Keystone
SVIZZERA / MOZAMBICO
19.03.19 - 19:370

Ciclone Idai, appello alla solidarietà

La Catena della Solidarietà ha lanciato una raccolta di donazioni per aiutare le popolazioni locali ora e per la ricostruzione futura

BERNA - Il ciclone Idai, accompagnato da piogge torrenziali, ha devastato la città di Beira nel Mozambico e diverse aree remote dello Zimbabwe e del Malawi. Centinaia di migliaia di persone hanno bisogno di aiuti umanitari. La Catena della Solidarietà lancia un appello alle donazioni.

Secondo la Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, la città di Beira, la quarta più grande del paese, è stata distrutta al 90% dall’acqua torrenziale che ha trascinato sul suo passaggio strade, ponti, ospedali, scuole e case. Il disastro ha causato diverse centinaia di vittime anche nello Zimbabwe e nel Malawi. Le inondazioni costringono le persone a rifugiarsi sui tetti e sugli alberi. Centinaia di migliaia di persone hanno urgente bisogno di acqua potabile, cibo, riparo e cure mediche. A medio termine sarà inoltre necessario un sostegno per la ricostruzione.

Diverse ONG svizzere partner della Catena della Solidarietà attive da anni nel Mozambico e nelle regioni limitrofe colpite, si stanno mobilitando per aiutare la popolazione. La Catena della Solidarietà ha messo immediatamente a disposizione dal suo fondo per le urgenze un milione di franchi.

La Catena della Solidarietà lancia un appello alla solidarietà al popolo svizzero. Le donazioni possono essere effettuate sul conto postale 10-15 000-6 (menzione “Mozambico”), via Twint e sul sito www.catena-della-solidarieta.ch.

5 mesi fa Ciclone Idai, si temono almeno mille morti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
2 ore

Cade sulla Dent de Ruth e perde la vita

La vittima è un 73enne domiciliato nella regione che camminava da solo su un terreno scosceso

BERNA
2 ore

Cambia il pannolino sul sedile del treno, i passeggeri scappano

Una mamma ha improvvisato un fasciatoio durante il viaggio con il suo bambino, ma alcuni dei presenti non hanno apprezzato. Le FFS invitano al buonsenso

ZURIGO
3 ore

Addio a Pierre Borgeaud

È morto più di un mese fa, ma la famiglia ne dà notizia solo ora. È stata una personalità importante per l'economia svizzera

LUCERNA
5 ore

A 182 km/h sull’A2: «Non conosco i limiti di velocità in Svizzera»

Un 22enne francese è stato pizzicato giovedì dal radar poco dopo mezzogiorno. Nello stesso punto 500 infrazioni

SVIZZERA
18 ore

Legge sul CO2, aumenti in vista per benzina e biglietti aerei

È l'intenzione della commissione dell'ambiente del Consiglio degli Stati

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile