ZURIGO
14.03.19 - 15:050

Mobbing all'ETH, la professoressa verrà licenziata

Le accuse contenute nel rapporto d'inchiesta sono «in gran parte vere» e il suo comportamento era «inaccettabile».

ZURIGO - L'ETH di Zurigo esige il licenziamento di una professoressa d'astronomia accusata di aver tiranneggiato i dottorandi a lei affidati. Il presidente Joël Mesot ha annunciato oggi una serie di misure che serviranno ad evitare il ripetersi di casi analoghi.

Nella sua prima conferenza stampa in qualità di presidente del Politecnico federale di Zurigo (ETH), Mesot non si è potuto occupare di argomenti scientifici. L'attualità lo ha obbligato a prendere posizione sui casi che negli ultimi due anni hanno interessato dottorandi e studenti che hanno lamentato umiliazioni, mancanza di rispetto o "mobbing" da parte di alcuni professori.

Lo scorso 31 ottobre, l'allora dell'ETH Lino Guzzella aveva presentato i risultati di un'inchiesta amministrativa secondo la quale la professoressa in questione ha avuto "un comportamento grave e iniquo". Ora la direzione dell'ETH ha formalmente chiesto al Consiglio dei Politecnici federali (PF) di licenziare la professoressa.

Un simile licenziamento non è cosa facile, ha sottolineato Mesot. La relativa ordinanza prevede che una commissione ad hoc decida sulla proporzionalità della misura. La sua raccomandazione sarà in seguito trasmessa al presidente del consiglio dei Politecnici che sarà chiamato a prendere una decisione.

Nel caso specifico, la commissione ha ritenuto che il licenziamento non fosse giustificato da un punto di vista giuridico, perché la professoressa è stata avvertita in ritardo dei rimproveri che le venivano rivolti e non ha avuto la possibilità di adattare il suo comportamento.

La medesima commissione è però arrivata pure alla conclusione che le accuse contenute nel rapporto d'inchiesta sono "in gran parte vere" e che il comportamento della professoressa era "inaccettabile". Per questi motivi, il presidente e la direzione dell'ETH hanno comunque deciso di porre fine al rapporto di lavoro con la professoressa.

La direzione dell'ateneo era venuta a conoscenza nel febbraio 2017 delle accuse relative a un comportamento non tollerabile nei confronti dei subalterni. Nel giro di alcuni giorni tutti i dottorandi interessati sono stati affidati ad altri professori. In un secondo tempo l'istituto di astronomia diretto dalla professoressa è stato chiuso: dal primo settembre 2017 è stato unito a quello di fisica delle particelle per creare il nuovo istituto di fisica delle particelle e astrofisica.

L'ETH ammette errori - Nel maggio 2018, il Politecnico si è visto confrontato con nuove accuse di mobbing rivolte a professori. Alla fine di gennaio, la stampa ha riferito di un professore che non ha rispettato il codice di condotta interno e non ha saputo distinguere in modo adeguato fra rapporti personali e rapporti professionali con gli studenti.

Su questa vicenda non si conoscono altri dettagli, ma il presidente Mesot ha chiesto scusa davanti ai media con queste parole: «A nome del Politecnico di Zurigo, mi scuso con tutti coloro che sono stati sottoposti a un trattamento riprovevole da parte dei loro superiori».

Anche l'ETH ha commesso errori, ha sottolineato Joël Mesot. Di fronte alle informazioni concrete, i meccanismi di controllo non sempre hanno funzionato in modo ottimale. Per questo motivo le strutture e i processi saranno adattati. Massima priorità sarà data alle misure necessarie nei settori della prevenzione e della gestione, nonché alla gestione pratica delle situazioni di conflitto. Particolare attenzione sarà inoltre dedicata alla supervisione dei dottorandi, che dovranno essere seguiti da almeno due persone.

Gli effettivi dell'ufficio incaricato di mediare in caso di conflitti sono stati aumentati da due a tre persone. Dalla prossima estate il trattamento delle segnalazioni e dei reclami sarà ristrutturato e accelerato. La gestione dei casi sarà inoltre trasferita gradualmente ad un team specializzato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
25 min
Negli ospedali svizzeri è arrivato il farmaco anti-Covid
Il medicinale può essere utilizzato da subito per il trattamento dei pazienti affetti da Covid
SOLETTA
2 ore
Un positivo in discoteca, 340 persone in quarantena
Aumenta il bilancio di quelli che dovranno restare chiusi in casa per dieci giorni.
SVIZZERA
4 ore
Strade svizzere sempre più cariche
Lo scorso anno sono aumentate le colonne registrate sulle strade nazionali svizzere.
SVIZZERA
5 ore
Non si ferma la progressione dei contagi
Il numero dei casi registrati in Svizzera tocca quota 31'967. I decessi sono 1'686.
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Le corse su richiesta tramite app potrebbero diventare realtà
Da settimana prossima AutoPostale utilizzerà un taxi londinese riconvertito per servire la Valle Verzasca
SVIZZERA
6 ore
"No" alla deduzione fiscale per chi sceglie vacanze svizzere
Il Consiglio federale propone di respingere le mozioni presentate da Marco Chiesa e da Franz Ruppen.
SVITTO
6 ore
Quel che resta di un'auto
Uscito di strada nella notte, il conducente ha lasciato il veicolo sui binari senza chiamare i soccorsi.
SVIZZERA
8 ore
I medici cantonali: «Mascherina obbligatoria anche negli spazi pubblici»
Indossarle solo sui trasporti collettivi, da un punto di vista epidemiologico, non basta.
VIDEO
VAUD
8 ore
Spunta un "metal detector" che spruzza disinfettante
Importato dal Portogallo, "PortCov" è appena apparso nella Svizzera romanda.
BASILEA CITTÀ
9 ore
Novartis paga 642 milioni dollari per chiudere le vertenze negli Usa
Le accuse nei confronti del gigante farmaceutico erano di corruzione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile