggi il suffragio femminile a livello federale compie 50 anni
Ed è impossibile non domandarsi: come mai così tardi? Ma ci sono cantoni che l'hanno introdotto prima e altri dopo
SVIZZERA / ITALIA
23 ore
I figli alla scuola privata di Zurigo, ma vogliono le norme italiane
Un gruppo di genitori si è rivolto a Repubblica per denunciare l'applicazione delle misure del Cantone anziché del Dpcm
FOTO
VALLESE
1 gior
Si stacca una valanga sopra Nendaz: un morto e un ferito
La grossa slavina ha travolto una guida alpina e uno dei suoi clienti. Stavano sciando fuori-pista.
FOTO
BERNA
1 gior
Corona-scettici scacciati dalla polizia
Un centinaio di persone si è ritrovato su Piazza federale per protestare contro le misure imposte dal Governo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile