keystone
GINEVRA
18.12.18 - 14:040
Aggiornamento : 16:59

Spinta paradossale per l'occupazione dei frontalieri

La preferenza indigena, pensata per frenare la disoccupazione svizzera, giova anche alle persone in cerca di lavoro con sede in Francia

GINEVRA - Una nuova domanda di impiego frontaliero in luglio, tre in agosto, 27 in settembre, 84 in ottobre, 49 in novembre. Dall'entrata in vigore della preferenza indigena il 1 ° luglio, il numero di permessi G o di svizzeri residenti in Francia e iscritti alla disoccupazione è aumentato. E lo stesso anche a livello svizzero. 

«Invece di una vera priorità per chi vive in Svizzera, ora abbiamo una priorità per gli stranieri», replica sulle pagine del Blick un afflitto Albert Rösti, che vede una nuova deviazione dall'iniziativa "Contro l'immigrazione di massa". «È un disastro per tutti quegli svizzeri con più di 50 anni in cerca di lavoro». 

La preferenza indigena è l'obbligo dei datori di lavoro di annunciare le posizioni vacanti presso gli uffici di collocamento regionali, e la possibilità per i disoccupati di consultarli cinque giorni prima della loro pubblicazione ufficiale. 

Il portavoce del Dipartimento dell'impiego, degli affari sociali e della salute, Laurent Paoliello precisa che i lavoratori frontalieri, che devono essere iscritti all'ufficio di collocamento, hanno accesso solo alle informazioni. E i datori di lavoro non hanno alcun obbligo di riceverli.

Anche il deputato socialista Romain de Sainte Marie si dice «non convinto dell'efficacia» della preferenza indigena nelle assunzioni. «Noi non sappiamo nemmeno il numero di posti di lavoro annunciati, quindi è esagerato parlare di meccanismo perverso». Il deputato sottolinea pure che il frontalierato ha contribuito alla disoccupazione. «Ma è normale che abbiano accesso alle informazioni relative al collocamento».

Ana Roch, presidente dell'MCG, deplora il fatto che Berna abbia concepito «una misura che ignora i problemi dei cantoni di confine e genera un effetto perverso. La cintura del paese, a loro non importa. Mettere una clausola per i lavoratori transfrontalieri, per la Confederazione e per i benpensanti, va contro la libera circolazione. Certo, non possiamo dire ai lavoratori frontalieri: puoi guardare ma non toccare. Viva i bilaterali...».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
5 min
Trentatré reclute con la diarrea
Il norovirus ha colpito la caserma di Sion
SVIZZERA
32 min
Problemi tecnici per Twint
Almeno da venerdì si riscontrano delle difficoltà nella trasmissione di denaro
GRIGIONI
3 ore
WEF: domani i riflettori sono puntati su Greta e Trump
Il Forum economico vuole mettere al centro il cambiamento climatico
GRIGIONI
5 ore
«A Davos gli scienziati e i giovani leader possono lasciare il segno»
La presidente della commissione europea Ursula von der Leyen ha inaugurato oggi il 50esimo Forum economico mondiale nella località grigionese
FRIBURGO
6 ore
Rapina alla banca di Attalens, gli autori confessano
I due, 10 giorni fa, avevano minacciato i dipendenti dell'istituto e un cliente con una pistola, prima di fuggire con diverse decine di migliaia di franchi
SAN GALLO
6 ore
«Sono stata trattata come una ladra»
Alla cassa automatica una studentessa voleva pagare separatamente alcuni articoli. Ma è finita in un controllo a campione ed è stata accusata di tentato furto
SVIZZERA / CANTONE
8 ore
Il guasto di Swisscom dovuto a «materiale difettoso»
La principale società di telecomunicazioni ha reso noto i motivi della panne che venerdì mattina ha paralizzato le proprie reti di telefonia fissa in quasi tutto il Paese (Ticino compreso)
SVIZZERA
9 ore
La notte più fredda si ferma a -24 gradi
La temperatura è stata registrata a Samedan. A Stabio il termometro è sceso di cinque gradi sotto allo zero
VAUD
10 ore
Quella tragica carambola che ha ucciso un uomo
L'incidente, avvenuto sabato a Bussigny, ha provocato anche quattro feriti gravi. Tre i veicoli coinvolti. La polizia cerca testimoni per comprendere la dinamica
FOTO
SAN GALLO
11 ore
«Ho pensato fosse uno scherzo, poi ho visto il sangue»
Durante le riprese di un film in un bar di Rapperswil-Jona, si è sfiorato il dramma. I membri della troupe raccontano quei momenti di terrore
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile