ZURIGO
14.03.19 - 15:050

Mobbing all'ETH, la professoressa verrà licenziata

Le accuse contenute nel rapporto d'inchiesta sono «in gran parte vere» e il suo comportamento era «inaccettabile».

ZURIGO - L'ETH di Zurigo esige il licenziamento di una professoressa d'astronomia accusata di aver tiranneggiato i dottorandi a lei affidati. Il presidente Joël Mesot ha annunciato oggi una serie di misure che serviranno ad evitare il ripetersi di casi analoghi.

Nella sua prima conferenza stampa in qualità di presidente del Politecnico federale di Zurigo (ETH), Mesot non si è potuto occupare di argomenti scientifici. L'attualità lo ha obbligato a prendere posizione sui casi che negli ultimi due anni hanno interessato dottorandi e studenti che hanno lamentato umiliazioni, mancanza di rispetto o "mobbing" da parte di alcuni professori.

Lo scorso 31 ottobre, l'allora dell'ETH Lino Guzzella aveva presentato i risultati di un'inchiesta amministrativa secondo la quale la professoressa in questione ha avuto "un comportamento grave e iniquo". Ora la direzione dell'ETH ha formalmente chiesto al Consiglio dei Politecnici federali (PF) di licenziare la professoressa.

Un simile licenziamento non è cosa facile, ha sottolineato Mesot. La relativa ordinanza prevede che una commissione ad hoc decida sulla proporzionalità della misura. La sua raccomandazione sarà in seguito trasmessa al presidente del consiglio dei Politecnici che sarà chiamato a prendere una decisione.

Nel caso specifico, la commissione ha ritenuto che il licenziamento non fosse giustificato da un punto di vista giuridico, perché la professoressa è stata avvertita in ritardo dei rimproveri che le venivano rivolti e non ha avuto la possibilità di adattare il suo comportamento.

La medesima commissione è però arrivata pure alla conclusione che le accuse contenute nel rapporto d'inchiesta sono "in gran parte vere" e che il comportamento della professoressa era "inaccettabile". Per questi motivi, il presidente e la direzione dell'ETH hanno comunque deciso di porre fine al rapporto di lavoro con la professoressa.

La direzione dell'ateneo era venuta a conoscenza nel febbraio 2017 delle accuse relative a un comportamento non tollerabile nei confronti dei subalterni. Nel giro di alcuni giorni tutti i dottorandi interessati sono stati affidati ad altri professori. In un secondo tempo l'istituto di astronomia diretto dalla professoressa è stato chiuso: dal primo settembre 2017 è stato unito a quello di fisica delle particelle per creare il nuovo istituto di fisica delle particelle e astrofisica.

L'ETH ammette errori - Nel maggio 2018, il Politecnico si è visto confrontato con nuove accuse di mobbing rivolte a professori. Alla fine di gennaio, la stampa ha riferito di un professore che non ha rispettato il codice di condotta interno e non ha saputo distinguere in modo adeguato fra rapporti personali e rapporti professionali con gli studenti.

Su questa vicenda non si conoscono altri dettagli, ma il presidente Mesot ha chiesto scusa davanti ai media con queste parole: «A nome del Politecnico di Zurigo, mi scuso con tutti coloro che sono stati sottoposti a un trattamento riprovevole da parte dei loro superiori».

Anche l'ETH ha commesso errori, ha sottolineato Joël Mesot. Di fronte alle informazioni concrete, i meccanismi di controllo non sempre hanno funzionato in modo ottimale. Per questo motivo le strutture e i processi saranno adattati. Massima priorità sarà data alle misure necessarie nei settori della prevenzione e della gestione, nonché alla gestione pratica delle situazioni di conflitto. Particolare attenzione sarà inoltre dedicata alla supervisione dei dottorandi, che dovranno essere seguiti da almeno due persone.

Gli effettivi dell'ufficio incaricato di mediare in caso di conflitti sono stati aumentati da due a tre persone. Dalla prossima estate il trattamento delle segnalazioni e dei reclami sarà ristrutturato e accelerato. La gestione dei casi sarà inoltre trasferita gradualmente ad un team specializzato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
10 ore
Un ordigno inesploso crea il caos a Hinwil
La munizione si trovava nel centro logistico dell'esercito ed è stata messa in sicurezza e rimossa in serata dagli specialisti. L'area è stata off-limits per almeno mezz'ora
FOTO
ZURIGO
16 ore
Una piazza per Köbi Kuhn? «Prima vi sono diverse donne da onorare»
Due consigliere comunali fanno scoppiare la polemica attorno all'idea di dedicare la piazza di Wiedikon all'allenatore della Nazionale da poco scomparso
FOTO
LUCERNA
16 ore
Vola nel burrone e ne esce illeso
È andata di lusso al conducente di un furgone che questa mattina è stato protagonista di un incidente avvenuto a Entlebuch
SVIZZERA
17 ore
BNS, i tassi negativi sono «sempre necessari»
La Banca nazionale svizzera ha ribadito oggi la propria disponibilità a intervenire all'occorrenza sul mercato dei cambi, che «rimane fragile»
VAUD
18 ore
Non sa abbastanza bene il tedesco: 22enne romando escluso da Swisscoy
Il centro di competenza dell'Esercito non indicava alcun livello minimo per accedere alla formazione: «È per non scoraggiare nessuno»
SVIZZERA
20 ore
Ecco il primo rifugiato con un impiego fisso presso La Posta
L'azienda descrive così Henok Afewerki: «Da ragazzo dal futuro incerto a collaboratore della logistica con ottime prospettive»
FOTO
SAN GALLO
20 ore
Ne hanno fatto esplodere un altro
Preso di mira la notte scorsa un bancomat a Sevelen. I danni ammontano a circa 100mila franchi
SVIZZERA
20 ore
Svizzeri in vacanza? Sicurezza e prossimità
Il TCS ha elencato una serie di consigli per le vacanze all’estero
ZURIGO
21 ore
«Mentre camminavo la scarpa ha iniziato a squagliarsi da sola»
L'incredibile vicenda accaduta a una zurighese. La colpa sarebbe del dispositivo antitaccheggio nella suola, per gli esperti però è un enigma
SVIZZERA
21 ore
Preferenza indigena e obbligo d'annuncio: «Raccontiamola giusta»
Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale chiedendo di fare luce sulla reale efficacia della misura implementata nel 2018
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile