FRIBURGO
07.02.19 - 22:460

Niente più aereo per le gite di studio

Alcuni studenti friburghesi hanno condiviso una petizione per vietare i viaggi in aereo in favore del clima

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

FRIBURGO - Sulla scia del recente movimento pro-clima, un migliaio di studenti friburghesi si è mobilitato. Le vie di Friburgo si sono tinte di utopistici buoni propositi: ridurre l’impatto ambientale e difendere il clima dall’essere umano con le sue azioni efferate.

Questa, come numerose altre manifestazioni del medesimo stampo, sono state oggetto di mormorii. Infatti, il giorno designato per il corteo è spesso venerdì. E ciò viene additato come un’ennesima blanda scusa per marinare la scuola. Ma così non è stato, e la determinazione a scendere in campo per fare concretamente qualcosa ha avuto la meglio.

«Riduci il nostro impatto sul clima: proibisci gli aerei durante i viaggi di studio». Questo il titolo di una petizione comparsa nei giorni successivi la manifestazione nelle poste elettroniche degli studenti di tre istituti scolastici della città romanda. Diretta e concisa.

L’iniziativa, firmata da cinque studenti, spiega che rinunciare all’aereo per i viaggi di studio non sconvolgerebbe nulla, dal momento che si potrebbe fare uso del treno. Le limitazioni sono ovvie, ma su questo punto la lettera fa una precisazione non di poco conto: «L’aereo ci permette di andare più lontano del treno, ma il suo costo ecologico è molto più elevato. Devi porti le giuste domande, qual è lo scopo di andare molto lontano? Dobbiamo percorrere migliaia di chilometri per fare in modo che un viaggio di studio abbia successo?». In effetti, la pungente retorica stuzzica la convinzione che per una buona gita scolastica sia imprescindibile una meta distante. Dal prossimo anno scolastico scopriremo se la petizione ha avuto successo.

Gli studenti friburghesi sono volenterosi di dare il buon esempio. L'idea di fondo è dimostrare ai leader e agli svizzeri che, con queste piccole azioni, i giovani d’oggi sono determinati a reagire al problema del clima.

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
LAMIA 8 mesi fa su tio
Ben per le famiglie che così risparmiano soldi visto come loro non guadagnano un quattrino!
Mattiatr 8 mesi fa su tio
La gita di studio dura una settimana, non ha senso impiegare due giorni per andare e tornare quando si potrebbe fare il tutto in 6-7 ore. In fondo è pagata dagli studenti (o genitori), è giusto lasciare a loro la scelta, l'anno scorso per me è stato così, non sarei disposto a stare un giorno in più con i professori, figuriamoci se chiusi su un treno, o ancora meglio, su un bus diesel.
Calotta Polare 8 mesi fa su tio
@Mattiatr Una gita di studio ha anche degli obbiettivi educativi. Tra questi, dal mio punto di vista, può rientrare anche una riflessione sull'impatto ambientale delle proprie scelte. Leggendo l'articolo avrai capito che si punta anche a destinazioni più vicine. Personalmente credo che molte destinazioni della stessa Svizzera siano sconosciute a molti allievi e offrano molto dal punto di vista didattico, culturale e formativo. Se poi il tuo problema è quello di passare del tempo con i professori forse la questione è un'altra...
sedelin 8 mesi fa su tio
bravi ragazzi! insegnate a coloro che occupano gli scranni, perché loro hanno il sederino al sicuro e dormono.
castigamatti 8 mesi fa su tio
lodevole iniziativa... poi vediamo se a 18 anni non si fanno regalare l'automobile....
Mattiatr 8 mesi fa su tio
@castigamatti Io me la sono pagata da solo, forse è per questo che non sono andato a protestare.
Calotta Polare 8 mesi fa su tio
@castigamatti Non ci si può limitare a definirla "lodevole iniziativa", come obbiettivamente è? Bisogna comunque supporre che chi la propone, in futuro, prima o poi, farà qualcosa di negativo. È il timore di valere meno di chi ha un senso civico concreto?
bimbogimbo 8 mesi fa su tio
Solo il fatto che ci sia qualcuno che ne parli dimostra che stiamo tutti impazzendo... follia...
seo56 8 mesi fa su tio
Buffonate!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
5 ore

L'aggressore 23enne affronta la Polizia. La vittima: «Non vedo più da un occhio»

Il 21 settembre aveva letteralmente spaccato la faccia a un 33enne incontrato in stazione. La polizia, quindi, aveva diffuso le immagini della video sorveglianza

VALLESE
7 ore

Chamoson, l'auto trovata nel Rodano è quella della tragedia

I cadaveri dei due dispersi non sono stati per contro ritrovati nell'abitacolo

SVIZZERA / SPAGNA
9 ore

Gli indipendentisti catalani in Svizzera: «Viste da qui, queste sentenze sono inconcepibili»

Per la sezione elvetica dell'Assemblea Nacional Catalana, le condanne di oggi sono «uno scandalo nell'Europa democratica»

GINEVRA
9 ore

A processo il vicepresidente di Exit Romandia: «Ha aiutato un'86enne a morire»

I fatti risalgono all'aprile del 2017: la donna, in buona salute, aveva chiesto di poter lasciare questo mondo insieme al marito gravemente malato

FOTO
ZURIGO
11 ore

Ruba l'auto, forza il posto di blocco e investe una poliziotta

Un'agente di 39 anni è rimasta ferita gravemente. Il conducente, un cittadino svizzero, è stato fermato e arrestato

FOTO
BASILEA CITTÀ
12 ore

Bus frena bruscamente per evitare una bicicletta, sette feriti

Diversi passeggeri sono caduti a terra a causa della frenata d'emergenza del mezzo. Il ciclista non si è fermato sul luogo dell'incidente. La polizia cerca testimoni

LOSANNA
12 ore

Il Politecnico di Losanna rinuncia al concorso di Elon Musk

I ricercatori intendono concentrarsi sull'aspetto ecologico di questo tipo di trasporto del futuro

VIDEO
ZURIGO
14 ore

Un'enorme pozza di sangue sul tram, è mistero sulle cause

La vicenda è avvenuta attorno alla mezzanotte di domenica sul tram numero 2 della città di Zurigo. La compagnia di trasporti: «Oltre 2000 orme insanguinate». La polizia: «Stiamo indagando»

ZURIGO
16 ore

I costi della salute crescono? Ha la febbre e chiama l’ambulanza

L'uomo, che aveva 37,8, ha aspettato i soccorritori sulla porta di casa ed è subito montato sul mezzo di soccorso. «Ho preso una pastiglia, ma la temperatura non scendeva»

GRIGIONI
17 ore

Precipita per 200 metri sotto gli occhi del marito

La vittima è una 52enne che stava scalando la cima del Piz Arlos, sopra Savognin

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile