Ti Press
SVIZZERA
17.12.18 - 15:090
Aggiornamento : 16:22

Ma quale avarizia, sarà un Natale da record

Mai come quest'anno gli svizzeri metteranno mano al portafogli per i doni natalizi. Il Ticino è però la regione "con le braccia più corte"

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Bando all'avarizia sotto Natale: stando a un sondaggio realizzato per conto della società di consulenza EY gli svizzeri prevedono di spendere la cifra record di 310 franchi a testa per regali. In prima fila vi sono dolci, libri e giocattoli.

Il dato - che emerge da un rilevamento di 400 persone adulte effettuato in ottobre in tutto il paese - è assai superiore a quello dell'anno scorso (272 franchi) e rappresenta un nuovo primato dopo quello del 2010 (301 franchi).

A voler aprire il portafogli sono soprattutto gli uomini, che intendono spendere 328 franchi (+56 rispetto al 2017), ma anche le donne segnano una crescita: più 18 franchi a 291 franchi. Particolarmente propensa ad allargare i cordoni della borsa è la fascia dei 36-45enni, che mettono in conto 429 franchi (+21%).

I ticinesi hanno la braccia corte - Le differenze regionali rimangono importanti: fra chi abita nella regione del Lemano (404 franchi) e chi risiede nella Svizzera orientale (262 franchi) corrono 142 franchi di differenza. Il Ticino in questa classifica si schiera con i più "poveri" (286 franchi, +15 franchi rispetto a dodici mesi prima).

A beneficiare della voglia di generosità saranno soprattutto i centri commerciali, dove verrà speso il 39% del budget natalizio (-2 punti rispetto all'anno scorso). I negozi specializzati rimangono stabili al 36%, mentre i punti vendita online scendono leggermente (16%, -2 punti), emerge dall'inchiesta realizzata da un istituto demoscopico a scadenza annuale sin dal 2009.

I negozi tengono duro - La preferenza dei consumatori fra online e negozio "fisico" va spesso a quest'ultimo (64%, -12 punti), grazie al fatto che è possibile valutare meglio la merce. L'8% (-3 punti) propende a favore del web - in questo caso si fa attenzione al servizio 24 ore su 24 e alla possibilità di evitare centri città sovraffollati - mentre per il 28% (+15 punti) i due canali sono equivalenti.

L'atmosfera prenatalizia nelle città o nei centri commerciali è molto importante per il 19% del campione, abbastanza importante per il 44%, poco importante per il 28% e per nulla importante per il 9%. Per il 35% degli interrogati gli eventi organizzati nell'ambito del Natale sono un incentivo in più a recarsi in città o nel centro commerciale, per il 47% vanno bene ma non sono decisivi, mentre il 9% li considera un disturbo.

Previdenti, anche a Natale - Il 6% (-4 punti) pensa di acquistare i regali solamente all'estero, il 21% (+3 punti) lo farà almeno in parte, mentre il 73% (+1 punto) spenderà nella Confederazione. Gli svizzeri si confermano inoltre previdenti anche in materia di Natale: il 12% compra i doni in ottobre o prima, il 22% in novembre, il 49% 3-4 settimane prima e solo il 17% 1-2 settimane prima.

Ma cosa regalare? Si punterà soprattutto su alimentari e dolci (76%), libri (58%), giocattoli (+54%), denaro o buoni in denaro (52%), vestiti (46%), CD o DVD (33%), cosmetici (31%), biglietti eventi (26%), gioielli (17%), articoli di arredamento (16%), articoli sportivi (15%) e articoli legati alla salute (13%).

Commenti
 
Caniggia 5 mesi fa su tio
siamo cordiali, con gli stipendi che sono la metà e costi della vita uguali cosa vi aspettavate?
Tato50 5 mesi fa su tio
@Caniggia Se non avessi due nipotine avrei votato diversamente e cioè l'ultima domanda ;-)
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
25 min

È morto Niki Lauda

L’ex pilota di Formula 1 è deceduto in una clinica svizzera. Aveva 70 anni

VIDEO
SVIZZERA
47 min

Le buone azioni ci fanno bene

Quando si fa una buona azione, non si aiutano soltanto gli altri ma anche se stessi. Non mancano infatti i benefici per la mente e il corpo

FOTO
VAUD
9 ore

I ciclisti nudi "vestiti" dai vandali

Una campagna dell'Ufficio per la prevenzione degli incidenti è stata giudicata troppo audace

BERNA
11 ore

Un incidente nucleare causerebbe conseguenze devastanti

È quanto emerge da uno studio svolto da ambientalisti, che con un petizione intendono rimettere in agenda l'uscita dal nucleare

FOTO E VIDEO
ZURIGO
11 ore

Esce a fare jogging e scompare. Cento poliziotti lo cercano

Del 33enne Patrick Bizzarri non si hanno più notizie da ieri pomeriggio. La polizia zurighese ha lanciato una vera e propria caccia all'uomo nei boschi attorno a Zurigo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report