20M
SVIZZERA
15.03.19 - 06:410

«L'autunno in cui mio papà mi rapì e mi portò via dalla Svizzera»

La storia di K portata a Londra dal padre a 5 anni e tenuta lì per 6 mesi: «Quella paura mi ha segnata per tutta la vita»

ZURIGO - Dopo il caso delle piccole bernesi Nuran e Sarah - rapite nel 2014 da loro padre, portate in Egitto e tornate fra le braccia della madre solo cinque anni dopo, 20 Minuten ha raccolto una nuova storia.

Quella di K*. , oggi adulta, rapita dal padre quando aveva 5 anni e portata - inconsapevole -nel Regno Unito dove è rimasta per 6 mesi.

Signora K. , si ricorda il giorno del suo rapimento?

Sì, è stato durante le vacanze autunnali. Mio padre venne in Svizzera a prendermi per volare a Londra. Da bambina non si ha una corretta percezione del tempo, eppure mi sembrava che ne fosse passato molto dall'ultima volta che avevo visto o parlato a mia mamma.

Quando chiamava, poi, mi era vietato parlarle al telefono. Piano piano ho capito, e mi è stato anche detto, che sarei dovuta restare lì per sempre. Lui, che aveva una nuova compagna, voleva darmi una famiglia pensava che fosse importante che avessi una figura paterna e una materna.

Che ricordi ha dei suoi mesi nel Regno Unito?

In Svizzera facevo l'asilo e poi, all'improvviso, non ci dovevo più andare. A Londra avevo una bellissima camera, tutta arredata, ma cosa importa se non ti senti a casa tua? In quel periodo, inoltre, mio papà si stava preparando per sposare la sua nuova moglie. Voleva che la chiamassi mamma, avevano preparato anche la procedura di adozione.

Com'è tornata in Svizzera?

Dopo circa sei mesi che ero lì la polizia è venuta a bussare alla porta. Mi hanno presa e consegnata a mia madre, all'aeroporto di Londra. Ma non siamo potute tornare subito, abbiamo dovuto aspettare al posto di polizia. In quei momenti ero terrorizzata, avevo paura che mi portassero di nuovo via da mia mamma. Anche una volta tornata a casa, quella paura è sempre rimasta lì. Quando suonavano alla porta mi nascondevo sotto al letto.

Come ha fatto a superare la cosa?

Dopo essere tornata in Svizzera ho iniziato un lungo percorso di terapia. È una cosa che mi turba ancora adesso, anche se è stata molto tempo fa.

Anche se quei giorni sono sepolti nell'oscurità della memoria, a volte risaltavano fuori. Durante l'adolescenza facevo spesso incubi a riguardo.Pure oggi faccio fatica a fidarmi completamente delle persone, la diffidenza ormai integrante della mia personalità. Ho due figli e un marito, con lui ho parlato di quello che mi è successo da piccola.

Che tipo di relazione ha oggi con suo padre?

Oggi abbiamo un buon rapporto ma la verità è che lui non è mai stato davvero un padre per me. Mi spiego: o è stato troppo o  troppo poco. Per tanti anni lui semplicemente non c'è stato.

Solo quando sono andata in rotta con mia madre, è successo quando avevo 17 anni, mi sono riavvicinata a lui e alla sua nuova famiglia. Mi hanno permesso di staccare dalla mia vita qui, è una cosa che mi ha fatto davvero bene. Posso dire di avere una vita felice solo dal matrimonio e dalla nascita del mio primo figlio. 

È un ottimo nonno, più di quanto sia stato come padre per me o il mio fratellastro. Non è uno che parla molto ma mi accorgo che il senso di colpa per quello che ha fatto è sempre presente in lui. Tra l'altro mi trovo anche benissimo con la sua compagna.

E con tua madre, invece?

Lei è il mio punto di riferimento da sempre, è una donna davvero super che mi ha cresciuta praticamente da sola. Il fatto che i miei fossero divorziati però da piccola mi ha fatto parecchio soffrire... ero gelosa degli altri bambini che avevano un papà.

*nome noto alla redazione 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
3 min
«Abbiamo ancora 4 settimane per evitare di chiudere tutto»
Alain Berset e Lukas Engelberger spiegano i prossimi passi per contrastare l'epidemia di coronavirus
SVIZZERA
2 ore
Numeri raddoppiati in una settimana
Tra il 12 e il 18 ottobre sono state annunciate 19'478 nuove infezioni. La settimana prima erano 8749.
SVIZZERA
2 ore
Un bollettino giornaliero simile a quello di ieri
Nel nostro Paese sono stati effettuati 26'537 tamponi in un giorno. Il 19,8% ha dato esito positivo.
SVIZZERA
3 ore
Qual è l'impatto del virus sul personale sanitario?
Amnesty International chieda che venga effettuata un indagine. Nel mondo 7'000 professionisti hanno pagato con la salute
SVIZZERA
4 ore
Quasi il 20% degli occupati lascia il proprio impiego
I dati raccolti tra il 2018 e il 2019 mostrano che sono soprattutto i giovani a cambiare lavoro
GERMANIA / SVIZZERA
4 ore
La Germania mette l'intera Svizzera sulla "lista nera"
Anche l'Austria, la Polonia e l'Irlanda sono diventate zone a rischio, secondo il Robert Koch Institut
SVIZZERA / STATI UNITI
5 ore
Una terapia orale per curare (e prevenire) il Covid
La cura (AT-527) è attualmente in fase 2 di sviluppo. La fase 3 dei trial inizierà nel primo trimestre 2021
SVIZZERA
5 ore
Sika: in calo le vendite e la redditività
L'utile netto ha però superato le previsioni degli analisti
SVIZZERA
6 ore
Coronavirus: prolungato l'obbligo di servizio in protezione civile
I militi dovranno prestare servizio per 14 anni, invece che 12, per avere personale sufficiente a combattere la pandemia
SVIZZERA
7 ore
«Attraversare l'inverno senza perdere il controllo sul virus»
Per il virologo della task force Volker Thiel, i Cantoni dovrebbero ridurre al massimo le opportunità di contatto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile