Keystone
SVIZZERA
08.01.19 - 13:570

Nel 2018 scomparse 107 armi dell'esercito

Negli ultimi anni i militi svizzeri sembrano aver perso interesse a tenere le proprie armi a casa al termine del servizio militare obbligatorio

BERNA - Nel 2018 in Svizzera sono andate perse 107 armi dell'esercito, molte di più rispetto all'anno precedente. In flessione risulta invece il numero di armi tenute dai militi al termine del servizio militare.

Nel 2017 erano scomparsi 85 fucili d'assalto e pistole, ha indicato oggi il Dipartimento Federale della difesa, protezione della popolazione e dello sport (DDPS) confermando un rapporto del "Blick". Un anno prima erano andate perse 69 armi.

Dal 2009 sono scomparse complessivamente 766 armi. Lo scorso anno ne sono state ritrovate 36, di cui tre fucili d'assalto all'estero.

Secondo il portavoce dell'esercito Stefan Hofer, ci sono molte ragioni per la perdita di armi. Ad esempio, vengono rubate in furti con scasso o durante gli spostamenti oppure vanno distrutte in incendi. Ma anche durante il servizio militare può capitare che cadano in acqua e scompaiano senza lasciare traccia, ad esempio guadando fiumi.

Le armi perse si contano in per mille, non in percento. L'esercito si impegna comunque perché questo non accada. I militi in servizio vengono regolarmente resi attenti del loro dovere di custodire in modo sicuro questi oggetti. Inoltre, dal 2017 nel libretto di servizio vi è anche un volantino su come prevenirne la perdita.

Hofer indica che qualsiasi scomparsa di un'arma, privata o dell'esercito, va immediatamente segnalata alla polizia.

Meno interessati a tenere l'arma - Negli ultimi anni i militi svizzeri sembrano aver perso interesse a tenere le proprie armi a casa al termine del servizio militare obbligatorio. Secondo il DDPS, nel 2017 sono 2513 le armi diventate di proprietà privata, tra cui 1523 fucili d'assalto e 990 pistole. Il 90% dei congedati non le ha invece volute.

Nel 2004, quando l'introduzione della legge Esercito XXI ha portato una significativa riduzione degli stock degli arsenali, il 43% dei militi congedati aveva preso in consegna la propria arma. Allora furono 31'915 a passare in mani private, di cui 20'109 fucili d'assalto e 11'806 pistole. Dal 2004 sono sono state consegnate complessivamente oltre 106'000 armi al termine del servizio.

Il declino dell'interesse è probabilmente legato anche all'inasprimento delle regole entrato in vigore nel 2010. In caso d'adozione delle direttive europee, questi requisiti potrebbero essere ancora ulteriormente rafforzati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
shooter01 1 anno fa su tio
notizia tendenziosa. Io e tantissimi militi ed ex militi che conosco lo conservano tranquillamente a casa. Ma tutto fa brodo pur di inginocchiarsi alle direttive del padrone
Galium 1 anno fa su tio
Speriamo che le direttive europee entrino presto in vigore. In ogni caso l'esercito fornisce l'ennesima prova di inefficienza. Un costo abnorme e, nell'attuale contesto internazionale, assolutamente inutile.
seo56 1 anno fa su tio
Qui doppia aquila ci cova!!
Thor61 1 anno fa su tio
@seo56 Non solo quelle, suppongo. ;o)))
francox 1 anno fa su tio
certo che guadare un fiume, perdere il fucile d'assalto e poi non ritrovarlo fa un po' ridere...
Bandito976 1 anno fa su tio
In caso di adozione alle direttive europee si indebolirá ulteriormente il paese
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CAPO VERDE
12 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
12 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
SVIZZERA
17 ore
Migros richiama i suoi "Tondelli di riso integrale"
È stata riscontrata la presenza di latte. Chi non è allergico può consumarli senza problemi.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: contagi stabili in Svizzera
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'798, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
18 ore
Temporali e forti venti a nord delle Alpi
Tanta pioggia e grandine nella notte: particolarmente colpito il canton Svitto.
GRIGIONI
19 ore
Bimbo positivo, diciotto in quarantena
Il piccolo stava frequentando un campo di vacanza diurno a Zuoz.
SVIZZERA
20 ore
Credit Suisse, risolta la controversia americana
La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.
ZURIGO
20 ore
Altro superspreader in discoteca
Diverse persone che hanno trascorso la notte del 27 giugno al Club Jade si sono successivamente ammalate di coronavirus.
SVIZZERA
22 ore
Democrazia digitale: Amnesty & Co. fanno chiarezza su SwissCovid
Diverse ONG hanno unito le forze per informare sul contact tracing attraverso un portale online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile