Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
17.01.19 - 07:430

È record di donatori, ma 1400 pazienti sono ancora in attesa

La quota a fine 2018 era pari a 158, il 10% in più rispetto all’anno precedente

BERNA - Con i suoi 158 donatori di organi post mortem, il numero di donatori alla fine dello scorso anno è cresciuto del 10% rispetto al 2017. Un record, quello registrato da Swisstransplant, composto da 126 donatori deceduti per morte cerebrale e da 32 donatori deceduti per morte cerebrale dopo un arresto cardiocircolatorio. Cifre che corrispondono a 18,6 donatori per milione di abitanti.

Lunga lista d’attesa - Sempre alla fine del 2018, erano 1412 i pazienti in lista d’attesa per ricevere una donazione. Una cifra inferiore rispetto all’anno precedente, ma superiore a quella relativa al triennio 2013-2015.

«Un familiare su due non sa» - Durante gli ultimi dodici mesi, sono 68 le persone decedute in attesa di un organo. Le principali ragioni per cui non vengono eseguite donazioni continuano ad essere la mancata espressione di volontà e la mancata conoscenza della volontà della persona deceduta.

«Nonostante il miglioramento dei processi nel settore della donazione di organi, il 50 per cento dei familiari non conosce la volontà della persona deceduta», ha sottolineato Franz Immer, direttore della fondazione. «Ciò fa sì che oltre il 60 per cento dei colloqui con i familiari termini con il rifiuto di una donazione di organi».

Un registro nazionale - Per semplificare la documentazione relativa alla decisione riguardante la donazione di organi, nell’ottobre 2018 Swisstransplant ha lanciato il Registro nazionale di donazione di organi, un’alternativa elettronica alla tessera di donatore. A fine dicembre nel Registro nazionale di donazione di organi si erano già iscritte oltre 44’000 persone. E proprio in quel mese, per la prima volta, è stato possibile considerare quale donatrice di organi una persona deceduta in base alla sua iscrizione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
7 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
8 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
10 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
11 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
11 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
12 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
12 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
22 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
23 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile