Deposit
SVIZZERA
14.03.19 - 06:220

Replay-Tv: a guardarla di più sono i ticinesi e i romandi

Da un sondaggio di Comparis sulla fruizione di tv e radio emerge che ticinesi e romandi guardano significativamente più Replay-Tv rispetto agli svizzero tedeschi

ZURIGO - Secondo l’indagine, svolta lo scorso mese di gennaio interpellando 1047 persone, è emerso che a usufruire del servizio Replay-Tv è il 78% dei ticinesi, il 77% dei romandi e, infine, con una percentuale pari al 62%, gli svizzero tedeschi.

«L’aumento dell’utilizzo della Replay-Tv nella Svizzera romanda e in Ticino - spiega l’esperto di Comparis Jean-Claude Frick - è probabilmente dovuto alla maggiore fruizione di emittenti private straniere con molta pubblicità e con trasmissioni il cui inizio slitta a un orario differente rispetto alle nostre abitudini».

«La Replay-Tv offre contenuti televisivi classici ed è dotata di funzioni moderne e simili a quelle del web. Per questo motivo è molto apprezzata», aggiunge Frick.

Nonostante le comodità offerte dai dispositivi mobili, con l’89% delle preferenze, gli apparecchi tv restano la maggiore fonte di fruizione televisiva e di streaming: difatti, solo il 37% degli intervistati guarda la tv sugli smartphone, così come soltanto il 19% utilizza un tablet per lo stesso motivo.

Per quanto riguarda lo streaming, il 55% degli interpellati afferma di fruire di tale servizio utilizzando la tv, mentre a utilizzare un pc o notebook la percentuale scende - seppur di poco - al 53%. Per lo streaming vengono utilizzati comunque spesso anche gli smartphone (44%), mentre i tablet soltanto nella misura del 21%.

Quanto ai contenuti video, le emittenti tv pubbliche restano le più popolari (71%), prevalentemente negli over 55. Davanti ai canali televisivi privati - con il 50% delle preferenze - si colloca YouTube con il 58%. Netflix, seppur, molto popolare, raggiunge il 31%.

«YouTube è diventato indispensabile per la fruizione di video», continua Frick. «Le emittenti tv stanno infatti tentando di raggiungere il pubblico giovane, pubblicando direttamente su YouTube i loro contenuti».

Poi, si arriva alla fruizione radiofonica: le emittenti pubbliche restano tuttora in testa, con il 64%, contro il 52% delle private.

E, infine, ai servizi di streaming audio come Spotify o Apple Music: il 51% degli intervistati con meno di 36 anni afferma utilizzare tali piattaforme quale fonte primaria per l’ascolto di musica o altri contenuti audio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ELEZIONI FEDERALI 2019
1 ora

«La strategia energetica è un successo del PPD»

A tu per tu con Gerhard Pfister, presidente nazionale del PPD, in vista dell'appuntamento elettorale del prossimo 20 ottobre

GERMANIA/SVIZZERA
12 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

ELEZIONI FEDERALI 2019
13 ore

«Bisogna firmare l'accordo quadro con l'Unione europea»

Così Jürg Grossen, presidente nazionale dei Verdi liberali. All'imminente appuntamento elettorale, il partito potrebbe crescere

SAN GALLO / TURGOVIA
17 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
17 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
18 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
19 ore

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
19 ore

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
21 ore

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

LUCERNA
23 ore

Maxi tamponamento in galleria, nove feriti

In tutto sono una decina i veicoli coinvolti nell'incidente avvenuto stamattina nel tunnel di Eich

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile