keystone
VAUD
21.02.19 - 10:060

Internamento confermato per l'assassino di Marie

Secondo i giudici losannesi entrambe le perizie dimostrano che le misure terapeutiche istituzionali non sarebbero efficaci

PAYERNE - Il Tribunale federale (TF) ha respinto il nuovo ricorso di Claude D., l'uomo che nel maggio 2013 uccise la 19enne Marie nei pressi di Payerne (VD). La Corte di Losanna ha confermato l'internamento ordinario a cui è stato condannato, in aggiunta all'ergastolo, nel settembre 2018 dal Tribunale cantonale vodese.

Secondo i giudici del TF, entrambe le perizie psichiatriche disponibili hanno evidenziato che per il soggetto in questione misure terapeutiche istituzionali non sarebbero efficaci.

In marzo il TF aveva in un primo momento accolto un ricorso sul tema, poiché gli esperti psichiatrici avevano fornito analisi divergenti. La legge svizzera esige infatti che per ordinare l'internamento a vita due valutazioni indipendenti arrivino a qualificare l'autore come «durevolmente refrattario alla terapia».

Dai procedimenti presso il Tribunale cantonale era già emerso che per l'imputato il rischio di recidiva è estremamente elevato. Ora anche le perizie coincidono e la Corte di Losanna ha respinto l'argomento del ricorrente, secondo cui per poter ordinare un internamento ordinario è necessario prima aver almeno tentato una terapia stazionaria.

Claude D. era già stato condannato nel giugno 2000 a 20 anni di reclusione per aver sequestrato, stuprato e assassinato la sua ex compagna a colpi di pistola nel gennaio 1998.

Il 13 maggio 2013 - quando si trovava agli arresti domiciliari dopo essere stato rilasciato di prigione - costrinse la giovane Marie, conosciuta a suo dire su internet, a salire sulla propria automobile e la portò in un bosco di Torny-Le-Grand (FR), vicino a Payerne (VD), dove la strangolò nottetempo.

L'uomo venne arrestato il giorno seguente dopo un inseguimento da parte della polizia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
40 min
«Ha sbattuto la testa facendo delle capriole»
Durante una conferenza stampa, i gestori della "Trampolinhalle" di Belp hanno spiegato la dinamica dell'incidente che ha portato alla morte una 13enne
VIDEO
BASILEA CITTÀ
2 ore
Si trasferisce e svuota il suo appartamento sul marciapiede
Una 35enne ha trovato un sistema "originale" per liberarsi d'immondizia e vecchi mobili. Ma ora dovrà pagare una multa salata
ARGOVIA
2 ore
Tragedia aerea di Muhen: «Pilota morto per un guasto al motore»
Il rapporto finale della SISI scagiona completamente il 70enne che nel settembre del 2015 si schiantò su un'auto
SVIZZERA
3 ore
Fusione Bombardier-Alstom, Stadler Rail e FFS sul chi vive
«È ancora troppo presto per commentare la notizia» dichiarano dalla sede del costruttore turgoviese
FOTO
ZURIGO
5 ore
Dalla spedizione merci spuntano 83 kg di marijuana
La sostanza, all'interno di 79 confezioni sottovuoto, proveniva da Johannesburg ed era diretta a Vienna
NEUCHÂTEL
6 ore
Coronavirus, la quarantena per il bambino finisce domani
Il ragazzino non ha sviluppato sintomi. Era entrato in contatto con una persona malata lo scorso 5 febbraio durante un corso di sci in Alta Savoia
VALLESE
6 ore
Il principe danese si è ferito sulle piste
Rimpatriato con un volo a Copenhagen, è stato operato e sta bene
SVIZZERA
7 ore
Siamo i più ricchi? In realtà (anche) i più indebitati
Quasi una persona su cinque vive in un’economia domestica con almeno un arretrato. Per non parlare di leasing, piccoli prestiti e carte di credito
SVIZZERA
8 ore
La bionda piace (di più) a chi non è formato
Aumentano le differenze sociali rispetto al consumo di tabacco e sebbene il numero dei fumatori sia pressoché costante si dimezzano i forti tabagisti
VIDEO
BERNA
9 ore
Un gruppo di ragazze se le dà di santa ragione
Il pestaggio è avvenuto venerdì a Berna. Tra le duellanti anche una diciassettenne già accusata di aggressione in passato
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile