Keystone
SVIZZERA
06.02.19 - 15:580

Telefonate indesiderate: sono oltre 18 milioni al mese

Soprattutto i call center operanti all'estero non possono quasi mai essere perseguiti dalla SECO e spesso comunque il procedimento viene archiviato senza multa

BERNA - Ogni mese in Svizzera si ricevono oltre 18 milioni di telefonate pubblicitarie indesiderate. Il problema principale delle chiamate illegali non sono le norme vigenti, ma il fatto che l'inosservanza dell'apposito asterisco a fianco del numero telefonico di solito non ha conseguenze.

Lo scrive la Fondazione svizzerotedesca per la protezione dei consumatori (SKS) in una lettera inviata a metà gennaio alla commissione parlamentare competente, dato che il tema è oggetto di discussioni nell'ambito della revisione della legge sulle telecomunicazioni.

Nello scritto si sottolinea che soprattutto i call center operanti all'estero non possono quasi mai essere perseguiti dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Spesso è infatti difficile identificare chi chiama, poiché può far apparire un numero di telefono qualunque e quindi falso.

Inoltre, anche se l'identificazione ha successo, la SECO non può intervenire direttamente, ma deve operare attraverso richieste di assistenza legale ad altri Stati. Ciò complica e ritarda la pratica e la procedura è anche molto costosa rispetto all'infrazione. La conseguenza è che il procedimento di solito viene archiviato senza multa.

Secondo la SKS, l'intervento della SECO e delle procure sarebbe molto più facile se si potesse perseguire sia il committente che chi trae profitto dalle chiamate pubblicitarie illegali. In tal modo attraverso il cliente - di solito residente in Svizzera - si potrebbero identificare e punire i call center che hanno commesso l'infrazione.

Così tutte le aziende sarebbero costrette a cessare la collaborazione con società poco serie che effettuano chiamate illegali. E non sarebbero più svantaggiati gli imprenditori che rispettano la legalità dell'asterisco che mostra il rifiuto della pubblicità, aggiunge la SKS.

L'organizzazione dei consumatori sottolinea che già oggi Swisscom offre la possibilità di bloccare le chiamate pubblicitarie indesiderate su richiesta degli utenti.

Secondo la compagnia telefonica il sistema di filtraggio da lei utilizzato è in grado di distinguere il telemarketing dalle chiamate legittime, senza intervenire su quelle effettuate da rinomati istituti di ricerca di mercato e sociali nonché da inserzionisti legali.

La proposta del Consiglio federale e del Consiglio degli Stati per la revisione della legge sulle telecomunicazioni consentirebbe al governo di obbligare altre imprese di telecomunicazione ad offrire un filtro del genere per le chiamate pubblicitarie.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Turismo: la situazione è tesa, urgono meno restrizioni
Si è tenuto oggi il secondo vertice sul turismo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.
GINEVRA
8 ore
Altra partitella "selvaggia", allontanate 300 persone
La polizia cantonale è intervenuta oggi al centro sportivo di Vessy.
SVIZZERA
11 ore
L'ufficio di casa te lo paga il datore di lavoro
Una recente decisione del Tribunale federale potrebbe fare scuola.
SVIZZERA
13 ore
Coronavirus: 11 casi in più, nessun decesso
Il numero dei casi positivi accertati nel nostro Paese sale a 30'736. I morti restano 1'641
SVIZZERA
13 ore
«Tenere aperto così non è redditizio»
Lo sostiene un sondaggio effettuato da GastroSuisse durante la prima settimana di riapertura.
SVIZZERA
16 ore
Protezione dati ed equivalenza: l'Ue deciderà a breve
Il verdetto sul riconoscimento è previsto il 3 giugno. L'Ufficio federale di giustizia è ottimista
SVIZZERA
17 ore
«Una seconda ondata durante l'inverno»
È la previsione del delegato delll'UFSP per l'emergenza Covid-19 Daniel Koch.
SVIZZERA
1 gior
Estrae il Joker dal cilindro e vince un milione
Il fortunato giocatore ha giocato la schedina nella Svizzera tedesca o in Ticino.
FOTO
VAUD
1 gior
Via le porte dopo la partita "selvaggia"
Le autorità hanno reagito ieri sera per prevenire ulteriori assembramenti nel quartiere di Boveresses.
SVIZZERA
1 gior
I ristoratori faticano: «Provvedimenti da allentare»
Per il presidente due metri di distanza, non più di quattro persone al tavolo e il coprifuoco sono misure troppo severe.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile