Key/20M
Corina Eichenberger-Walther (a sinistra), Fabian Molina (a destra)
+1
SVIZZERA
26.02.19 - 08:320
Aggiornamento : 10:11

La politica risponde alla "sposa dell'Isis" di Losanna prigioniera in Siria

La 29enne chiedeva il rimpatrio e «di essere trattata come una svizzera», le risposte arrivate degli schieramenti sono (ovviamente) agli antipodi

ZURIGO - La storia di Selina (29 anni), da Losanna in Siria seguendo il marito arruolatosi nell'Isis e da 14 mesi prigioniera in un campo curdo, l'abbiamo raccontata ieri sulle pagine di 20 minuti e su tio.ch.


20M/Ann Guenter
Selina è arrivata in Siria a seguito del marito nel 2015: «È stato un errore», ha confidato a 20 Minuten. Ora vorrebbe tornare: «Mi manca la pace che c'è in Svizzera».

L'appello alla Svizzera della donna, detenuta con la figlia di 2 anni, è uno solo: «Fatemi tornare a casa, non fatemi processare qui. Trattatemi come svizzera oppure riprendetevi il mio passaporto».

Un'idea alla quale, in linea di principio, si è già opposta settimana scorsa la consigliera federale Karin Keller-Sutter.


Keystone
Barbara Keller-Inhelder (Udc): «Andando in Siria ha tradito la Svizzera, qui non c'è più niente per lei».

E in diversi sono della sua stessa idea: «Andando in Siria questa donna ha tradito la sua patria, non ha più nessun diritto», sentenzia Barbara Keller-Inhelder (Udc). Contraria anche la liberale Corina Eichenberger-Walther: «Gli ex-miliziani dello Stato islamico rimpatriati rappresenterebbero un rischio per la sicurezza nazionale. Ne ha aderito di sua volontà, ora ne paghi le conseguenze».


Keystone
Fabian Molina (PS): «Qui possiamo garantire un processo equo, la Svizzera potrebbe rimpatriare una ventina di jihadisti e riformarli».

Ma non mancano le voci a suo favore: «È svizzera, quindi deve essere processata qui. Abbiamo questa responsabilità», commenta Sibel Arslan (Verdi). «I curdi non possono essere parziali, hanno sofferto troppo nella guerra contro l'Isis», spiega Fabian Molina (PS), «qui possiamo garantire che il processo sia equo. Penso che la Confederazione possa permettersi di rimpatriare una ventina di ex-jihadisti e riformarli di modo che non possano più fare del male».

20M/Ann Guenter
Guarda tutte le 5 immagini
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Mascherine e certificato anche nel 2022?
Mascherine fino al 2022 inoltrato e certificato Covid per ristoranti ed eventi al coperto.
SVIZZERA
4 ore
In molti lo temono, in pochi sono disposti a rinunciarci
Il 5G è un argomento sempre caldo, ma il popolo non sembra pronto a separarsi dalla tecnologia di cui fa uso ogni giorno
FRIBURGO
10 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
11 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
16 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
SVIZZERA
17 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
BERNA
18 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
SVIZZERA
18 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
SVIZZERA / BELLINZONA
20 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
20 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile