Keystone
SVIZZERA
18.01.19 - 10:580

Con lo smartphone non c'è più confine fra lavoro e tempo libero

Gli svizzeri mischiano sempre più il lavoro e il privato, svolgono cioè compiti professionali nel loro tempo libero e viceversa

ZURIGO - Gli svizzeri mischiano sempre più il lavoro e il privato, svolgono cioè compiti professionali nel loro tempo libero e viceversa. E lo fanno sempre più con lo smartphone. È quanto mostra uno studio della società di consulenza Deloitte, pubblicato oggi.

Il 68% di 1'000 persone intervistate in Svizzera (su oltre 54'000 interpellate in 35 paesi) dalla società svolge un'attività lavorativa nel tempo libero usando lo smartphone, il 29% lo fa spesso o addirittura molto spesso. Allo stesso tempo - emerge dall'indagine - l'84% utilizza il cellulare anche per scopi privati durante l'orario di lavoro.

Il sondaggio consente di distinguere quattro diversi comportamenti. La maggior parte delle persone attive professionalmente in Svizzera (62%) alterna i compiti professionali e il privato con i loro cellulari. Sono soprattutto gli uomini (58%) a farlo.

Un gruppo che raggiunge il 23% (per lo più donne) ammette di dedicare tempo di lavoro a questioni private, frequentando - per lo più occasionalmente ma per un terzo anche spesso o molto spesso - il proprio profilo sui social media o scambiando messaggi privati. Ma questo gruppo non rinuncia mai al tempo libero per per dedicarsi a compiti di lavoro.

Sul fronte opposto, solo il 6% usa il proprio smartphone per lavorare nel tempo libero ma non fa mai cose private durante l'orario di lavoro.

A mantenere una distinzione netta, come era un tempo, tra lavoro e tempo libero rimane soltanto un 10% delle persone. La maggior parte di questo gruppo è costituito da donne (61%) e si tratta di persone piuttosto anziane.

Le mansioni aziendali più importanti svolte durante il tempo libero sono e-mail (48%), telefono (44%), agenda (36%) e messaggi istantanei (35%). Uno scarso 10% degli intervistati utilizza il proprio smartphone per gestire processi amministrativi come la registrazione delle spese, la pianificazione degli incarichi di lavoro, la fatturazione oraria o la gestione di progetti.

Lo smartphone sta diventando sempre più uno strumento di controllo e organizzazione per la vita privata come per il lavoro, scrive Deloitte. In Svizzera a possederne uno è oramai il 92% e il 97% di loro lo usa quotidianamente, anche per lavoro. In futuro diventerà uno strumento di lavoro molto prezioso, consentendo di gestire i processi in modo mobile, di elaborare direttamente i dati raccolti e di trasmetterli a chi di dovere.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore

Farmaci acquistati all'estero, una mozione invoca il rimborso

Attualmente le casse malati non coprono i costi dei medicinali acquistati all'estero. Secondo il sorvegliante dei prezzi, ciò dovrebbe cambiare.

VAUD
10 ore

Misteriosa morte durante un viaggio fotografico

Un sessantenne ha perso la vita a giugno, durante una fermata del treno alla stazione Exergillod, nel Canton Vaud

GINEVRA
14 ore

Il pilota è depresso, easyJet lo sospende

Ha mandato dei pensieri allarmanti in una chat su WhatsApp e qualcuno lo ha segnalato. «Seguiremo le procedure previste in questi casi»

VAUD
16 ore

Beccato con 350 chili di funghi nel furgone

Il conducente, arrestato il 10 agosto da una pattuglia mobile dell'Amministrazione federale delle dogane, stava guidando anche senza la patente

SCIAFFUSA
18 ore

Guidava il bus da 4 settimane (quasi) senza pause

L'autista è stato fermato dalla polizia. Sull'arco di 28 giorni si è preso solo due volte 24 ore di pausa

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile