Keystone
SVIZZERA / MAROCCO
04.02.19 - 18:230

Turiste assassinate, lo svizzero si proclama innocente

L'avvocato ha detto di «aspettare che ci sia un confronto con gli altri imputati prima di chiedere una scarcerazione» del suo cliente, che «ha riacquistato fiducia»

RABAT - Si è proclamato innocente il ginevrino, binazionale ispano-svizzero, arrestato in Marocco nell'ambito delle indagini sull'uccisione di due turiste scandinave nel Paese nordafricano. Lo ha detto il suo avvocato Saad Sahli all'agenzia stampa francese Afp dopo che l'uomo è stato interrogato da un giudice istruttore antiterrorismo.

«Ha affermato la propria innocenza davanti al giudice istruttore, che lo ha ascoltato e ha avuto un atteggiamento positivo», ha detto l'avvocato del ginevrino, interrogato a Salé, città attigua alla capitale Rabat. Il legale ha aggiunto che una nuova udienza a porte chiuse è prevista a una data ancora da definire.

Sahli ha detto ancora di «aspettare che ci sia un confronto con gli altri imputati prima di chiedere una scarcerazione» del suo cliente, che «ha riacquistato fiducia» dopo questa «udienza dettagliata e positiva». Altri sospetti, il cui numero non è stato reso noto, sono stati interrogati oggi dallo stesso giudice istruttore.

L'uomo, convertitosi all'Islam nel 2011 nella Grande Moschea di Ginevra dove viveva e residente a Marrakech dal 2015, era stato arrestato lo scorso 29 dicembre nella città marocchina per i suoi legami con i presunti autori dell'assassinio delle due turiste, avvenuto nella notte tra il 16 e il 17 dicembre. Le due studentesse, una danese di 24 anni e una norvegese di 28, sono state uccise e decapitate in una località isolata dell'Alto Atlante, in una zona apprezzata dagli escursionisti.

Egli è accusato di «costituzione di una banda per attentare all'ordine pubblico», di «aiuto premeditato ad autori di atti terroristici» e di «addestramento di persone in vista di commettere atti terroristici».

Le autorità inquirenti marocchine hanno arrestato una ventina di persone nell'ambito delle loro indagini. Secondo l'Ufficio centrale per le investigazioni giudiziarie (Bureau central d'investigation judiciaire, BCIJ), il sospetto con la doppia nazionalità svizzera e spagnola è «impregnato di ideologia estremista». Egli è sospettato di aver «insegnato ad alcune persone arrestate in questa vicenda gli strumenti di comunicazione derivanti dalle nuove tecnologie e di averli addestrati al tiro».

L'inchiesta ha rivelato la sua «adesione a operazioni di reclutamento e indottrinamento di cittadini marocchini e subsahariani per eseguire piani terroristici in Marocco», ha indicato ancora il BCIG.

«L'individuo è noto alla polizia ginevrina per reati comuni commessi tra il 2007 e il 2013», aveva dal canto suo indicato l'Ufficio federale di polizia (Fedpol) a fine dicembre. Secondo notizie apparse su giornali romandi, è stato condannato a Ginevra per infrazioni alla legge sugli stupefacenti, furto semplice e con scasso, danneggiamento, aggressione e violenza coniugale.

Lo scorso 11 gennaio Fedpol aveva pure confermato la notizia, data da media marocchini, dell'arresto nel paese nordafricano di un altro svizzero, avente pure la nazionalità britannica, nell'ambito della stessa inchiesta. Questi sarebbe sospettato di avere avuto contatti con combattenti dello Stato islamico (Isis).

I quattro principali sospetti nell'inchiesta per il doppio assassinio apparterrebbero a una cellula che si ispirava all'ideologia dell'Isis ma che non avrebbe avuto contatti diretti con i quadri dell'organizzazione islamista in Siria o in Iraq. Fra di loro figura il presunto capo della "cellula terroristica", un mercante ambulante di 25 anni. Il giovane era stato condannato l'anno scorso per aver tentato di raggiungere le zone mediorientali allora controllate dall'Isis. Aveva però beneficiato di una riduzione della pena.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile