Keystone
SVIZZERA
04.02.19 - 13:040

Offrono il servizio porta a porta del bagaglio, ma «li trasportano su strada»

Alcuni viaggiatori si sentono ingannati dalle FFS: «Prendiamo il treno per una responsabilità ecologica, ma se le valigie viaggiano in auto è inutile»

BERNA - «Ritiriamo i bagagli al vostro indirizzo e li consegniamo il giorno successivo all’indirizzo da voi indicato». Così recita la spiegazione sul sito delle FFS per il servizio “bagaglio porta a porta”. Chi decide di acquistarlo è convinto che verosimilmente il trasporto avverrà su rotaia, ma non sempre è così.

La RTS - in un servizio andato in onda alle 19.30 di ieri - ha approfondito la questione. È stato acquistato il servizio di trasporto bagagli per un paio di sci e una valigia da Zurigo a Engelberg, stazione sciistica nel canton Obvaldo ben servita dai treni (è previsto un collegamento express da Lucerna in 40 minuti). Ma i due bagagli hanno percorso i 100 chilometri di tragitto interamente su strada, senza mai salire su un treno.

E sarebbero molte le esperienze simili. Lo scorso anno la Zuger Zeitung riportava la testimonianza di Verena Küttel-Schürch che si era recata a Bosco Gurin da Lucerna con i trasporti pubblici «per coscienza ecologica», mentre i suoi bagagli erano stati trasportati a pagamento dalle FFS interamente su strada.

Contattate, le FFS assicurano che almeno il 50% dei bagagli affidati al servizio “porta a porta” viaggiano su rotaia e che complessivamente almeno il 70% dei chilometri percorsi avviene in treno. Un tasso che «comparato con il resto d’Europa è molto alto».

La Federazione dei consumatori romanda denuncia comunque una mancanza di trasparenza da parte delle FFS e parla di “pubblicità ingannevole”. «Moltissime persone prendono il treno, rinunciando all’auto, per una pura questione ecologica - conclude la portavoce -. In questo modo si sentono ingannate».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Thor61 1 anno fa su tio
L'attuale ferrovie Svizzera sono diventate direi peggio (Strutture, logistica e mezzi con i buchi la dicono lunga), altro che in Italia, ormai la sola differenza penso sia solo nello stratosferico costo dei biglietti.
castigamatti 1 anno fa su tio
beh, un porta a porta su rotaia mi sembra poco probabile...a meno che uno abiti alla stazione ferroviaria...
gabola 1 anno fa su tio
È bello che piano piano la gente capisce a cosa sono serviti i milioni di alptransit,se gia le ffs non la trovano concorrenziale sem a pos
ctu67 1 anno fa su tio
e num a pagum !!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 min
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
1 ora
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
2 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
2 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
3 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
SVIZZERA
16 ore
Turismo: la situazione è tesa, urgono meno restrizioni
Si è tenuto oggi il secondo vertice sul turismo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.
GINEVRA
17 ore
Altra partitella "selvaggia", allontanate 300 persone
La polizia cantonale è intervenuta oggi al centro sportivo di Vessy.
SVIZZERA
19 ore
L'ufficio di casa te lo paga il datore di lavoro
Una recente decisione del Tribunale federale potrebbe fare scuola.
SVIZZERA
21 ore
Coronavirus: 11 casi in più, nessun decesso
Il numero dei casi positivi accertati nel nostro Paese sale a 30'736. I morti restano 1'641
SVIZZERA
22 ore
«Tenere aperto così non è redditizio»
Lo sostiene un sondaggio effettuato da GastroSuisse durante la prima settimana di riapertura.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile