keystone
GINEVRA
18.12.18 - 14:040
Aggiornamento : 16:59

Spinta paradossale per l'occupazione dei frontalieri

La preferenza indigena, pensata per frenare la disoccupazione svizzera, giova anche alle persone in cerca di lavoro con sede in Francia

GINEVRA - Una nuova domanda di impiego frontaliero in luglio, tre in agosto, 27 in settembre, 84 in ottobre, 49 in novembre. Dall'entrata in vigore della preferenza indigena il 1 ° luglio, il numero di permessi G o di svizzeri residenti in Francia e iscritti alla disoccupazione è aumentato. E lo stesso anche a livello svizzero. 

«Invece di una vera priorità per chi vive in Svizzera, ora abbiamo una priorità per gli stranieri», replica sulle pagine del Blick un afflitto Albert Rösti, che vede una nuova deviazione dall'iniziativa "Contro l'immigrazione di massa". «È un disastro per tutti quegli svizzeri con più di 50 anni in cerca di lavoro». 

La preferenza indigena è l'obbligo dei datori di lavoro di annunciare le posizioni vacanti presso gli uffici di collocamento regionali, e la possibilità per i disoccupati di consultarli cinque giorni prima della loro pubblicazione ufficiale. 

Il portavoce del Dipartimento dell'impiego, degli affari sociali e della salute, Laurent Paoliello precisa che i lavoratori frontalieri, che devono essere iscritti all'ufficio di collocamento, hanno accesso solo alle informazioni. E i datori di lavoro non hanno alcun obbligo di riceverli.

Anche il deputato socialista Romain de Sainte Marie si dice «non convinto dell'efficacia» della preferenza indigena nelle assunzioni. «Noi non sappiamo nemmeno il numero di posti di lavoro annunciati, quindi è esagerato parlare di meccanismo perverso». Il deputato sottolinea pure che il frontalierato ha contribuito alla disoccupazione. «Ma è normale che abbiano accesso alle informazioni relative al collocamento».

Ana Roch, presidente dell'MCG, deplora il fatto che Berna abbia concepito «una misura che ignora i problemi dei cantoni di confine e genera un effetto perverso. La cintura del paese, a loro non importa. Mettere una clausola per i lavoratori transfrontalieri, per la Confederazione e per i benpensanti, va contro la libera circolazione. Certo, non possiamo dire ai lavoratori frontalieri: puoi guardare ma non toccare. Viva i bilaterali...».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
47 min

Dramma familiare, il padre collaborava con la Polizia

Quattro persone sono morte giovedì a Affoltern am Albis. Il quartiere è sotto shock mentre perseguono le indagini per chiarire le circostanze esatte della tragedia

VIDEO
BERNA
48 min

Fattoria distrutta da un incendio a Kirchberg

Persone ad animali sono stati messi al sicuro. Niente da fare invece per l'edificio

OBVALDO
2 ore

Moto in fiamme dopo un frontale, grave un centauro

Il giovane si è scontrato con un'auto che era finita nella sua corsia

NIDVALDO
13 ore

Guasto alla funivia, turisti riportati a valle in elicottero

150-200 persone sono rimaste bloccate sulla cima dello Stanserhorn a causa di un problema tecnico

ARGOVIA
20 ore

Parla il pescatore: «Ho visto il caimano nel lago»

Per la prima volta prende la parola il testimone che ha visto il rettile nel lago. La polizia: «Diverse segnalazioni, ma escludiamo un’azione di ricerca»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile