Keystone
VAUD / BRASILE
30.01.19 - 15:280
Aggiornamento : 17:19

Protesta davanti ai responsabili della diga crollata

Una trentina di militanti hanno compiuto un'azione simbolica per denunciare le colpe della multinazionale Vale

SAINT-PREX - Una trentina di militanti ha manifestato oggi davanti alla sede della Vale a Saint-Prex (VD). La multinazionale brasiliana è responsabile della diga di Brumadinho, che è crollata venerdì scorso causando 84 morti e 286 dispersi.

L'azione simbolica serviva a denunciare le «disastrose conseguenze ecologiche e umane della sfrenata corsa al profitto che questa società sta conducendo», ha precisato Jean-Michel Dolivo, di Ensemble à Gauche. I dimostranti, che hanno esposto uno striscione macchiato di fango con la scritta ironica: «Grazie per aver scelto la Svizzera», hanno chiesto di «risarcire tutte le vittime e smettere di estrarre il ferro e di immagazzinare i fanghi in queste condizioni».

Alcuni di loro indossavano una maschera con l'effigie dei consiglieri di Stato vodesi Pascal Broulis e Pierre-Yves Maillard e del consigliere federale Ignazio Cassis, principali responsabili, ai loro occhi, della politica di sgravi fiscali che attira le multinazionali attive nel settore delle materie prime sul Lemano. I sindacati internazionali, IndustriALL Global Union e Wood Building Workers International (BWI), hanno inoltre deplorato il fatto che Vale non abbia imparato nulla dal passato.

Venerdì scorso, per un motivo ancora sconosciuto, la diga di scarti minerari dell'azienda Vale a Brumadinho, nello Stato del Minas Gerais, ha ceduto e circa 13 milioni di metri cubi di rifiuti hanno invaso la zona circostante. La polizia ha aperto un'inchiesta sul crollo della diga e un tribunale del Minas Gerais ha ordinato il blocco di un miliardo di reais (circa 265 milioni di dollari) nei conti della Vale, leader globale nella produzione ed esportazione di minerale di ferro, per «coprire le necessità più urgenti delle vittime». La stessa azienda è stata giudicata responsabile di un incidente simile avvenuto nel novembre del 2015 a Mariana, nello stesso Stato brasiliano, che è stato definito il più grave disastro ambientale nella storia del paese.

Vale era finita sotto i riflettori qualche anno fa anche in relazione ai generosi sgravi fiscali concessi all'azienda dal canton Vaud. Stabilitasi in Svizzera nel 2006, l'impresa ha beneficiato infatti di alleggerimenti fiscali previsti dal decreto Bonny a favore delle regioni economicamente deboli, abrogato nel 2007.

L'azienda godeva dell'esonero totale per l'imposta cantonale e comunale e di un esonero dell'80% dall'imposta federale diretta. In cambio, il gruppo si era impegnato a creare 35 posti di lavoro prima della fine del 2010, a costruire uno stabile e a collaborare con gli istituti di formazione universitari. Queste condizioni però non sono state soddisfatte e Vale ha dovuto pagare un supplemento d'imposta federale diretta di 212 milioni di franchi per il periodo 2006-2009.

5 mesi fa Diga crollata, cresce drammaticamente il numero delle vittime
5 mesi fa Diga crollata, cinque arresti
5 mesi fa Le possibilità di trovare superstiti sono ridotte al minimo
5 mesi fa Diga crollata: i morti accertati sono 58
5 mesi fa Diga crollata, i morti salgono a 34
5 mesi fa Crollo della diga, 9 morti e 300 dispersi
5 mesi fa Cede una diga, valanga di fango sommerge tutto
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
PERÙ / SVIZZERA
1 ora

Uccide la compagna trascinandola con l'auto, svizzero in manette

Alcune scene sono state registrate da una videocamera di sorveglianza

SVIZZERA / CROAZIA
1 ora

Due giovani sopravvivono al terribile incidente

Sono stati estratti dai soccorritori dall’auto in fiamme. Si stavano recando in Serbia in vacanza

SVIZZERA
4 ore

«Cani e gatti compromettono il clima»

Per molte persone gli animali domestici sono indispensabili. Ma possono causare grosse emissioni di CO2

ZURIGO
12 ore

L’attivista denuncia: «Mi hanno fatta spogliare senza motivo»

Gli ambientalisti avevano bloccato le entrate di Credit Suisse a Zurigo e UBS a Basilea

SONDAGGIO
SAN GALLO
14 ore

Allatta alla Migros: la sicurezza minaccia di bandirla dal supermercato

Disavventura che lascia l'amaro in bocca per una giovane mamma a Wil. Il gigante arancione: «Allattare è permesso, ci scusiamo»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile