Keystone
ARGOVIA
25.01.19 - 13:360

Beznau, garantita la resistenza ai terremoti

Lo ha stabilito il Tribunale amministrativo federale, che ha dato ragione all'Ispettorato federale della sicurezza nucleare

BEZNAU - La resistenza a eventuali terremoti della centrale atomica di Beznau (AG) è garantita. Lo ha stabilito il Tribunale amministrativo federale (TAF), dando ragione all'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN) e respingendo il ricorso di 15 privati.

Dopo la catastrofe di Fukushima del 2011, l'IFSN aveva chiesto ad Axpo, il gestore dell'impianto, di fornire prove in merito alla sicurezza di Beznau in caso di sisma. La società doveva dimostrare che l'esposizione alle radiazioni nei dintorni dei reattori, in caso di una scossa che si verifica ogni 10'000 anni, non superasse la dose di 100 millisievert.

L'organo aveva ritenuto soddisfacenti le risposte ricevute da Axpo, ma 15 cittadini, che vivono nei pressi della centrale, si erano opposti, rivolgendosi al TAF. Secondo loro, l'esposizione massima non avrebbe dovuto superare la quota di 1 millisievert. Esigevano inoltre l'immediata chiusura di Beznau.

I giudici sangallesi non hanno però accolto questo ricorso. In una sentenza divulgata oggi, essi concludono che il valore limite di 100 millisievert si basa su prescrizioni legali ed è quindi legittimo. L'IFSN non è tenuto a prendere in conto terremoti ancora più rari e violenti.

Axpo ha manifestato soddisfazione, in quanto - si legge in una presa di posizione - il TAF ha "respinto le affermazioni degli oppositori nella loro totalità e ha confermato la validità delle norme applicate finora". L'associazione di sostegno ai residenti di Beznau ha invece deplorato il fatto che la giustizia elvetica "non abbia preso in considerazione l'eventualità di scosse più potenti".

La sentenza può ancora essere oggetto di ricorso al Tribunale federale (TF): l'associazione prenderà la propria decisione in merito dopo un'analisi approfondita delle motivazioni del TAF.

TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
4 ore

L'aggressore 23enne affronta la Polizia. La vittima: «Non vedo più da un occhio»

Il 21 settembre aveva letteralmente spaccato la faccia a un 33enne incontrato in stazione. La polizia, quindi, aveva diffuso le immagini della video sorveglianza

VALLESE
6 ore

Chamoson, l'auto trovata nel Rodano è quella della tragedia

I cadaveri dei due dispersi non sono stati per contro ritrovati nell'abitacolo

SVIZZERA / SPAGNA
8 ore

Gli indipendentisti catalani in Svizzera: «Viste da qui, queste sentenze sono inconcepibili»

Per la sezione elvetica dell'Assemblea Nacional Catalana, le condanne di oggi sono «uno scandalo nell'Europa democratica»

GINEVRA
9 ore

A processo il vicepresidente di Exit Romandia: «Ha aiutato un'86enne a morire»

I fatti risalgono all'aprile del 2017: la donna, in buona salute, aveva chiesto di poter lasciare questo mondo insieme al marito gravemente malato

FOTO
ZURIGO
11 ore

Ruba l'auto, forza il posto di blocco e investe una poliziotta

Un'agente di 39 anni è rimasta ferita gravemente. Il conducente, un cittadino svizzero, è stato fermato e arrestato

FOTO
BASILEA CITTÀ
12 ore

Bus frena bruscamente per evitare una bicicletta, sette feriti

Diversi passeggeri sono caduti a terra a causa della frenata d'emergenza del mezzo. Il ciclista non si è fermato sul luogo dell'incidente. La polizia cerca testimoni

LOSANNA
12 ore

Il Politecnico di Losanna rinuncia al concorso di Elon Musk

I ricercatori intendono concentrarsi sull'aspetto ecologico di questo tipo di trasporto del futuro

VIDEO
ZURIGO
13 ore

Un'enorme pozza di sangue sul tram, è mistero sulle cause

La vicenda è avvenuta attorno alla mezzanotte di domenica sul tram numero 2 della città di Zurigo. La compagnia di trasporti: «Oltre 2000 orme insanguinate». La polizia: «Stiamo indagando»

ZURIGO
15 ore

I costi della salute crescono? Ha la febbre e chiama l’ambulanza

L'uomo, che aveva 37,8, ha aspettato i soccorritori sulla porta di casa ed è subito montato sul mezzo di soccorso. «Ho preso una pastiglia, ma la temperatura non scendeva»

GRIGIONI
16 ore

Precipita per 200 metri sotto gli occhi del marito

La vittima è una 52enne che stava scalando la cima del Piz Arlos, sopra Savognin

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile