Immobili
Veicoli
keystone
BERNA
27.12.18 - 09:540

L'industria svizzera sostiene l'accordo quadro con l'UE, Hildebrand no

L'ex presidente della BNS consiglia di fare una pausa con Bruxelles

BERNA - L'industria svizzera sostiene l'accordo quadro negoziato tra la Confederazione e l'UE. Non c'è migliore soluzione in vista, sottolinea il presidente di Swissmem Hans Hess. Dal canto suo, l'ex presidente della BNS Philipp Hildebrand consiglia di fare una pausa con Bruxelles.

L'accordo quadro istituzionale, sottoposto in consultazione dal Consiglio federale, è adeguato alle necessità della Svizzera, osserva Hess in un'intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. «Non penso che negozieremmo un accordo migliore tra tre o quattro anni», rileva il presidente di Swissmem, l'associazione padronale dell'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica.

Hess intende impegnarsi «con tutte le sue forze» per la via bilaterale. A suo avviso, l'industria esportatrice ha un bisogno urgente di nuovi accordi d'accesso al mercato europeo. «Senza accordo quadro, la via bilaterale terminerà e il prezzo da pagare sarà chiaramente troppo elevato per la Svizzera».

Il presidente di Swissmem invita i sindacati e le federazioni a concentrarsi sulla situazione nel suo insieme. «L'economia è unita dietro la via bilaterale», afferma Hess. «L'accordo istituzionale permette un accesso praticamente senza discriminazioni al mercato interno dell'UE, una certezza giuridica, in particolare per quel che concerne l'equivalenza borsistica o gli ostacoli al commercio, nonché di negoziare altre convenzioni commerciali, per esempio per il settore elettrico», aggiunge.

Il tempo gioca a nostro favore - Di parere diverso è invece Philipp Hildebrand: l'ex presidente della Banca nazionale svizzera (BNS) vede grosse difficoltà politiche per la ratifica dell'accordo quadro, in particolare a causa della protezione dei salari e dall'immigrazione. In un'intervista concessa ai giornali del gruppo Tamedia, Hildebrand critica la strategia del governo. «Sono un po' sorpreso che il Consiglio federale abbia pubblicato il documento senza troppe spiegazioni. Quella di non prendere posizione non è sicuramente l'opzione migliore a breve termine».

L'ex presidente dell'istituto di emissione ritiene possibile che Berna e Bruxelles non giungano a un accordo, citando l'esempio della Brexit. Hildebrand consiglia alla Svizzera di «prepararsi al peggior scenario di rottura con l'UE».

L'ex presidente della BNS sottolinea tuttavia che il tempo gioca in favore di Berna, poiché Bruxelles ha gli stessi problemi della Svizzera. «Gli stessi europei constatano che imprese estere hanno salari estremamente bassi, che entrano in concorrenza con le ditte nazionali. Questa tematica ritornerà sul tavolo», assicura Hildebrand.

A suo avviso, anche la questione di sapere se gli immigrati possano beneficiare immediatamente dell'aiuto sociale e come l'immigrazione possa essere controllata rischia di essere nuovamente regolamentata nell'UE.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
23 min
Dal tabacco ai media: come voterete il 13 febbraio?
Manca meno di un mese al primo appuntamento alle urne del 2022. Partecipate al nostro sondaggio
ZURIGO / QATAR
6 ore
Il boss della FIFA ora vive in Qatar
In attesa dei Mondiali, in novembre, Gianni Infantino si è trasferito nell'emirato da ottobre.
SVIZZERA
7 ore
Quando al rifiuto dell'imbarco segue la violenza
Nel 2021 si sono moltiplicati gli episodi di passeggeri in escandescenza, anche all'aeroporto di Zurigo
SONDAGGIO
SVIZZERA
9 ore
Lavorare quattro giorni alla settimana con lo stesso stipendio
È così in alcune grandi aziende internazionali. Ma alcune piccole imprese elvetiche stanno sperimentando il modello
VAUD
11 ore
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
14 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
SVIZZERA
15 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
BERNA / SVEZIA
17 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
19 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
1 gior
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile