Keystone
SVIZZERA
17.02.19 - 10:150
Aggiornamento : 11:57

Scandalo AutoPostale, l’ex direttore rischia fino a 5 anni

Contro di lui e il responsabile finanze è stata aperta un’inchiesta da parte della Fedpol. Non è chiaro se abbiano tratto vantaggi personali dalle false fatturazioni

BERNA - L’ex direttore di AutoPostale Daniel Landolf potrebbe finire in prigione. L'Ufficio federale di polizia (Fedpol) ha aperto alla fine dello scorso anno contro di lui e l'allora responsabile delle finanze una procedura penale amministrativa per sospetta truffa in materia di prestazioni nell’ambito dello scandalo sulle sovvenzioni eccessive incassate da AutoPostale per l’esercizio dei servizi di trasporto pubblico. Non è escluso che in futuro la procedura possa estendersi ad altre persone.

A riferirlo sono Le Matin Dimanche e la SonntagsZeitung, secondo cui i due, in caso di condanna, rischiano fino a cinque anni di prigione e una multa fino a 30'000 franchi. Le indagini della Fedpol dovrebbero essere completate in pochi mesi. A questo stadio dell'inchiesta - affermano i due domenicali - non è chiaro se Landolt e il responsabile delle finanze abbiano tratto vantaggi personali dalle false fatturazioni. Secondo il regolamento interno i quadri di Autopostale ricevevano bonus pari al 5,25% del salario lordo se riuscivano a raggiungere gli utili fissati dal gruppo.

I due quadri - come riferisce la portavoce della Fedpol Catherine Maret - sono sospettati di aver «ottenuto con l'astuzia prestazioni dalle autorità pubbliche». L'apertura di questa inchiesta è «una prima fase e l'indagine potrebbe coinvolgere anche altre persone», si precisa sul sito di Fedpol. 

Il pensionamento anticipato - L’ex direttore di AutoPostale aveva comunicato a inizio novembre 2017 la pensione anticipata per il 30 aprile 2018. Allora la Posta «esprimeva il più profondo rammarico per questa decisione, ma allo stesso tempo la comprendeva dopo due decenni passati al vertice di AutoPostale». Quando il 6 febbraio è scoppiato lo scandalo - 78,3 milioni di franchi in eccesso percepiti in sovvenzioni dal 2007 al 2015 -, la Posta ha però deciso «di comune intesa con l'interessato» di anticipare al 5 febbraio le dimissioni previste ad aprile del responsabile Daniel Landolf. Per la medesima data era stato «esonerato dalle sue responsabilità operative» il responsabile finanze di AutoPostale.

Esonerata tutta la direzione - Il 10 giugno scorso la direttrice generale Susanne Ruoff ha rassegnato le dimissioni con effetto immediato, assumendosi la responsabilità di quanto avvenuto ma negando di essere stata a conoscenza delle irregolarità. Il giorno dopo, il Consiglio di amministrazione ha comunicato l'esonero dell'intera direzione di AutoPostale. In giugno si è dimesso anche il vicepresidente del Cda Adriano Vassalli, seguito dieci giorni dopo da un altro membro dell'organo di vigilanza, Susanne Blank, mentre è rimasto in sella il presidente Urs Schwaller, finito anch'egli nel mirino dei politici.


Keystone
L'ex direttrice generale Susanne Ruoff

La nota interna - Dall’inchiesta sullo scandalo AutoPostale è emerso che i vertici della Posta erano a conoscenza da anni delle operazioni contabili illecite. A dimostrarlo sarebbe stata una nota interna confidenziale del 2013, indirizzata tra gli altri all'allora presidente del consiglio di amministrazione Peter Hasler e alla direttrice della Posta Susanne Ruoff. Vi si menzionano «sovvenzioni trasversali a spese dei settori finanziati dall'ente pubblico».

I risarcimenti - Lo scorso dicembre AutoPostale ha concluso con l’Ufficio federale dei trasporti e la Conferenza dei direttori dei trasporti pubblici una convenzione per la restituzione dei sussidi ricevuti indebitamente. La Posta risarcirà 188,1 milioni di franchi: 88,672 milioni andranno alla Confederazione, il resto a Cantoni e Comuni. Al Ticino (Comuni inclusi) ne spetteranno 14,805. Oltre a questo, AutoPostale restituirà 17,2 milioni a titolo di «restituzione spontanea» per le irregolarità precedenti cadute in prescrizione.

Dallo scorso novembre, Autopostale è diretta da Christian Plüss, ex quadro dirigente di Alpiq, dopo che la divisione è stata guidata ad interim da Thomas Baur.

Keystone
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Zarco 7 mesi fa su tio
In Svizzera! Assolto e premiato
gp46 7 mesi fa su tio
Sembrano tanti topi che abbandonano la nave che sta affondando. Dal loro punto di vista, dimissionare o andare in pensione anticipata significa assumersi le responsabilità per le quali sono stati lautamente pagati...che schifo !
francox 7 mesi fa su tio
Questo suino non andrà in galera e non pagherà nessuna multa. Probabilmente riceverà un bell'indennizzo gentilmente offerto da noi. La storia insegna....
Tato50 7 mesi fa su tio
@francox Mi hai tolto le parole di bocca ;-))
Zarco 7 mesi fa su tio
@francox Esatto ! Oramai si sa ...
vedeggio 7 mesi fa su tio
In quest'epoca dominata da "predatori" e nella quale l'asticella dell'etica si è alzata di molto i bonus, in particolare nelle aziende pubbliche, devono essere aboliti senza se e senza ma.
Trasp 7 mesi fa su tio
Le sovvenzioni statali, che provengono dai cittadini con il versamento delle tasse, devono essere a mio avviso rese pubbliche, cosi che possa essere verificato da più parti ed inoltre scoraggia eventuali abusi. Autopostale, Ruag e farei verificare anche le altre imprese che ne percepiscono, perchè ormai è chiaro che come vengono gestite al momento le sovvenzioni non è nel rispetto del cittadino che li paga.
Bob Lutz 7 mesi fa su tio
@Trasp Non dirmi che sai anche tu cosa è successo per il traffico regionale ferroviario? Di partenze ai vertici scaglionate ce ne sono state, le riorganizzazioni continue nascondono invece le responsabilità. E da Berna vedono "percezioni"
Vesna Setek 7 mesi fa su fb
Tutti giorni una
Bruno Realini 7 mesi fa su fb
rischio una denuncia più grave se rubo un gipgel alla coop
Stelio Capponi 7 mesi fa su fb
Ma cert che al va in galera....?!?!?!😱😱😫😫dai per piacere...😂😂😂😂
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
2 min

Bimba cade da cavallo e perde la vita

Dopo essere stata soccorsa è stata trasportata dalla Rega in ospedale, dove è morta

SVIZZERA
25 min

«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»

È l'opinione dell'economista francese Thomas Piketty, contrario alla sacralizzazione della proprietà. «Diminuendo la disuguaglianza aumenterà la crescita economica»

SVIZZERA
36 min

Swisscom: «Noi non abbassiamo le tariffe»

Le offerte «sono dal nostro punto di vista promozioni temporanee promosse in un mercato saturo», afferma il responsabile delle finanze

SVIZZERA / STATI UNITI
2 ore

Nino ma che combini? Giù i pantaloni davanti alla Casa Bianca

Schurter ha postato su Instagram (e poi rimosso) uno scatto con Lars Forster, Florian Vogel e Kurt Gross, taggando anche Donald Trump. Ora rischia una sanzione

ZURIGO
3 ore

In fila da otto ore per il nuovo iPhone11

Sono arrivati dall’Ungheria e hanno trascorso la notte davanti all’Apple Store. Ma anche dall’Ucraina, dalla Romania.Tutti con un unico obiettivo: accaparrarsi o semplicemente ammirare i nuovi modelli

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile