SVIZZERA
15.01.19 - 12:090

I giovani Verdi liberali contro la RFFA: «Si scontra con la nostra democrazia»

La Legge federale sulla riforma fiscale e sul finanziamento dell’AVS è considerata «un passo indietro» poiché «unisce due oggetti distinti già bocciati in passato»

BERNA - La Legge federale sulla riforma fiscale e sul finanziamento dell’AVS (RFFA) è un progetto che si scontra con la democrazia svizzera poiché unisce due oggetti distinti, già bocciati in passato, e rappresenta un passo indietro per la riforma dell'AVS. È quanto ritengono i Giovani Verdi liberali, assieme ai comitati borghesi che fanno campagna con loro.

Il Progetto fiscale 17 (PF17) è migliore della Riforma III dell'imposizione delle imprese - bocciata dal popolo - e si sarebbe potuto facilmente presentare alla popolazione singolarmente, è quanto affermato oggi a Berna dal co-presidente dei Giovani Verdi liberali e del comitato borghese denominato "NEIN zum Kuhhandel" Tobias Vögeli.

Secondo quest'ultimo la RFFA - normativa contro la quale è stato lanciato il referendum e sulla quale il popolo dovrà pronunciarsi, probabilmente in maggio - rende più difficili future riforme a spese delle generazioni a venire.

«Anche noi riteniamo sia necessaria una riforma fiscale, ma non a spese della democrazia, della nostra previdenza per la vecchiaia e delle piccole medie imprese», ha aggiunto Vögeli. «Ci impegniamo per un freno automatico dell'indebitamento, nessun pensionamento obbligatorio e automatico, una riduzione dell'imposizione del reddito di persone in età pensionabile, e la depoliticizzazione del tasso di conversione», ha precisato.

I Giovani Verdi liberali e il comitato "Generationenkomitee" che li rappresenta (finora ha raccolto 2'000 firme a sostegno del referendum contro la RFFA) si batteranno contro il progetto con «la più grande campagna di votazione da noi mai fatta».

Vogliamo soluzioni sostenibili ai problemi concreti posti dalla riforma fiscale delle imprese e dal finanziamento delle pensioni, ha ribadito Marc Wuarin dei Giovani Verdi liberali. La RFFA distrugge l'equilibrata riforma fiscale 17: la diminuzione delle entrate non può essere compensata da spese supplementari.

Il progetto impedisce riforme strutturali dell'AVS semplicemente facendo fluire denaro alla cieca, ha affermato dal canto suo Nicolas Rimoldi, vicepresidente dei Giovani PLR del canton Lucerna e co-presidente del comitato referendario borghese "Nein zur STAF", che ha raccolto 5'000 firme. Il testo aumenta i contributi AVS, gravando sui dipendenti e le PMI.

Camille Lothe, co-presidente del comitato "Nein zur STAF" e presidente dei giovani UDC del Canton Zurigo, ha parlato di uno «zuccherino avvelenato». Per una vittoria il 19 maggio, non basteranno i voti dagli ambienti della sinistra, saranno necessari anche i voti borghesi, ha detto Lothe.

Il pacchetto sarà verosimilmente sottoposto in votazione popolare il 19 maggio. Secondo dichiarazioni odierne, i diversi comitati contrari hanno raccolto un numero sufficiente di firme e intendono depositarle giovedì. La maggior parte delle adesioni sono state racimolate dal campo rosso-verde.

Il progetto fiscale è un compromesso elaborato da un'alleanza tra PLR, PPD e PS in Parlamento. Esso risponde al Progetto fiscale 17 del Consiglio federale, che doveva sostituire Riforma III dell'imposizione delle imprese, respinta dal popolo nel febbraio 2017.

I delegati del PLR hanno dato il loro sostegno al compromesso con 296 voti contro 4. Dal PS ha ottenuto 148 voti favorevoli contro 68 contrari e 5 astensioni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
1 ora
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
4 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
5 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
7 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
8 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
8 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
9 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
10 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
12 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
13 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile