Immobili
Veicoli
20 Minuten - Ann Guenter
SVIZZERA
25.02.19 - 06:020
Aggiornamento : 10:16

Da Losanna in Siria per l'Isis: «Vogliamo ritornare a casa»

Imprigionata in Siria da 14 mesi, l'appello di una 29enne svizzera “sposa dell'Isis”: «O mi trattate come una svizzera o riprendetevi il passaporto»

ROJAVA - È circondato da centinaia di metri di filo spinato Camp Roj, con la pioggia che in questi giorni bagna la provincia del nord della Siria le strade polverose si sono trasformate in un vero e proprio pantano che ostacola l'incedere del nostro veicolo. Ovunque spazi l'occhio, si vedono donne armate. Sono miliziane curde.

Al momento dell'incontro con Selina (29 anni) lei quasi non ci vuole parlare con noi: «Davvero, ma che senso ha? Sono solo parole...», si chiede con frustrazione. Da 14 mesi la losannese si trova assieme ad altre straniere “mogli dell'Isis”, e i loro bambini, nel campo di prigionia controllato dalle truppe curde. Anche sua figlia è qui con lei, Anja*, dagli occhi azzurri e i capelli biondissimi. A differenza della madre della Svizzera lei non ha nemmeno un lontano ricordo.

«Ma che abbiamo fatto di male in Svizzera?», si chiede Selina, «quando abitavo lì pagavo le tasse, ho rispettato la legge... Terrorismo? Ma per favore... Quelle che come noi sono prigioniere qui in Siria nemmeno ci pensano. Anzi, è proprio l'ultima cosa che ci verrebbe in mente. Mi manca tanto la pace che c'è in Svizzera, vogliamo ritornare a casa».

La discussione sul rimpatrio dei foreign fighters e delle loro consorti, che in questo periodo sta tenendo banco alle nostre latitudini, lei la trova ipocrita: «Sono svizzera oppure no? Quindi rimpatriateci! Siamo uno stato costituzionale, quindi dovrebbe valere la presunzione di innocenza... Allora o mi trattate come una svizzera a tutti gli effetti, oppure il vostro passaporto rossocrociato potete anche tenervelo...».

Da Losanna, Selina è arrivata in Siria nel 2015 con il marito Aziz B., una scelta della quale si pente in maniera inequivocabile: «Oggi so che non avrei dovuto farlo», si confida.

Dal loro arresto nel 2018 i due non si sono più visti. Nel campo di prigionia segue il dibattito politico nazionale e internazionale sul rimpatrio degli ex-miliziani dello Stato islamico: «Ho appena visto in televisione che il Consiglio federale ne sta parlando, Karin Keller Sutter è contraria al nostro trasferimento in Svizzera... Vuole che veniamo processati qui. Io non capisco... - continua -, perché dovremmo essere giudicati da un tribunale siriano? Probabilmente è troppo costoso riportarci tutti quanti indietro». 

*nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRANCIA / SVIZZERA
8 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
12 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
16 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
17 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
19 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
20 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
20 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
21 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
21 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
1 gior
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile