Tipress
SVIZZERA
01.02.19 - 07:520

Crollo delle richieste d'asilo: «Punto più basso degli ultimi 11 anni»

Nel 2018 sono state 15'255: il 15% in meno rispetto all'anno prima. Il direttore del SEM: «La Svizzera è sempre meno ambita perché decidiamo molto velocemente sulle domande»

BERNA - Le domande d'asilo in Svizzera sono calate anche l'anno scorso: sono state 15'255, il 15% in meno dell'anno precedente, afferma in un'intervista al Blick il direttore della Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) Mario Gattiker. Si tratta del livello più basso degli ultimi undici anni.

Secondo l'alto funzionario la Svizzera sta diventando sempre meno un Paese di destinazione per i richiedenti asilo che non hanno diritto alla protezione nel Paese. «Soprattutto perché decidiamo molto velocemente sulle domande e le persone devono lasciare rapidamente la Svizzera».

Inoltre un numero molto inferiore di rifugiati arriva in Italia attraverso il Mediterraneo: la rotta d'aggiramento passa per il Marocco e la Spagna. Questi richiedenti asilo non arrivano nella Confederazione.

La maggior parte delle richieste presentate nel 2018 proveniva da cittadini eritrei, siriani e afghani. In forte calo è in particolare il numero di domande dall'Eritrea: dei 2825 dossier solo 492 concernevano rifugiati, tutti gli altri casi erano nascite e ricongiungimenti familiari.

La SEM prevede che il numero di richiedenti asilo nel 2019 rimarrà invariato rispetto al 2018, con circa 15'500 nuove domande. Tuttavia, la situazione è ancora volatile e la pressione migratoria internazionale rimane elevata, ha osservato Gattiker. In Turchia vivono oltre tre milioni di siriani: il numero di domande d'asilo potrebbe aumentare rapidamente.

Riguardo ai 3400 eritrei accolti provvisoriamente e sul loro possibile ritorno in patria, Gattiker ha spiegato che l'ammissione provvisoria potrebbe probabilmente essere revocata in meno del 10% dei casi. Le autorità devono infatti attenersi alla giurisprudenza. Nel caso di persone vulnerabili o che sono a lungo in Svizzera e si sono integrate bene di solito non è possibile annullare l'ammissione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
45 min
Telecamere nascoste per stanare il ladro di monete
Le ha installate Migros in una filiale bernese. Ma ora la giustizia ha scagionato il collaboratore accusato di furto
SVIZZERA
9 ore
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
13 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
14 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
15 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
16 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
17 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
18 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
19 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
20 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile