Keystone
SVIZZERA
06.02.19 - 15:580

Telefonate indesiderate: sono oltre 18 milioni al mese

Soprattutto i call center operanti all'estero non possono quasi mai essere perseguiti dalla SECO e spesso comunque il procedimento viene archiviato senza multa

BERNA - Ogni mese in Svizzera si ricevono oltre 18 milioni di telefonate pubblicitarie indesiderate. Il problema principale delle chiamate illegali non sono le norme vigenti, ma il fatto che l'inosservanza dell'apposito asterisco a fianco del numero telefonico di solito non ha conseguenze.

Lo scrive la Fondazione svizzerotedesca per la protezione dei consumatori (SKS) in una lettera inviata a metà gennaio alla commissione parlamentare competente, dato che il tema è oggetto di discussioni nell'ambito della revisione della legge sulle telecomunicazioni.

Nello scritto si sottolinea che soprattutto i call center operanti all'estero non possono quasi mai essere perseguiti dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Spesso è infatti difficile identificare chi chiama, poiché può far apparire un numero di telefono qualunque e quindi falso.

Inoltre, anche se l'identificazione ha successo, la SECO non può intervenire direttamente, ma deve operare attraverso richieste di assistenza legale ad altri Stati. Ciò complica e ritarda la pratica e la procedura è anche molto costosa rispetto all'infrazione. La conseguenza è che il procedimento di solito viene archiviato senza multa.

Secondo la SKS, l'intervento della SECO e delle procure sarebbe molto più facile se si potesse perseguire sia il committente che chi trae profitto dalle chiamate pubblicitarie illegali. In tal modo attraverso il cliente - di solito residente in Svizzera - si potrebbero identificare e punire i call center che hanno commesso l'infrazione.

Così tutte le aziende sarebbero costrette a cessare la collaborazione con società poco serie che effettuano chiamate illegali. E non sarebbero più svantaggiati gli imprenditori che rispettano la legalità dell'asterisco che mostra il rifiuto della pubblicità, aggiunge la SKS.

L'organizzazione dei consumatori sottolinea che già oggi Swisscom offre la possibilità di bloccare le chiamate pubblicitarie indesiderate su richiesta degli utenti.

Secondo la compagnia telefonica il sistema di filtraggio da lei utilizzato è in grado di distinguere il telemarketing dalle chiamate legittime, senza intervenire su quelle effettuate da rinomati istituti di ricerca di mercato e sociali nonché da inserzionisti legali.

La proposta del Consiglio federale e del Consiglio degli Stati per la revisione della legge sulle telecomunicazioni consentirebbe al governo di obbligare altre imprese di telecomunicazione ad offrire un filtro del genere per le chiamate pubblicitarie.

TOP NEWS Svizzera
BASILEA CAMPAGNA
3 ore

«Quella bandiera deve rimanere al suo posto»

Il vessillo rossocrociato è appeso illegalmente a una roccia dello Schleifenberg da anni. Ora la sua posizione è stata regolarizzata dal Municipio di Liestal: «Non è in conflitto con la legge»

LUCERNA
6 ore

«Violenza per educare le donne», i sermoni in moschea verranno registrati

L'associazione "Dar Assalam" seguirà la raccomandazione. Quattro persone formate avranno inoltre il compito di assistere alle prediche e intervenire in caso di necessità

SVIZZERA
7 ore

Credit Suisse: più consulenti al servizio degli ultra-ricchi

Il nuovo responsabile del comparto gestione patrimoniale internazionale vuole ampliare le attività con i clienti definiti strategici

SVIZZERA
7 ore

Swiss, il mayday sembra essere già rientrato

12 aerei sono tornati in volo, gli altri dovrebbero essere presto operativi. Da domani i collegamenti aerei torneranno in gran parte regolari, assicura la compagnia aerea

SVIZZERA
8 ore

UBS, Axel Weber critica la Bce: «Draghi ha legato le mani a Lagarde»

Nel mirino di uno dei manager più pagati della storia svizzera è la decisione di allentare ulteriormente la politica monetaria

TURGOVIA
10 ore

Plastica nella salsa di pomodoro

Una mamma intenta a preparare un piatto di pasta al suo bambino ha avuto una brutta sorpresa

SVIZZERA
10 ore

Roche cresce più delle attese: alza le sue prospettive

Il fatturato è salito del 9% a 46,07 miliardi di franchi

VIDEO
ZURIGO
1 gior

Urla e insulti in autostrada, spunta il tesserino. Agente sospeso

L'uomo ha ripreso tutto con il cellulare, mentre sua figlia in macchina piangeva impaurita. L'altro si difende: «Dovevo identificarmi come ufficiale di polizia, guidava in modo pericoloso»

BERNA
1 gior

61 reati in due anni, giovane turco dovrà lasciare la Svizzera

Secondo i giudici la sua integrazione è fallita. Tra i reati vi sono lesioni personali, rapina e incendio intenzionale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile