Admin
SVIZZERA
04.01.19 - 17:400
Aggiornamento : 21:49

Scoppia la polemica sulla foto del Consiglio federale

La scelta di far scattare l'immagine ufficiale del 2019 da sette mediamatici con uno smartphone è stata pesantemente criticata dai fotografi professionisti

BERNA - La fotografia ufficiale del Consiglio federale per il 2019 è andata di traverso ai fotografi professionisti: il ricorso ad apprendisti del settore dei media per realizzare il ritratto corrisponde a una svalutazione di un'intera professione e della relativa formazione, scrivono oggi i Fotogiornalisti svizzeri - impressum. Il portavoce del governo, André Simonazzi, respinge le critiche.

Nel comunicato che accompagnava l'immagine, il Consiglio federale non ha nascosto il suo entusiasmo. «Sono orgoglioso di loro», ha affermato, citato nella nota, il presidente della Confederazione Ueli Maurer, riferendosi ai sette apprendisti dell'Ufficio federale dell'informatica e della telecomunicazione (UFIT) che hanno scattato la foto con uno smartphone, rispettando così l'unica condizione posta per la realizzazione del ritratto.

Per i fotografi, questo «orgoglio» è inappropriato. Oggi su Facebook indicano che avrebbero «apprezzato se fossero stati apprendisti fotografi (attestato federale di capacità con quattro anni di formazione) a realizzare l'immagine e che questi fossero rimunerati per il loro lavoro». A loro avviso, l'immagine «dà l'impressione che una foto possa essere realizzata con un semplice clic di smartphone e che questa attività non meriti di essere valorizzata».

Il portavoce del Consiglio federale ha già indicato alla stampa che Maurer ha più volte elogiato il lavoro degli apprendisti mediamatici e che intende esprimere la sua riconoscenza con un pasto e un souvenir.

Contattato da Keystone-ATS, Luca Delachaux, presidente dell'Unione svizzera dei fotografi professionisti (USPP), ha dichiarato di sostenere pienamente il messaggio della sezione dell'associazione professionale dei giornalisti impressum. «Lo Stato deve essere esemplare nel rispetto delle professioni», ha aggiunto.

Simonazzi ha respinto le critiche. «Sia lo svolgimento del progetto che i risultati ottenuti dai giovani dimostrano che per una volta è stato giudizioso tentare un altro approccio, senza che questo debba essere considerato come una presa di posizione sulla professione di fotografo».

Il portavoce ha aggiunto che apprendisti fotografi hanno potuto realizzare l'immagine del governo nel 2006. Inoltre, fino ad oggi, la fotografia del Consiglio federale «è sempre stata realizzata da fotografi o studenti di fotografia».

Simonazzi contesta inoltre qualsiasi "velleità di risparmio o di lavoro a prezzo scontato". «Gli apprendisti non sono stati pagati direttamente per scattare la fotografia», ma sono rimunerati nell'ambito della loro formazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
moma 1 anno fa su tio
Ci sono tutti dentro, di destra e di sinistra, perciò non è lo xenofobo o razzista di turno. Provocazione per stanare qualcuno.
LAMIA 1 anno fa su tio
Ma vi rendete conto di che problemi grassi si discute?
ratpics 1 anno fa su tio
Se la politica vien fatta da dei non-politici non vedo il problema a far fare una foto a dei non-fotografi.. :-)
Equalizer 1 anno fa su tio
Si vede che anche i fotografi svizzeri sono alla canna del gas....
Meck1970 1 anno fa su tio
Questo vuol dire che non bisogna sempre essere dei super laureati per fare una professione. Bisogna avere passione, volontà, e la voglia di far bene. Come tanti tanti anni fa.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Mi sa che dobbiamo proprio entrare nella UE... :-)))
roma 1 anno fa su tio
...è un "non problema"... l'AVS è un problema, chi ci vuole svendere all'UE è un problema, ecc. ecc.
sedelin 1 anno fa su tio
appena ho visto la foto, nell'articolo precedente, ho pensato la stessa cosa: siamo ridotti male se il consiglio federale si fa fotografare con un misero telefonino. però é anche vero che é un non-problema.
Galium 1 anno fa su tio
Una notizia che non andava nemmeno pubblicata
seo56 1 anno fa su tio
Ecco i veri problemi degli svizzeri.... facciamo pena!!
limortaccituoi 1 anno fa su tio
@seo56 Parla per te.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
APPENZELLO INTERNO
1 ora
Lascia la pentola sul fornello, poi esce di casa
È successo in Appenzello Interno a un 80enne, a sventare l'incendio il provvido intervento dei vicini di casa
SVIZZERA
1 ora
Bonus Covid: «scioccante e umiliante» per i cassieri
Per i loro sforzi durante la pandemia, il personale di Aligro ha ricevuto buoni ristorante, a condizioni rigorose.
SVIZZERA
2 ore
Presenza di listerie nel formaggio alle erbe di Gstaad
L'allarme arriva dalla cooperativa casearia che lo produce, il consumo può rappresentare un rischio per la salute
SVIZZERA
3 ore
È boom di biciclette
Le persone le usano non solo per divertimento, ma anche per gli spostamenti di lavoro
GIURA / VAUD
4 ore
La mascherina diventa obbligatoria anche nei negozi
Giro di vite in due cantoni romandi per frenare i contagi. Nel resto della Svizzera locali notturni "osservati speciali"
SVIZZERA
5 ore
La priorità numero uno per le FFS? «La puntualità»
Vincent Ducrot non ritiene che l'obbligo di mascherina dissuada le persone dal prendere i treni
SVIZZERA
6 ore
«Senza mascherina si scende dal treno»
A Berna sono state spiegate le modifiche che entreranno in vigore da lunedì.
SVIZZERA
7 ore
Anche oggi più di 100 nuovi casi
Negli ultimi tre giorni i nuovi contagi sono sempre stati più di 100: ieri 116, mercoledì 137.
VALLESE
8 ore
Collisione fra due treni a Oberwald, alcuni feriti
Un convoglio merci è entrato in collisione con il fianco destro di un treno regionale.
SVIZZERA
8 ore
Turismo pronto al test estivo, ma il Röstigraben blocca i romandi
Se gli svizzerotedeschi si spostano volentieri nelle altre regioni, lo stesso non si può dire dei "cugini" francofoni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile