Keystone
SOLETTA
06.02.19 - 16:060

Critiche alle condizioni del centro asilanti rispedite al mittente

Il Consiglio di Stato definisce gli alloggi per richiedenti asilo «modesti ma dignitosi»

OBERBUCHSITEN (SO) - Organizzazioni di aiuto ai richiedenti asilo hanno criticato oggi a Oberbuchsiten, nel canton Soletta, le condizioni cui sarebbero sottoposte nel locale centro d'alloggio le persone costrette a vivere con il solo "soccorso d'emergenza". Il Cantone respinge i rimproveri.

In una conferenza stampa nella località solettese, il servizio di assistenza gratuita IGA SOS Racisme e l'associazione Solidarité sans Frontières hanno sostenuto che nel centro d'asilo di Oberbuchsiten regnano «condizioni di vita fisicamente e psichicamente insostenibili» e che non sono rispettati «i più elementari diritti umani». Gli spazi sarebbero troppo esigui. Non sarebbe possibile avere una sfera privata e mancherebbero strutture per persone vulnerabili. I residenti sarebbero addirittura sottoposti a vessazioni quotidiane.

Secondo le due organizzazioni, il soccorso d'emergenza - del quale si devono accontentare i richiedenti asilo "bocciati" e quindi esclusi dall'assistenza sociale - è «miserevole» e non consente l'«esistenza dignitosa» che esige la Costituzione federale per chi è nel bisogno (art. 12). Esso va dunque abolito.

Il Consiglio di Stato solettese aveva già respinto in dicembre critiche analoghe riguardanti i centri d'asilo situati nel cantone. Condizioni abitative dignitose sono garantite in tutte le strutture cantonali, aveva sostenuto in una presa di posizione. Il centro di Oberbuchstiten, che può ospitare 100 persone, e le due strutture sul Balmberg, con 130 posti, rispettano senza riserve tutte le disposizioni di legge, aveva affermato il governo cantonale, sostenendo che gli alloggi per richiedenti asilo sono «modesti ma dignitosi». Il Cantone effettua regolarmente controlli, annunciati e non annunciati.

I richiedenti asilo con decisione di non entrata nel merito (NEM) passata in giudicato sono esclusi dall'aiuto sociale già dall'aprile 2004. Nel gennaio 2008, il blocco dell'assistenza è stato esteso alle persone con decisione d'asilo negativa e decisione d'allontanamento passate in giudicato con termine di partenza. Dal 1° febbraio 2014 le persone che depositano una nuova domanda d'asilo hanno diritto a ricevere esclusivamente l'aiuto d'urgenza durante la durata della loro nuova procedura.

Al posto dell'aiuto sociale queste persone ricevono soltanto un soccorso d'emergenza volto a soddisfare i loro bisogni fondamentali come cibo, vestiario e alloggio. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) risponde alle critiche affermando che il vigente regime è stato espressamente voluto dal Parlamento. L'applicazione concreta spetta ai Cantoni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
55 min
Assalto al portavalori, malviventi in fuga senza bottino
La polizia solettese ha avviato un'importante operazione di ricerca.
BERNA
1 ora
A Berna i ristoranti dovranno chiudere prima
Il cantone ha deciso un ulteriore inasprimento delle misure di protezione contro il coronavirus.
SVIZZERA
3 ore
Sempre meno svizzeri disposti a vaccinarsi
Un sondaggio dell'Ufsp rivela che la percentuale dei favorevoli è crollata dal 60% di marzo al 49% di ottobre.
BERNA 
4 ore
«Evitiamo di annullare tutti i progressi fatti finora»
L'UFSP è consapevole che la gente si sta stancando delle misure restrittive e invita a tenere duro
SVIZZERA
4 ore
Blick bacchettato per violazione della privacy
Il quotidiano ha pubblicato dati privati di una donna, rendendola facilmente identificabile.
SVIZZERA
6 ore
Altri 4'312 casi, 209 ricoveri e 141 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 27'266 test, con un tasso di positività del 15,8%.
SVIZZERA
7 ore
Tutti in montagna per sfuggire al virus, è boom di interventi del soccorso alpino
Lo confermano i dati del Club Alpino Svizzero che ha pubblicato i dati dei primi nove mesi del 2021
SVIZZERA
8 ore
Verde metallizzato, ecco la nuova vignetta autostradale
Costerà come sempre 40 franchi e sarà valida dal primo dicembre al 31 gennaio 2022.
SVIZZERA
8 ore
Un occupato su quattro in Svizzera lavora per una multinazionale
Fra il 2014 e il 2019 il numero di posti di lavoro nelle imprese a controllo cinese è più che settuplicato
SVIZZERA
9 ore
L’esperto: «Feste a Capodanno per mantenere le persone felici»
C’è chi esorta a revocare il coprifuoco in occasione dell’ultimo dell’anno. «Le restrizioni sono un pericolo sociale»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile