Deposit
SVIZZERA
14.03.19 - 06:220

Replay-Tv: a guardarla di più sono i ticinesi e i romandi

Da un sondaggio di Comparis sulla fruizione di tv e radio emerge che ticinesi e romandi guardano significativamente più Replay-Tv rispetto agli svizzero tedeschi

ZURIGO - Secondo l’indagine, svolta lo scorso mese di gennaio interpellando 1047 persone, è emerso che a usufruire del servizio Replay-Tv è il 78% dei ticinesi, il 77% dei romandi e, infine, con una percentuale pari al 62%, gli svizzero tedeschi.

«L’aumento dell’utilizzo della Replay-Tv nella Svizzera romanda e in Ticino - spiega l’esperto di Comparis Jean-Claude Frick - è probabilmente dovuto alla maggiore fruizione di emittenti private straniere con molta pubblicità e con trasmissioni il cui inizio slitta a un orario differente rispetto alle nostre abitudini».

«La Replay-Tv offre contenuti televisivi classici ed è dotata di funzioni moderne e simili a quelle del web. Per questo motivo è molto apprezzata», aggiunge Frick.

Nonostante le comodità offerte dai dispositivi mobili, con l’89% delle preferenze, gli apparecchi tv restano la maggiore fonte di fruizione televisiva e di streaming: difatti, solo il 37% degli intervistati guarda la tv sugli smartphone, così come soltanto il 19% utilizza un tablet per lo stesso motivo.

Per quanto riguarda lo streaming, il 55% degli interpellati afferma di fruire di tale servizio utilizzando la tv, mentre a utilizzare un pc o notebook la percentuale scende - seppur di poco - al 53%. Per lo streaming vengono utilizzati comunque spesso anche gli smartphone (44%), mentre i tablet soltanto nella misura del 21%.

Quanto ai contenuti video, le emittenti tv pubbliche restano le più popolari (71%), prevalentemente negli over 55. Davanti ai canali televisivi privati - con il 50% delle preferenze - si colloca YouTube con il 58%. Netflix, seppur, molto popolare, raggiunge il 31%.

«YouTube è diventato indispensabile per la fruizione di video», continua Frick. «Le emittenti tv stanno infatti tentando di raggiungere il pubblico giovane, pubblicando direttamente su YouTube i loro contenuti».

Poi, si arriva alla fruizione radiofonica: le emittenti pubbliche restano tuttora in testa, con il 64%, contro il 52% delle private.

E, infine, ai servizi di streaming audio come Spotify o Apple Music: il 51% degli intervistati con meno di 36 anni afferma utilizzare tali piattaforme quale fonte primaria per l’ascolto di musica o altri contenuti audio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
46 min
Assalto al portavalori, malviventi in fuga senza bottino
La polizia solettese ha avviato un'importante operazione di ricerca.
BERNA
1 ora
A Berna i ristoranti dovranno chiudere prima
Il cantone ha deciso un ulteriore inasprimento delle misure di protezione contro il coronavirus.
SVIZZERA
2 ore
Sempre meno svizzeri disposti a vaccinarsi
Un sondaggio dell'Ufsp rivela che la percentuale dei favorevoli è crollata dal 60% di marzo al 49% di ottobre.
BERNA 
4 ore
«Evitiamo di annullare tutti i progressi fatti finora»
L'UFSP è consapevole che la gente si sta stancando delle misure restrittive e invita a tenere duro
SVIZZERA
4 ore
Blick bacchettato per violazione della privacy
Il quotidiano ha pubblicato dati privati di una donna, rendendola facilmente identificabile.
SVIZZERA
6 ore
Altri 4'312 casi, 209 ricoveri e 141 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 27'266 test, con un tasso di positività del 15,8%.
SVIZZERA
7 ore
Tutti in montagna per sfuggire al virus, è boom di interventi del soccorso alpino
Lo confermano i dati del Club Alpino Svizzero che ha pubblicato i dati dei primi nove mesi del 2021
SVIZZERA
8 ore
Verde metallizzato, ecco la nuova vignetta autostradale
Costerà come sempre 40 franchi e sarà valida dal primo dicembre al 31 gennaio 2022.
SVIZZERA
8 ore
Un occupato su quattro in Svizzera lavora per una multinazionale
Fra il 2014 e il 2019 il numero di posti di lavoro nelle imprese a controllo cinese è più che settuplicato
SVIZZERA
9 ore
L’esperto: «Feste a Capodanno per mantenere le persone felici»
C’è chi esorta a revocare il coprifuoco in occasione dell’ultimo dell’anno. «Le restrizioni sono un pericolo sociale»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile