Keystone
VAUD / BRASILE
30.01.19 - 15:280
Aggiornamento : 17:19

Protesta davanti ai responsabili della diga crollata

Una trentina di militanti hanno compiuto un'azione simbolica per denunciare le colpe della multinazionale Vale

SAINT-PREX - Una trentina di militanti ha manifestato oggi davanti alla sede della Vale a Saint-Prex (VD). La multinazionale brasiliana è responsabile della diga di Brumadinho, che è crollata venerdì scorso causando 84 morti e 286 dispersi.

L'azione simbolica serviva a denunciare le «disastrose conseguenze ecologiche e umane della sfrenata corsa al profitto che questa società sta conducendo», ha precisato Jean-Michel Dolivo, di Ensemble à Gauche. I dimostranti, che hanno esposto uno striscione macchiato di fango con la scritta ironica: «Grazie per aver scelto la Svizzera», hanno chiesto di «risarcire tutte le vittime e smettere di estrarre il ferro e di immagazzinare i fanghi in queste condizioni».

Alcuni di loro indossavano una maschera con l'effigie dei consiglieri di Stato vodesi Pascal Broulis e Pierre-Yves Maillard e del consigliere federale Ignazio Cassis, principali responsabili, ai loro occhi, della politica di sgravi fiscali che attira le multinazionali attive nel settore delle materie prime sul Lemano. I sindacati internazionali, IndustriALL Global Union e Wood Building Workers International (BWI), hanno inoltre deplorato il fatto che Vale non abbia imparato nulla dal passato.

Venerdì scorso, per un motivo ancora sconosciuto, la diga di scarti minerari dell'azienda Vale a Brumadinho, nello Stato del Minas Gerais, ha ceduto e circa 13 milioni di metri cubi di rifiuti hanno invaso la zona circostante. La polizia ha aperto un'inchiesta sul crollo della diga e un tribunale del Minas Gerais ha ordinato il blocco di un miliardo di reais (circa 265 milioni di dollari) nei conti della Vale, leader globale nella produzione ed esportazione di minerale di ferro, per «coprire le necessità più urgenti delle vittime». La stessa azienda è stata giudicata responsabile di un incidente simile avvenuto nel novembre del 2015 a Mariana, nello stesso Stato brasiliano, che è stato definito il più grave disastro ambientale nella storia del paese.

Vale era finita sotto i riflettori qualche anno fa anche in relazione ai generosi sgravi fiscali concessi all'azienda dal canton Vaud. Stabilitasi in Svizzera nel 2006, l'impresa ha beneficiato infatti di alleggerimenti fiscali previsti dal decreto Bonny a favore delle regioni economicamente deboli, abrogato nel 2007.

L'azienda godeva dell'esonero totale per l'imposta cantonale e comunale e di un esonero dell'80% dall'imposta federale diretta. In cambio, il gruppo si era impegnato a creare 35 posti di lavoro prima della fine del 2010, a costruire uno stabile e a collaborare con gli istituti di formazione universitari. Queste condizioni però non sono state soddisfatte e Vale ha dovuto pagare un supplemento d'imposta federale diretta di 212 milioni di franchi per il periodo 2006-2009.

TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
8 min
Hanno fatto saltare in aria un altro bancomat
Due malviventi incappucciati e vestiti di nero hanno colpito questa notte una banca di Schwarzenbach e poi sono fuggiti a piedi. È il secondo caso in meno di una settimana nel canton San Gallo
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera si muore di cancro e per malattie cardiovascolari
I decessi nel 2017 sono stati 66'971. La speranza di vita rimane di 81,4 anni per gli uomini e 85,4 per le donne
LUCERNA
13 ore
Esplosione a Wolhusen, «tutti sanno che ama armeggiare. Lo aveva già fatto»
La polizia di Lucerna sta indagando per capire come il 16enne vittima della deflagrazione si sia procurato sostanze esplosive
LUCERNA
14 ore
Abbandona l'auto fuori uso e scappa, lo ritrova il cane poliziotto Dodge
L'uomo è in stato di arresto. Guidava ubriaco e sotto l’effetto di droghe
GRIGIONI
17 ore
In auto sulla pista di sci di fondo, bloccato
Acciuffato un 18enne senza patente
GINEVRA
17 ore
In 2500 alla Coppa di Natale: sempre più partecipanti alla nuotata
L'81esima edizione ha registrato un incremento del 10% rispetto alla precedente
SVIZZERA
20 ore
Banche: malgrado i tassi negativi affari a gonfie vele nei crediti
Gli affari che dipendono dal differenziale degli interessi costituiscono oramai la maggior fonte di entrate del settore
OBVALDO
21 ore
Titlis, snowboarder provoca una valanga e rimane ferito
È stato elitrasportato in ospedale con la Rega
LUCERNA
23 ore
Esplosione nell'appartamento, rinvenuti diversi oggetti pirotecnici
Il fatto è avvenuto nel primo pomeriggio di sabato a Wolhusen
SVIZZERA
1 gior
I regali di Natale sono «poco importanti» per gli svizzeri
Solo il 3% della popolazione tra 16 e 74 anni li attende con impazienza. E uno svizzero su 10 pensa che vadano soppressi
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile