Deposit
SVIZZERA
14.03.19 - 06:220

Replay-Tv: a guardarla di più sono i ticinesi e i romandi

Da un sondaggio di Comparis sulla fruizione di tv e radio emerge che ticinesi e romandi guardano significativamente più Replay-Tv rispetto agli svizzero tedeschi

ZURIGO - Secondo l’indagine, svolta lo scorso mese di gennaio interpellando 1047 persone, è emerso che a usufruire del servizio Replay-Tv è il 78% dei ticinesi, il 77% dei romandi e, infine, con una percentuale pari al 62%, gli svizzero tedeschi.

«L’aumento dell’utilizzo della Replay-Tv nella Svizzera romanda e in Ticino - spiega l’esperto di Comparis Jean-Claude Frick - è probabilmente dovuto alla maggiore fruizione di emittenti private straniere con molta pubblicità e con trasmissioni il cui inizio slitta a un orario differente rispetto alle nostre abitudini».

«La Replay-Tv offre contenuti televisivi classici ed è dotata di funzioni moderne e simili a quelle del web. Per questo motivo è molto apprezzata», aggiunge Frick.

Nonostante le comodità offerte dai dispositivi mobili, con l’89% delle preferenze, gli apparecchi tv restano la maggiore fonte di fruizione televisiva e di streaming: difatti, solo il 37% degli intervistati guarda la tv sugli smartphone, così come soltanto il 19% utilizza un tablet per lo stesso motivo.

Per quanto riguarda lo streaming, il 55% degli interpellati afferma di fruire di tale servizio utilizzando la tv, mentre a utilizzare un pc o notebook la percentuale scende - seppur di poco - al 53%. Per lo streaming vengono utilizzati comunque spesso anche gli smartphone (44%), mentre i tablet soltanto nella misura del 21%.

Quanto ai contenuti video, le emittenti tv pubbliche restano le più popolari (71%), prevalentemente negli over 55. Davanti ai canali televisivi privati - con il 50% delle preferenze - si colloca YouTube con il 58%. Netflix, seppur, molto popolare, raggiunge il 31%.

«YouTube è diventato indispensabile per la fruizione di video», continua Frick. «Le emittenti tv stanno infatti tentando di raggiungere il pubblico giovane, pubblicando direttamente su YouTube i loro contenuti».

Poi, si arriva alla fruizione radiofonica: le emittenti pubbliche restano tuttora in testa, con il 64%, contro il 52% delle private.

E, infine, ai servizi di streaming audio come Spotify o Apple Music: il 51% degli intervistati con meno di 36 anni afferma utilizzare tali piattaforme quale fonte primaria per l’ascolto di musica o altri contenuti audio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
1 ora

Cade sulla Dent de Ruth e perde la vita

La vittima è un 73enne domiciliato nella regione che camminava da solo su un terreno scosceso

BERNA
2 ore

Cambia il pannolino sul sedile del treno, i passeggeri scappano

Una mamma ha improvvisato un fasciatoio durante il viaggio con il suo bambino, ma alcuni dei presenti non hanno apprezzato. Le FFS invitano al buonsenso

ZURIGO
3 ore

Addio a Pierre Borgeaud

È morto più di un mese fa, ma la famiglia ne dà notizia solo ora. È stata una personalità importante per l'economia svizzera

LUCERNA
4 ore

A 182 km/h sull’A2: «Non conosco i limiti di velocità in Svizzera»

Un 22enne francese è stato pizzicato giovedì dal radar poco dopo mezzogiorno. Nello stesso punto 500 infrazioni

SVIZZERA
18 ore

Legge sul CO2, aumenti in vista per benzina e biglietti aerei

È l'intenzione della commissione dell'ambiente del Consiglio degli Stati

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile