Keystone
SVIZZERA
08.01.19 - 13:570

Nel 2018 scomparse 107 armi dell'esercito

Negli ultimi anni i militi svizzeri sembrano aver perso interesse a tenere le proprie armi a casa al termine del servizio militare obbligatorio

BERNA - Nel 2018 in Svizzera sono andate perse 107 armi dell'esercito, molte di più rispetto all'anno precedente. In flessione risulta invece il numero di armi tenute dai militi al termine del servizio militare.

Nel 2017 erano scomparsi 85 fucili d'assalto e pistole, ha indicato oggi il Dipartimento Federale della difesa, protezione della popolazione e dello sport (DDPS) confermando un rapporto del "Blick". Un anno prima erano andate perse 69 armi.

Dal 2009 sono scomparse complessivamente 766 armi. Lo scorso anno ne sono state ritrovate 36, di cui tre fucili d'assalto all'estero.

Secondo il portavoce dell'esercito Stefan Hofer, ci sono molte ragioni per la perdita di armi. Ad esempio, vengono rubate in furti con scasso o durante gli spostamenti oppure vanno distrutte in incendi. Ma anche durante il servizio militare può capitare che cadano in acqua e scompaiano senza lasciare traccia, ad esempio guadando fiumi.

Le armi perse si contano in per mille, non in percento. L'esercito si impegna comunque perché questo non accada. I militi in servizio vengono regolarmente resi attenti del loro dovere di custodire in modo sicuro questi oggetti. Inoltre, dal 2017 nel libretto di servizio vi è anche un volantino su come prevenirne la perdita.

Hofer indica che qualsiasi scomparsa di un'arma, privata o dell'esercito, va immediatamente segnalata alla polizia.

Meno interessati a tenere l'arma - Negli ultimi anni i militi svizzeri sembrano aver perso interesse a tenere le proprie armi a casa al termine del servizio militare obbligatorio. Secondo il DDPS, nel 2017 sono 2513 le armi diventate di proprietà privata, tra cui 1523 fucili d'assalto e 990 pistole. Il 90% dei congedati non le ha invece volute.

Nel 2004, quando l'introduzione della legge Esercito XXI ha portato una significativa riduzione degli stock degli arsenali, il 43% dei militi congedati aveva preso in consegna la propria arma. Allora furono 31'915 a passare in mani private, di cui 20'109 fucili d'assalto e 11'806 pistole. Dal 2004 sono sono state consegnate complessivamente oltre 106'000 armi al termine del servizio.

Il declino dell'interesse è probabilmente legato anche all'inasprimento delle regole entrato in vigore nel 2010. In caso d'adozione delle direttive europee, questi requisiti potrebbero essere ancora ulteriormente rafforzati.

Commenti
 
shooter01 8 mesi fa su tio
notizia tendenziosa. Io e tantissimi militi ed ex militi che conosco lo conservano tranquillamente a casa. Ma tutto fa brodo pur di inginocchiarsi alle direttive del padrone
Galium 8 mesi fa su tio
Speriamo che le direttive europee entrino presto in vigore. In ogni caso l'esercito fornisce l'ennesima prova di inefficienza. Un costo abnorme e, nell'attuale contesto internazionale, assolutamente inutile.
seo56 8 mesi fa su tio
Qui doppia aquila ci cova!!
Thor61 8 mesi fa su tio
@seo56 Non solo quelle, suppongo. ;o)))
francox 8 mesi fa su tio
certo che guadare un fiume, perdere il fucile d'assalto e poi non ritrovarlo fa un po' ridere...
Bandito976 8 mesi fa su tio
In caso di adozione alle direttive europee si indebolirá ulteriormente il paese
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore

17enne investita dal treno: «Veniva ogni giorno a comprare un panino»

La ragazza è stata operata e la sua vita non è in pericolo. L'inchiesta dovrà chiarire perché l'adolescente si trovasse sui binari

VAUD
11 ore

Tenta di salvare il suo cane, ma muore affogato

Il corpo è stato ripescato dopo un'ora di ricerche. L'animale è stato tratto in salvo

ZURIGO
11 ore

Kühne: «Un bene spostarci in Svizzera, ma non so se lo rifaremmo»

Secondo il grande azionista e presidente onorario di Kühne+Nagel, il modello basato sulla libera circolazione potrebbe avere vita breve

SVIZZERA
13 ore

Asilo, i rifugiati arrivati nel 2015 costeranno un miliardo di franchi ai comuni

Per alcuni di essi questo comporta un aumento della spesa sociale e si rischia di dover aumentare le imposte

SONDAGGIO
SVIZZERA
14 ore

«I prodotti di Wish sono pericolosi»

Lo sostiene il Forum dei consumatori sulla base di test effettuati su diversi articoli. Si rileva anche la presenza di sostanze cancerogene

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile