Tipress
SVIZZERA
19.02.19 - 14:440
Aggiornamento : 18:51

Sempre più svizzeri muoiono in casa per anziani

La statistica dei luoghi in cui viene esalato l'ultimo respiro è profondamente cambiata negli anni. Una volta la maggioranza degli elvetici moriva nella propria casa, ma oggi non è più così

BERNA - Negli Anni 1950 la maggioranza degli Svizzeri moriva ancora nella propria abitazione, oggi solo un quinto circa. Dei rimanenti 4/5 un terzo finisce la propria vita in un ricovero o un centro di cura per anziani, senza essere stato in ospedale nell'anno precedente il decesso. Restano tuttavia delle differenze tra persone anziane e molto anziane.

È quanto emerge da una statistica pubblicata oggi dall'Osservatorio svizzero della salute (Obsan). Nella fascia d'età tra i 65 e i 79 anni, la maggioranza (circa il 25%) rende l'ultimo respiro in un nosocomio dopo varie ospedalizzazioni. Un terzo di queste persone era ammalato di cancro. Chi ha subìto diversi ricoveri in ospedale muore in media sotto gli 80 anni.

Gli ultra 80enni spirano in generale in una casa per anziani o di cura in seguito a malattie cardiocircolatorie, senza essere stati ospedalizzati nei 365 giorni precedenti il decesso.

Secondo gli specialisti dell'Obsan, la differenza tra persone anziane e molto anziane è da ricondurre all'assenza di cure intensive tra i più vecchi, spesso per motivi finanziari. L'Obsan rimanda a uno studio che giunge alla seguente conclusione: "certe malattie gravi per persone molto in là con gli anni non sono più curate con la stessa rigorosità".

Mancano ancora fattori importanti - Lo studio dell'Obsan ha preso in considerazione le morti avvenute nelle case per anziani e negli ospedali - per altri luoghi di decessi non ci sono dati attendibili - e i posti in cui si è soggiornato nei 365 giorni che hanno preceduto la morte. Grazie al legame inedito tra la data del decesso e il decorso di una malattia, le autorità e le istituzioni avranno in futuro strumenti utili per considerare il bisogno di cure della popolazione anziana.

Secondo l'Obsan, mancano ancora fattori importanti per affinare i risultati, in particolare i trattamenti ambulatoriali sostenuti dalle persone poi decedute in seguito a un tumore, la cura e assistenza a domicilio (Spitex), in appartamenti protetti o da parte di famigliari. «Oltre a ciò sarebbe auspicabile quantificare le ospedalizzazioni che potrebbero essere evitate».

Commenti
 
il saggiatore 4 mesi fa su tio
Va bene che la retta della casa per anziani si basa sul reddito (e quindi, in teoria, "costi meno"), ma credo che molte persone siano spinte in casa per anziani (da parenti disinteressati o da ARP frettolose), quando potrebbero stare tranquillamente a casa. Bisognerebbe poi verificare se effettivamente la casa per anziani sia l'unica scelta in termini finanziari, o se, con un adeguato sostegno (cure e pasti a domicilio ecc.), alla fine non sia meno costoso tenere gli anziani a casa (loro) che mandarli all'ospizio.
GI 4 mesi fa su tio
la morte.....l'unica cosa certa nella vita degli esseri viventi......lasciamola in pace ....almeno quella....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora

Trovata un’intera famiglia sterminata nel proprio appartamento 

Il dramma è accaduto ad Affoltern am Albis, nel canton Zurigo. Le vittime sono una coppia e i loro due figli

SVIZZERA
2 ore

«Le vetture elettriche cancelleranno migliaia di impieghi in Svizzera»

Lo sostiene il Tages-Anzeiger basandosi su uno studio. Entro il 2030 spariranno dal 27% al 57% dei posti, a dipendenza della velocità in cui avverrà la trasformazione

SVIZZERA
2 ore

Quando il tassista ti molesta: «Mi ha proposto di pagare con del sesso orale»

Una politica locale vorrebbe introdurre una quota minima di tassiste donne per far sentire più sicure le viaggiatrici. Le storie delle nostre lettrici

BERNA
4 ore

Vent'anni fa 21 giovani morivano praticando torrentismo

Un'onda di piena seguita a un nubifragio spazzò via decine di persone che stavano praticando il canyoning nelle gole del Saxetbach

SVIZZERA
5 ore

«Le casse malati non rimborsino più i farmaci omeopatici»

Lo chiedono in diversi perché, stando a diversi studi, non hanno nessun beneficio medico, ma non è detto che così si frenerebbe l'ascesa costante dei premi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile