Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
19.02.19 - 15:490
Aggiornamento : 16:50

«I processi agli jihadisti elvetici vanno svolti all'estero»

La consigliera federale Karin Keller-Sutter intende in questo modo garantire la sicurezza dei cittadini nella Confederazione: «Che vengano giudicati direttamente sul posto»

BERNA - I processi nei confronti di jihadisti elvetici di ritorno in Svizzera dovrebbero essere effettuati direttamente in Medio Oriente, in modo da garantire la sicurezza dei cittadini nella Confederazione. È l'opinione espressa dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter alla radio romanda RTS.

La ministra di giustizia e polizia preferisce avere un atteggiamento prudente per quel che riguarda il rientro di jihadisti. Sono casi che pongono problematiche complesse, ha affermato. La priorità va data alla popolazione svizzera. Bisogna domandarsi se si vogliono correre rischi per persone che sono espatriate volontariamente per combattere in Iraq e in Siria.

«Preferirei che venissero giudicate direttamente sul posto», ha continuato la consigliera federale. Ma è più facile a dirsi che a farsi, poiché queste persone sono in zone di guerra e non sono semplici da trovare.

I cittadini elvetici non possono ad ogni modo essere messi in pericolo andando a cercare queste persone in luoghi in cui sono andati spontaneamente. E anche se si dovesse fare, riuscendo a trovarli, un processo sul posto non sarebbe poi così semplice. Tribunali svizzeri si troverebbero infatti a dover valutare cosa è successo ad esempio un Siria.

A scatenare le discussioni sul tema sono state le dichiarazioni del presidente americano Donald Trump, che ha invitato i Paesi europei a riprendersi i propri combattenti dell'Isis. L'alternativa, ha continuato Trump, è quella di «rilasciarli», con il rischio che si riversino sul continente europeo.

L'invito del presidente americano a riprendersi e processare i foreign fighters è legato al fatto che il «Califfato è pronto a cadere. Noi abbiamo fatto molto e speso molto, ora tocca ad altri fare il lavoro che sanno fare. Ci stiamo ritirando dopo una vittoria al 100% sul Califfato».

Dal 2001, secondo informazioni del Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), 98 jihadisti sono partiti dalla Svizzera principalmente verso Siria e Iraq. In totale sono morte 33 persone (27 conferme ufficiali) e 16 (13 conferme ufficiali) sono rientrare.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F.Netri 3 anni fa su tio
Hanno votato la loro vita all'islam più becero e sanguinario e ora, visto che hanno perso l'ennesima guerra, vogliono farsi processare dai crociati??
briciola68 3 anni fa su tio
Stai scherzando, vero?...
briciola68 3 anni fa su tio
@briciola68 Rivolto a il saggiatore
Monello 3 anni fa su tio
karin mi piaci !! non ti conosco ancora ...ma mi sembra che tu sia fornita di attributi !¨ Ricordate che questi non sono soldati...ma una banda di assassini che vengano giudicati sul posto ....sicuramente da noi creerebbero dei costi mostruosi ...che non meritano !! Che restino dove hanno assassinato senza pietà !
il saggiatore 3 anni fa su tio
Ma la consigliera federale è consapevole che gli Stati in cui dovrebbero essere processati i foreign fighters svizzeri (Siria, Iraq, Iran, Arabia Saudita; unica eccezione: Turchia) prevedono la pena di morte? Non so se considerazioni di ordine pubblico possano prevalere sul rischio, per un cittadino svizzero, di essere giustiziato...
MIM 3 anni fa su tio
@il saggiatore Sono assassini, hanno fatto la loro scelta
Danny50 3 anni fa su tio
@il saggiatore Ma che cittadino svizzero ! Questi sono al 99% arabi che hanno ricevuto in regalo il passaporto CH perché lo diamo senza freni a cani e porci. Se vengono processati nei loro paesi dove vige la pena di morte non significa che ce l’avranno, a meno che siano riconosciuti come criminali di guerra.
Tato50 3 anni fa su tio
@il saggiatore Che facciano la stessa fine di chi è stato vittima di questi "svizzeri".
Esse 3 anni fa su tio
@il saggiatore ...e se sei una ragazza svizzera ...convertita o semplicemente scesa col suo tipo? ....pena di morte in Iraq? ...e se sei suo figlio nato il? Svizzero... che diritti hai ? (nb che potresti essere figlio di una Frey a suo tempo sedicenne scesa infatuata o convertita col nuovo boy ....e magari tuo padre biologico è un Meier di Ramiswill). Situazione, come altre, improbabile ma comunque possibile.. Facile fare i fighi "azzi loro" ...ma quando le decisioni che prendi devono stare in piedi per tutti la storia non è cosi semplice...
pulp 3 anni fa su tio
@il saggiatore Mettiamola diversamente.... se uno svizzero si recasse in corea del nord e decidesse di sputare sulla foto di kim yong un, cosa questa che prevede fino alla pena di morte, tu pensi che i coreani ce lo ritornerebbero per essere processato da noi, per oltraggio con 6 mesi e la condizionale e 24 aliquote da 10 franchi? Perché il problema è che quando si va all'estero, bisogna rispettare le regole di quel paese e fino a prova contraria, l'assassinio e il terrorismo sono reati dovunque. Se proprio vengono in Svizzera, perlomeno che vengano messi in galera e ne venga buttata via la chiave. La scelta l'hanno fatta loro quando si sono arruolati.
MIM 3 anni fa su tio
@Esse Stiamo parlando di personaggi ben precisi; non avanzare ipotesi che non sono vere. Queste persone hanno liberamente scelto di andare a combattere la guerra santa con l'Isis; avranno verosimilmente decapitato persone (cristiani) o assistito applaudendo. Non vedo come potrebbero essere giudicate in CH!
Esse 3 anni fa su tio
@MIM manco a farlo apposta... Digita su Google ; "La jihadista inglese diventa mamma" la sua storia (o meglio ...la storia di suo figlio ) si scosta poco da quanto ipotizzato sopra...
jena 3 anni fa su tio
specie in quei paesi dove rischiano "il non ritorno in patria"...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
6 ore
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
FOTO
SOLETTA
11 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
11 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA
12 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
14 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
16 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
17 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
18 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
VAUD
19 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile