Keystone (archivio)
SVIZZERA
06.03.19 - 15:140
Aggiornamento : 15:40

Parlamentare UDC in possesso di cocaina

Luzi Stamm ha comprato una bustina di droga da un musicista di strada a Berna, per meglio denunciare questo traffico. Ma il suo agire lo ha reso punibile agli occhi della legge

BERNA - Stupore a Berna, stamattina. Nel bel mezzo della sessione primaverile, i parlamentari hanno potuto vedere il consigliere nazionale Luzi Stamm (UDC/AG) seduto all'interno di Palazzo federale piantonato da due poliziotti. Di fronte a lui, una piccola busta contenente un grammo di cocaina, acquistata il giorno prima da un musicista di strada di Berna.

Cosa è successo? Il parlamentare si droga? Non proprio. Gli agenti sono stati chiamati da Luzi Stamm stesso, scrive l'edizione odierna dell'Aargauer Zeitung. Ex giudice, conosce bene l'ambiente della droga in Svizzera, in particolare a Zurigo, e ha condannato molte persone. Ha quindi immediatamente individuato quello che a tutti gli effetti era un pusher, ieri attrono alle 19. E se ha deciso di comprare la cocaina, è per poter denunciare il musicista di strada e mettere in guardia il mondo politico su questo traffico di droga a Berna, dice.

Alla ricerca del pusher - Una volta che la polvere bianca era nella sua tasca, è voluto tornare a Palazzo federale per "metterla al sicuro", in modo da segnalare il tutto alla polizia il giorno successivo. Ma i servizi di sicurezza non lo hanno lasciato entrare, ha spiegato. Luzi Stamm è quindi tornato nuovamente nel luogo in cui si esibiva il musicista, senza trovarlo. Dopo averlo cercato invano per le strade della città e lungo l'Aar, è finalmente tornato a casa a Baden (AG) alle 2.30 del mattino. E ha spiegato la situazione via e-mail ai suoi colleghi del gruppo UDC di Berna.

Solo stamattina ha dunque potuto informare la polizia e raccontare la sua storia. Secondo il parlamentare, che quest'autunno non si ripresenterà più alle elezioni federali, «dei membri dell'élite politica lasciano deliberatamente entrare questa mafia, perché essi stessi dipendono dalla cocaina».

Guai in vista? - C'è un però. Se la vendita di droghe è punibile dalla legge, lo sono anche il possesso e l'acquisto. Di conseguenza, Luzi Stamm corre il rischio di avere problemi in seguito alle sue azioni. Quanto alla droga sequestrata, è stata presa a carico dalla polizia.

Precedenti - Il caso ricorda quello del cofondatore del Mouvement citoyens genevois (MCG) Eric Stauffer. Nel 2013, nel pieno della campagna elettorale per le elezioni cantonali, l'allora candidato al Consiglio di Stato aveva inscenato uno spaccio di cocaina nel quartiere Pâquis di Ginevra, con l'obiettivo di denunciare l'inerzia delle autorità giudiziarie nei riguardi dei trafficanti di droga.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora

Le coltivazioni di tabacco sono sempre più rare

Attualmente il tabacco in Svizzera cresce su un'area complessiva di 398 ettari, principalmente nei cantoni di Vaud e Friborgo

SVIZZERA
2 ore

Pittori e gessatori firmano per condizioni migliori

Attualmente sono in corso le trattative in vista del rinnovo del contratto collettivo di lavoro

SVIZZERA
2 ore

Nuove crepe sugli F/A-18

"L'inconveniente" è stato riscontrato in quindici cerniere degli undici dei 30 caccia finora esaminati. Tuttavia, gli aerei sono sempre disponibili per il servizio di polizia aerea

FOTO
SAN GALLO
5 ore

Basta un solo attimo sulla strada e la Corvette non c'è più

L’uomo al volante ha riportato lievi ferite, mentre per la passeggera è intervenuta la Rega. I pompieri hanno dovuto liberarli dalle lamiere

GERMANIA/SVIZZERA
20 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

SAN GALLO / TURGOVIA
1 gior

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
1 gior

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
1 gior

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
1 gior

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
1 gior

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile