GINEVRA
14.01.19 - 18:330

«Ho rischiato di perdere il dito», e ora chiede i danni a Swiss

Un uomo sostiene di essere stato morso da un ragno a bordo di un volo tra Ginevra e New York. La compagnia però non vuole saperne

GINEVRA - Una fifa blu, tre giorni in ospedale e una fattura da 53mila dollari. Un soggiorno da incubo quello trascorso negli Stati Uniti lo scorso settembre da un ginevrino. Morso ad un dito da un ragno, l’uomo ha infatti rischiato l’amputazione, evitandola solo grazie ad una massiccia terapia a base di antibiotici. Uno spavento al quale si somma però la rabbia: l’aracnide lo avrebbe infatti preso di mira sul volo tra Ginevra e New York. Swiss però non vuole sentire ragioni.

Secondo la compagnia, in caso di infortunio durante un volo i passeggeri devono subito segnalarlo al personale presente in cabina, affinché venga stilato un rapporto. «Non essendoci alcun rapporto e quindi nessuna prova che il ragno si trovasse effettivamente a bordo», Swiss non prevede alcun risarcimento, come sottolineato dal portavoce Meike Fuhlrott. Una situazione «assurda» secondo il ginevrino, che racconta come quando ha lasciato l’aereo aveva «solamente male al dito» senza però conoscerne la ragione. Motivo per cui non ha avvisato il personale: «Sarebbe stato ridicolo».

Solo una volta in ospedale l’uomo ha scoperto di essere stato morso da un ragno e ha quindi deciso di scrivere alla compagnia, segnalando il caso al personale in cabina in occasione del volo di ritorno, cinque giorni dopo l’incidente. «Ho avvisato per metterli in guardia, per gli altri passeggeri».

La risposta è arrivata solamente nel mese di novembre. Swiss ha assicurato di non aver rinvenuto alcun aracnide all’interno del velivolo, sottolineando inoltre come «di recente non si siano verificati casi simili». Il ginevrino però non ci sta e promette di passare all'attacco: «Se fossero stati più flessibili non avrei fatto nulla. Ma non si sono nemmeno scusati. E ora voglio che si facciano carico delle mie spese».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
15 ore
«Questo virus non scomparirà più dalla nostra vita»
Gli esperti hanno evidenziato strategie e obiettivi della tracciabilità del virus. Obiettivo: Scoprire ogni singolo caso
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: 10 nuovi casi e un decesso in Svizzera
Il numero di contagi in Svizzera dall'inizio dell'emergenza sale a 30'746
FOTO
SVIZZERA
17 ore
Una promozione felina nell'esercito
Lili ha meritato le mostrine «per il suo efficiente servizio in favore della truppa».
SVIZZERA
19 ore
Gli averi a vista della BNS continuano a salire, ed è record storico
Ed è la 19esima volta di fila per il valore più elevato mai raggiunto, e non è detto che sia una cosa positiva
VAUD
19 ore
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
19 ore
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
21 ore
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
22 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
22 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
23 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile