Depositphotos
SVIZZERA
09.01.19 - 23:000

Il "cavallo di Troia" acquistato dal Governo costerà più del previsto

Secondo un'analisi del Controllo federale delle finanze oltre alle spese sono da prevedere pure minori performance

BERNA - L'acquisto da parte della Confederazione del programma per la sorveglianza delle telecomunicazioni "GovWare", un cosiddetto cavallo di Troia informatico, costerà più del previsto. È quanto emerge da un'analisi condotta dal Controllo federale delle finanze (CDF). In un rapporto pubblicato oggi, quest'ultimo sostiene che sono da prevedere spese maggiori o minori performance.

Il software dovrebbe consentire di rimanere al passo con l'evoluzione tecnologica e con la nuova legge in materia. Quest'ultima permette infatti alle autorità giudiziarie di introdurre clandestinamente dei trojan nei computer per ascoltare per esempio conversazioni su Skype. Ciò è ammesso unicamente nell'ambito di un procedimento penale e solo in caso di reati gravi.

I programmi informatici necessari a tale scopo sono costosi, sottolinea il CDF. Già la scorsa primavera è risultato evidente che l'acquisto di GovWare sarebbe costato più di quanto preventivato (111,7 milioni entro il 2021) e non vi sarebbero stati fondi sufficienti per la sua attuazione nella maniera prevista.

Secondo il CDF, i costi operativi del monitoraggio delle telecomunicazioni possono essere stimati solo approssimativamente. Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) prevede un aumento delle spese di gestione del servizio di sorveglianza da 10 milioni di franchi a circa 30 milioni di franchi. La questione del finanziamento di questi fondi aggiuntivi non è però stata ancora risolta.

Comunicazione esercito - Il CFF ha esaminato anche il previsto Sistema di comunicazione vocale dell'esercito (VSdA) con il quale il Dipartimento federale della difesa (DDPS) intende favorire la capacità di condotta in ogni situazione. Il progetto - che dovrebbe sostituire l'attuale rete di telecomunicazione automatica (AF) - è stato avviato nel 2010 e nel 2015 i requisiti sono stati ridotti all'essenziale.

Il CDF non è stato in grado di identificare chiaramente i responsabili dell'esercizio della rete AF, benché sia in uso dal 1995. Raccomanda pertanto una riflessione a tutto campo su prestazioni, capacità e tecnologie riguardanti la "conduzione in situazioni straordinarie".

Dogane - Il CDF ha infine esaminato il progetto informatico DaziT, che dovrebbe consentire all'Amministrazione federale delle dogane (AFD) di digitalizzare tutti le procedure chiave entro il 2026. L'organizzazione e la governance di questo programma è sovradimensionata, secondo il CDF.

Il programma deve fornire i presupposti, attualmente mancanti, affinché il Consiglio federale possa verificare i progressi e l'impiego delle risorse in maniera affidabile, sottolinea il CDF, raccomandando all'AFD di creare al più presto le basi necessarie per un controllo esauriente e duraturo di questi due aspetti.

Commenti
 
seo56 11 mesi fa su tio
La Confederazione spende milioni per sofisticati programmi di intercettazioni e poi non hanno personale (PGF e MPC) in grado di gestire un’inchiesta di ladri di polli. Vedi mega inchieste e susseguenti risultati (sentenze).....
SosPettOso 11 mesi fa su tio
Sembra quasi che quando uno accede ad un importante funzione in campo informatico in quel di Berna, gli venga formattato il cervello... Ci fosse almeno un progetto informatico della confederazione che non si trasforma in fregatura!
lo spiaggiato 11 mesi fa su tio
Ma funziona su Linux?...
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
56 min
I Verdi «erano e rimangono pronti»
La candidata Regula Rytz ha reagito con toni battaglieri alla sconfitta di questa mattina, tracciando la via per il prossimo quadriennio: «Servirà un segnale ancora più forte»
FOTO
LUCERNA
4 ore
Beccate tre "auto-igloo"
La visibilità dai vetri dei veicoli era chiaramente insufficiente per circolare: «Prendetevi il vostro tempo. La sicurezza è fondamentale»
STATI UNITI
4 ore
UBS accusata di truffa: a giudizio negli USA
Il Dipartimento di giustizia accusa la maggiore banca svizzera di aver causato agli investitori perdite "catastrofiche" con crediti ipotecari residenziali
SVIZZERA
5 ore
Nessuna sorpresa, Cassis rimane al suo posto
Il consigliere federale ticinese è stato rieletto con 145 voti. Alla presidente dei Verdi Regula Rytz non è riuscita la scalata al Governo
SAN GALLO
5 ore
Pedone investito da un automobilista: erano entrambi ubriachi
L'incidente è avvenuto ieri sera a Oberhelfenschwil. Un 66enne è finito in ospedale
SVIZZERA
6 ore
Il Consiglio federale ha prestato giuramento
L’Assemblea federale ha riconfermato tutti i consiglieri uscenti. Sommaruga eletta presidente per il 2020. Tutte le cifre delle votazioni nel nostro live
SVIZZERA
8 ore
Ignazio Cassis resterà in Consiglio federale?
Il Parlamento procederà stamattina con l'elezione del Governo. La poltrona del ticinese è presa di mira dalla presidente dei Verdi Regula Rytz, che però difficilmente avrà i numeri per scalzarlo
FOTO
BASILEA
9 ore
«Nel mio panino alle noci c'era un dente»
L'incredibile ritrovamento di una signora basilese che ha decisamente perso l'appetito, e si indaga su come sia potuto succedere
GLARONA
19 ore
In 54 sul pullman e il conducente ha il 3 per mille
Un vero e proprio incubo quello vissuto da una comitiva di turisti cinesi, domani processeranno il conducente (ma lui non ci sarà)
BERNA
21 ore
Parla il nuovo Mister FFS: «Il Ticino vittima del suo successo»
Vincent Ducrot, nuovo CEO delle FFS: «Sono un ferroviere, ascolterò i desideri dei dipendenti». Guadagnerà il 20% in meno del suo predecessore: «Non fa niente». E sul Ticino: «Treni pieni? Parliamone»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile