Keystone
+3
SVIZZERA
31.01.19 - 15:130
Aggiornamento : 16:30

L'uomo che ha immortalato ogni passo di Berset

Peter Klaunzer ha fotografato il consigliere federale durante il suo anno di presidenza. E ora arrivano un libro e una mostra

BERNA - Immortalato passo dopo passo dalla macchina fotografica: nell'anno di presidenza 2018 Alain Berset è stato seguito costantemente da un fotografo, che ha colto il capo del Dipartimento federale dell'interno in momenti non solo ufficiali, in Svizzera come nei numerosi viaggi all'estero. Ne è nato un libro, nonché una mostra.

Il fotografo si chiama Peter Klaunzer e lavora dal 2006 per l'agenzia fotografica Keystone, che l'anno scorso si è fusa con l'agenzia di notizie Ats. Il 51enne è accreditato presso Palazzo federale.

Da anni Keystone, specializzata nelle istantanee prese nei momenti ufficiali per la stampa, pensava alla possibilità di gettare uno sguardo dietro le quinte, come è d'uso in altri paesi, ha raccontato Klaunzer in una recente intervista rilasciata al Blick. L'occasione si è presentata con Berset. «La vanità non avuto alcun ruolo: Alain Berset si interessa di fotografia e offre volentieri spaccati della sua vita come consigliere federale, è per esempio molto attivo su Instagram».

Il 46enne si è mostrato fin da subito entusiasta del progetto. Ha posto solo due condizioni: nessuna foto della sua vita privata e diritto di veto sulle immagini a cui la stampa non ha normalmente accesso. Un diritto di cui però non si è mai avvalso, precisa Klaunzer.

Dall'esperienza è nata una seria di foto a cui la Svizzera non è abituata, perché contrariamente ad altri paesi non ha un vero e proprio presidente. Nella versione elvetica il presidente è infatti un primo fra pari, non un capo di stato. Nella Confederazione tale funzione non è infatti assunta da una singola persona, bensì dall'intero collegio governativo.

Questi distinguo sono chiaramente poco noti all'estero: e così una foto scattata da Klaunzer ha fatto il giro del mondo. Si tratta dell'istantanea che vede Berset seduto sul bordo di un marciapiede durante una pausa della seduta dell'Assemblea generale dell'Onu a New York. Zainetto accanto a sé, Berset era intento a leggere documenti e prendere appunti in un modo che ricorda quello di uno studente. Il contrasto con il comportamento di presidenti di altri paesi è apparso a molti stridente e la foto è diventata virale.

Non mancano però anche altri scatti notevoli, come quelli con il Papa o con Trump. Oppure le foto che documentano la visita di Berset in Bangladesh, con le strade della capitale fiancheggiate da manifesti con il volto del consigliere federale friburghese. Tutto è raccolto in una mostra al Kornhausforum di Berna (dal primo febbraio al 2 marzo) e in un libro ("Alain Berset. Bundespräsident, Président de la Confédération") edito da Stämpfli, Berna.

Keystone
Guarda tutte le 7 immagini
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus: 10 nuovi casi e un decesso in Svizzera
Il numero di contagi in Svizzera dall'inizio dell'emergenza sale a 30'746
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Una promozione felina nell'esercito
Lili ha meritato le mostrine «per il suo efficiente servizio in favore della truppa».
SVIZZERA
3 ore
Gli averi a vista della BNS continuano a salire, ed è record storico
Ed è la 19esima volta di fila per il valore più elevato mai raggiunto, e non è detto che sia una cosa positiva
VAUD
3 ore
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
3 ore
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
5 ore
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
6 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
6 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
7 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
SVIZZERA
19 ore
Turismo: la situazione è tesa, urgono meno restrizioni
Si è tenuto oggi il secondo vertice sul turismo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile