Keystone
SVIZZERA
04.02.19 - 13:040

Offrono il servizio porta a porta del bagaglio, ma «li trasportano su strada»

Alcuni viaggiatori si sentono ingannati dalle FFS: «Prendiamo il treno per una responsabilità ecologica, ma se le valigie viaggiano in auto è inutile»

BERNA - «Ritiriamo i bagagli al vostro indirizzo e li consegniamo il giorno successivo all’indirizzo da voi indicato». Così recita la spiegazione sul sito delle FFS per il servizio “bagaglio porta a porta”. Chi decide di acquistarlo è convinto che verosimilmente il trasporto avverrà su rotaia, ma non sempre è così.

La RTS - in un servizio andato in onda alle 19.30 di ieri - ha approfondito la questione. È stato acquistato il servizio di trasporto bagagli per un paio di sci e una valigia da Zurigo a Engelberg, stazione sciistica nel canton Obvaldo ben servita dai treni (è previsto un collegamento express da Lucerna in 40 minuti). Ma i due bagagli hanno percorso i 100 chilometri di tragitto interamente su strada, senza mai salire su un treno.

E sarebbero molte le esperienze simili. Lo scorso anno la Zuger Zeitung riportava la testimonianza di Verena Küttel-Schürch che si era recata a Bosco Gurin da Lucerna con i trasporti pubblici «per coscienza ecologica», mentre i suoi bagagli erano stati trasportati a pagamento dalle FFS interamente su strada.

Contattate, le FFS assicurano che almeno il 50% dei bagagli affidati al servizio “porta a porta” viaggiano su rotaia e che complessivamente almeno il 70% dei chilometri percorsi avviene in treno. Un tasso che «comparato con il resto d’Europa è molto alto».

La Federazione dei consumatori romanda denuncia comunque una mancanza di trasparenza da parte delle FFS e parla di “pubblicità ingannevole”. «Moltissime persone prendono il treno, rinunciando all’auto, per una pura questione ecologica - conclude la portavoce -. In questo modo si sentono ingannate».

Commenti
 
Thor61 9 mesi fa su tio
L'attuale ferrovie Svizzera sono diventate direi peggio (Strutture, logistica e mezzi con i buchi la dicono lunga), altro che in Italia, ormai la sola differenza penso sia solo nello stratosferico costo dei biglietti.
castigamatti 9 mesi fa su tio
beh, un porta a porta su rotaia mi sembra poco probabile...a meno che uno abiti alla stazione ferroviaria...
gabola 9 mesi fa su tio
È bello che piano piano la gente capisce a cosa sono serviti i milioni di alptransit,se gia le ffs non la trovano concorrenziale sem a pos
ctu67 9 mesi fa su tio
e num a pagum !!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
2 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
4 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
4 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
20 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
21 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
23 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
23 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
1 gior
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile