keystone
SVIZZERA
20.02.19 - 14:520
Aggiornamento : 17:08

Servizio civile troppo attrattivo: l'esercito ne risente

L'emorragia di soldati preoccupa. Il Consiglio federale ha adottato oggi alcune modifiche di legge

BERNA - Dovrebbe essere più difficile in futuro, specie per chi ha già assolto la scuola reclute o gli specialisti, lasciare la divisa per il servizio civile. È quanto prevedono le modifiche alla pertinente legge adottate oggi dal Consiglio federale assieme al messaggio per il Parlamento. Tra le nuove misure proposte, figura anche l'abolizione della possibilità per i "civilisti" di svolgere il servizio all'estero.

«È necessario agire con una certa urgenza», ha dichiarato oggi davanti ai media il Consigliere federale Guy Parmelin. Le cifre a suo avviso sono preoccupanti: tra il 2011 e il 2017 il numero delle ammissioni al servizio civile è costantemente aumentato e anche nel 2018 per il Consiglio federale è stato eccessivo: viste le 6205 ammissioni registrate, fra cui 2264 di persone che hanno adempiuto la scuola reclute e 350 di sottufficiali e ufficiali, esso ritiene necessario intervenire nella legislazione sul servizio civile.

Da qui la decisione di proporre otto misure - una in più di quelle previste nel progetto preliminare - al fine di arginare questa emorragia di soldati, emorragia che mette in forse la capacità dell'esercito, secondo il responsabile del Dipartimento dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR).

A preoccupare il governo sono in particolare le partenze di coloro che hanno già svolto la scuola reclute, e dei quadri. «La truppa perde degli specialisti per i quali è stato investito tempo e denaro», si è lamentato Parmelin. È il caso, ha aggiunto, di coloro che svolgono la formazione gratis in grigioverde per conseguire la patente di camionista, e poi decidono di fare domanda per il servizio civile.

Durante il suo intervento, il "ministro" UDC ha sottolineato che il Consiglio federale non intende mettere in dubbio il servizio civile, ma ha anche ricordato che esso è stato creato nel 1996 per coloro che vogliono far valere un conflitto di coscienza, evitando così una condanna penale. Attualmente la legge non prevede la libera scelta tra servizio civile e militare, ha poi messo in chiaro il consigliere federale vodese.

Secondo Parmelin, i provvedimenti proposti sono proporzionali e dovrebbero riequilibrare la situazione attuale. Quanto agli impieghi all'estero per i "civilisti" - per esempio in settori quali l'aiuto allo sviluppo - benché questa opzione interessi solo qualche decina di persone (67 nel 2018) all'anno, il Governo ha deciso che in futuro tali impieghi non dovranno più essere possibili. «Si tratta di una misura soprattutto simbolica - ha ammesso Parmelin - ma di portata simbolica: ai militari questa possibilità non è infatti concessa».

Parmelin ha citato il caso di un "civilista" che aveva chiesto di poter svolgere il proprio servizio in un'ambasciata svizzera all'estero. In futuro, simili richieste non saranno più possibili.

Le misure

Nelle intenzioni dell'esecutivo, in futuro il numero minimo di giorni di servizio civile dovrebbe essere portato a 150. Tale misura comporterà pure un aumento dei giorni di servizio per i militari che passano al servizio civile a partire dal primo corso di ripetizione.

Ai soldati che dopo la scuola reclute chiedono di passare al servizio civile (40% delle ammissioni) dovrebbe venir inoltre imposto un periodo di attesa di 12 mesi.

Una misura mira pure a diminuire i licenziamenti anticipati dei quadri e degli specialisti che passano al servizio civile; anche per i sottufficiali e gli ufficiali ammessi si applicherà il fattore 1,5 (finora era di 1,1) per il calcolo dei giorni ancora da svolgere.

In futuro, i medici non potranno più prestare servizio civile in qualità di medici. Inoltre, i militari che hanno già assolto tutti i giorni di istruzione non potranno sfruttare l'ammissione al servizio civile per evitare il tiro obbligatorio.

È anche previsto l'obbligo di svolgere completamente il primo periodo di impiego nel servizio civile già entro l'anno successivo all'ammissione. Dall'anno che segue l'inizio del primo impiego vige l'obbligo di prestare annualmente servizio come nell'esercito.

Coloro che presentano una domanda di passaggio al servizio civile durante la scuola reclute dovranno prestare il loro periodo di impiego di lunga durata (180 giorni) entro dodici mesi e non più entro tre anni come avviene attualmente. A questi provvedimenti è stata ora aggiunta l'abolizione degli impieghi del servizio civile all'estero.

Referendum - Le misure proposte oggi dal Consiglio federale per rendere il servizio civile meno attraente sono aspramente criticate dal Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) e dalla Federazione svizzera del servizio civile (CIVIVA), che ribadiscono la minaccia di referendum se il parlamento dovesse seguire il governo.

Le misure proposte rimettono in questione il diritto all'obiezione di coscienza e al servizio civile stesso, afferma CIVIVA in una nota. Il progetto governativo - aggiunge - «calpesta l'uguaglianza di trattamento tra reclute e civilisti», che già oggi assolvono un servizio lungo una volta e mezzo quello militare.

Con gli otto provvedimenti oggi illustrati il Consiglio federale mette ancora più ostacoli sulla via dei giovani che vogliono fare qualcosa per la società, deplora da parte sua il GSsE, che caldeggia a sua volta il referendum, già minacciato all'avvio della procedura di consultazione nel giugno 2018.

Lisa Mazzone, copresidente di CIVIVA, dubita che il progetto possa superare lo scoglio della Corte europea dei diritti dell'uomo: "L'obbligo di assolvere al minimo 150 giorni di servizio è incompatibile con il principio della parità di trattamento. Questa misura implica che alcuni coscritti dovranno in futuro effettuare un servizio civile molto più lungo del servizio militare".

«Il Consiglio federale dovrebbe chiedersi come mai tante persone non vedano alcun senso nel servizio militare e preferiscano compiere missioni di servizio civile invece di prendersela con loro», rileva dal canto suo Lewin Lempert, segretario del GSsE.

Commenti
 
F.Netri 2 mesi fa su tio
In un mondo ormai disegnato per i debosciati, è normale che tutti vogliano fare i "civilisti".
Galium 2 mesi fa su tio
@F.Netri Nel mondo "disegnato per debosciati" dobbiamo prendere atto che, almeno in Europa, non abbiamo guerre da molti decenni. Viceversa le precedenti generazioni, in preda a nazionalismi esasperati, sono state protagoniste di guerre disastrose. Ben vengano quindi i valori di oggi, pur con tutti i problemi della società moderna. Non è certo la vita militare la soluzione per risolverli.
sedelin 3 mesi fa su tio
ho potuto leggere solo fino a metà: impossibile continuare se non facendomi venire il travaso di bile per le assudità espresse dal parmelin. una conquista equa per i civilisti ora diventa oggetto di repressione: complimenti per il (vergognoso) passo indietro!
Galium 3 mesi fa su tio
A nessuno viene in mente che forse questo esercito serva solo a sottrarre al popolo risorse che potrebbero essere utilizzate in modo ben più utile?
Tato50 3 mesi fa su tio
@Galium E quale indotto ha sull'economia? Chiedilo a quelli di Airolo cosa hanno perso dopo la partenza di buona parte dei militi spostati altrove ? Quante famiglie mangiano grazie all'esercito ?
Galium 3 mesi fa su tio
@Tato50 Non ha nessun senso sostenere gli enormi costi di un esercito di milizia solo per gli interessi di chi vive fornendo servizi ad esso. Piuttosto aiutiamo queste persone per far fronte ai mancati guadagni.
SosPettOso 3 mesi fa su tio
@Tato50 @Tato50: stavolta "ti boccio!". Giustifichi i miliardi che s'inghiotte l'esercito e vanno principalmente a finire nelle tasche di grandi aziende (anche estere) perché ad Airolo ne cadono le briciole piccole piccole? Che affari...
Tato50 3 mesi fa su tio
@SosPettOso Non sarebbe la prima volta -;)) Io ho fatto l'esempio di Airolo dove ho visto negozi chiudere e Ristoranti vuoti, dopo la partenza dei militari. Certo spendiamo anche all'estero ma lavoriamo anche per l'estero. Meglio miliardi a chi ci da un ristorno che regalarli, per coesione, ai paesi dell'est e pure sotto ricatto. Ciao, io la penso così poi ognuno tragga le sue conclusioni. -;))
Tato50 3 mesi fa su tio
@Galium Si perché ha senso mantenere una massa di lazzaroni e dare miliardi all'UE. Come li aiutiamo quei commerci che con i militari ci campavano, con sussidi o andiamo a comprare quintali di carne o verdure ?
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@Galium Quindi saresti disposto ad andare fino ad Airolo (dov'è, penso sia già Uri lì) per sfamare una famiglia di barbarici montanari che si sono messi dietro a far ristorazione? Ma fammi il piacere, sempre bravi a parlare ma quando si tratta di dare risposte vere finite sempre nel ''cerchiamo di aiutare'' ''proteggiamo il nostro territorio'' e via dicendo. Senza i militari la ristorazione attorno alle basi durerebbe ben poco, inutile girarci in torno.
Galium 3 mesi fa su tio
@Mattiatr Non si può giustificare l'esistenza dell'esercito con l'indotto che esso crea nelle località in cui sono presenti sue basi. Se si ragionasse sempre così avremmmo dovuto tenere in vita aziende decotte solo per difendere posti di lavoro ed attività economiche che ruotano intorno ad esse. Così non è e non è mai stato. Per quanto concerne l'esercito sarebbe ora di cominciare a discutere senza pregiudizi che cosa vogliamo da esso, alla luce delle minacce esterne vere o presunte che siano, e quali costi lo stato sia in grado di sostenere, tenendo conto soprattutto delle pressioni a cui la spesa pubblica dovrà fare fronte in futuro (AVS, ma non solo)
volavola 3 mesi fa su tio
Quindi ci sono meno soldati Svizzeri che combatteranno la 3a guerra mondiale? ...accipicchia, questa volta mi sa che la perdiamo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore

SIX ha abusato della sua posizione dominante

Il Tribunale amministrativo federale ha confermato - con una sentenza di oltre 500 pagine - la multa di 7 milioni inflitta all'operatore dalla Comco

FOTO E VIDEO
SVIZZERA
9 ore

Il fiume rompe gli argini e allaga la vallata

In Toggenburgo la Thur ha invaso alcuni campi e allagato alcune case. Monitorato anche il Reno, fra il Lago Bodanico e Basilea

Usi i servizi di Google?
ZURIGO
11 ore

Google vede tutto (o quasi) quello che compri

In rete esiste una lista dei tuoi acquisti. E forse non lo sapevi

VALLESE
11 ore

Atti sessuali su allieve, 40 mesi di carcere all'ex docente

Il Tribunale distrettuale di Sierre ha condannato un ex insegnante di 49 anni. Respinta la tesi del complotto: «È inverosimile che le vittime si siano inventate i fatti»

ZURIGO
13 ore

In volo da Tel Aviv con un quintale di qat in valigia

Due giovani donne israeliane, di 21 e 22 anni, sono state arrestate in aeroporto. Erano dirette a Copenhagen

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report