La moderatrice Anic Lautenschlager.
SVIZZERA
03.01.19 - 06:070
Aggiornamento : 07:27

Srf 3: la moderatrice fa la battuta e tira in ballo Hitler

È accaduto nel corso di un programma satirico andato in onda sulla rete pubblica il 1. gennaio

ZURIGO - L’obiettivo era quello di anticipare alcuni degli eventi in calendario nell’anno in corso. Per cui, in “Comedy Ausblick 2019”, si è parlato anche di Eurovision Song Contest.

Le fasi finali del concorso canoro, come ben sappiamo, quest’anno si svolgeranno a Tel Aviv. E Anic Lautenschlager, moderatrice 34enne in quegli istanti al microfono, ha parlato di «un evento gay in un Paese ebraico, che si potrebbe anche definire l’incubo di Hitler».

Interpellato da 20 minuten, Roman Heggli, colui alla guida di Pinkcross, ritiene «problematico che sulle frequenze della radio pubblica si facciano battute sconsiderate». E anche se non trova la stessa discriminatoria, auspica, perlomeno, «un po’ più di tatto».

Jonathan Kreutner, segretario generale della Federazione svizzera delle comunità israelite (Fsci), dal canto suo, sostiene che «la satira è consentita in svariate forme, a condizione però che non risulti diffamatoria». E in questo caso, secondo Kreutner, non è accaduto.

Infine, come vedono quanto accaduto in Srf? Secondo Pascal Scherrer, direttore di Srf 3, la battuta della collega non sarebbe nulla di problematico e in linea con il programma satirico andato in onda.

 

TOP NEWS Svizzera
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
4 ore

L’allerta si concretizza: mezza Svizzera sotto l’acqua, muore una turista

Non solo pioggia, ma anche grandine e forti raffiche di vento. A Ginevra chicchi da 5 centimetri di diametro. 23 mm di pioggia in dieci minuti nel canton Vaud

FOTO
ZURIGO
6 ore

L'arcobaleno invade le strade di Zurigo

Erano in 55'000, secondo gli organizzatori, a festeggiare la 55esima edizione del Pride sotto il motto "Strong in Diversity"

ARGOVIA
7 ore

Puntava il fucile contro i passanti, arrestato un 39enne

L'uomo si era rintanato in casa ma poco dopo mezzanotte si è consegnato alla polizia. Alla base, forse, una discussione di poco conto

FOTO
SVIZZERA
9 ore

Non un'onda, ma una marea viola: ieri erano più di 500'000

«Il 14 giugno 2019 passerà alla storia come la più grande azione politica nella storia elvetica dallo sciopero generale del 1918», scrive USS

VIDEO
GRIGIONI
10 ore

«Il nostro bussino è stato spazzato via dalla corrente»

Parlano i due turisti tedeschi che stavano dormendo nel loro mezzo posteggiato a Splügen quando è scoppiato il nubifragio. I soccorritori: «Hanno avuto molta fortuna»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report